13.9 C
Belluno
mercoledì, Settembre 28, 2022
Home Prima Pagina Gli auguri di un buon anno scolastico della Provincia agli studenti

Gli auguri di un buon anno scolastico della Provincia agli studenti

Serenella Bogana

«Riponiamo grandi aspettative nelle nostre ragazze e nei nostri ragazzi. Il nuovo anno scolastico dia loro occasioni di formazione e di crescita, e offra al territorio bellunese la possibilità di investire sui giovani e sulle loro competenze».

È l’augurio della Provincia alla vigilia della prima campanella. A formularlo è la consigliera provinciale delegata all’istruzione, Serenella Bogana, in un anno che si preannuncia complicato per effetto del rincaro dei prezzi energetici.

«Doveva essere l’anno della ripartenza, dopo l’archiviazione del Covid e delle restrizioni vissute in pandemia. Invece siamo ben consapevoli delle difficoltà che si stagliano all’orizzonte del nuovo anno scolastico. I nostri uffici stimano aumenti nelle bollette di luce e gas tali da quintuplicare i costi degli anni scorsi. E questo problema si aggiunge a quelli “tipici” della scuola bellunese, dove mancano insegnanti e convittori».

La consigliera ricorda tutte le comunicazioni inviate al Ministero per richiedere deroghe ai numeri minimi previsti per attivare convitti e classi. E anche i viaggi a Roma da parte dell’amministrazione provinciale. «Non abbiamo ancora avuto risposte ufficiali e questo la dice lunga sulla considerazione che è riservata al nostro territorio, ultima periferia dell’impero. Ciononostante, le nostre scuole continuano a offrire percorsi formativi di assoluto livello, alcuni dei quali rappresentano un unicum a livello regionale, come l’agrario di Vellai, l’alberghiero Dolomieu, lo Ski College di Falcade, solo per citarne alcuni. Questo è merito della passione degli insegnanti e della visione lungimirante dei dirigenti scolastici, che quotidianamente continuano a lavorare seminando germi di conoscenza e insegnando cosa significano impegno e dedizione. È a loro, e ai ragazzi tutti, che auguriamo un buon anno scolastico, ricco di soddisfazioni e di occasioni formative. Buon lavoro a presidi e docenti, in quell’impegno quotidiano che richiede di essere guide oltre che che insegnanti. A loro siamo grati perché in una società che tende a svilire il ruolo didattico e formativo della scuola, continuano a rappresentare un baluardo di servizi irrinunciabili, specialmente in un territorio di montagna».

Share
- Advertisment -

Popolari

La Cassa Rurale Dolomiti dona 10mila euro alla delegazione bellunese del Soccorso Alpino. Barattin: “Risorsa preziosa per l’acquisto di nuovi droni e per la...

“Il nostro istituto porta la montagna, e in particolar modo le Dolomiti, nella propria ragione sociale, ma anche in molte delle proprie iniziative imprenditoriali...

Sabato la conferenza Buzzati minore, ma non troppo. Autografi, libri preziosi, speciali e rari buzzatiani della Biblioteca civica di Belluno

Sabato 1 ottobre alle ore 10:00, nell’aula magna del Seminario Gregoriano di Belluno si terrà la conferenza Buzzati minore, ma non troppo. Autografi, libri...

Presidenzialismo. Trabucco: “Approccio superficiale”

All'indomani delle elezioni politiche del 25 settembre 2022, il partito di maggioranza relativa (Fratelli d'Italia), in modo pienamente legittimo, ha illustrato uno dei punti...

Riqualificazione energetica dell’edificio Kraller. Saranno riservati 8 alloggi ai lavoratori temporanei

Belluno, 27 settembre 2022 - Via libera oggi in giunta al progetto definitivo/esecutivo di riqualificazione energetica dell’edificio Kraller, in via Lungardo. L’operazione, finanziata dal...
Share