13.9 C
Belluno
sabato, Ottobre 1, 2022
Home Cronaca/Politica Erika Stefani: "Il percorso per l'autonomia al Veneto è stato fermato dal...

Erika Stefani: “Il percorso per l’autonomia al Veneto è stato fermato dal ministro Gelmini”

“La montagna bellunese non sarà lasciata sola”. L’ha detto forte e chiaro questa mattina, nel corso dell’incontro con la stampa nella sede della Lega di Belluno, il ministro Erika Stefani. Dopo i saluti iniziali del referente provinciale del partito, Franco Gidoni, il ministro ha preso parola per ricordare il suo recente impegno nel campo della disabilità e, prima, quello per l’autonomia del Veneto e per la legge della montagna.

“Il percorso per far ottenere l’autonomia al Veneto era stato praticamente ultimato – spiega il ministro -, mancava solo il passaggio in Parlamento, ma la corsa si è fermata quando la questione è passata in mano al ministro Gelmini. Con il Governo Conte, lo sappiamo, questa proposta non ha avuto l’attenzione che meritava. Ma noi non demordiamo e ha rassicurato tutti su questo fronte: tra i suoi primi impegni, quando il nuovo Governo diventerà operativo, ci sarà quello di riprendere il percorso dell’autonomia”.

Accanto al ministro, hanno preso parte al punto con la stampa anche i candidati Ingrid Bisa, Gianangelo Bof, Germano Racchella, Franco Manzato e Giuseppe Paolin che si sono presentati e hanno portato il loro saluto promettendo, anche loro, di non dimenticare le terre alte bellunesi. L’intento emerso dalla mattinata di oggi è quello di una forte condivisione con i territori coinvolti, perché leggi e provvedimenti che saranno discussi nei palazzi romani siano sempre frutto di un precedente ascolto delle comunità e dei loro rappresentanti.

“Questo impegno espresso dai candidati e dal ministro ci fa ben sperare – commenta Gidoni -. Sappiamo tutti, e ci è stato chiaro con le recenti candidature, come la nostra provincia abbia pagato un prezzo alto in termini di rappresentanza, con la nuova legge elettorale per questo il nostro auspicio, come Lega di Belluno, è che i parlamentari che saranno eletti si prendano davvero a carico il problema e spingano per modificare la legge, così da garantire rappresentanza anche alle piccole realtà come la nostra. Non solo, se il 25 settembre la Lega otterrà un buon risultato auspichiamo che venga riconosciuto un ruolo nell’ambito governativo anche ad un rappresentante del Bellunese”.

Share
- Advertisment -

Popolari

Le opere di Luciano De Polo al punto vendita vini “Casere” di Cavarzano

Belluno, 1° ottobre 2022 - Prosegue con successo la rassegna artistica ideata da Roberto Bogo nel suo negozio di Cavarzano, punto vendita di vini...

Presentata ieri al Centro congressi Giovanni 23mo la nuova guida rossa Belluno città splendente

Ha avuto luogo ieri, venerdì 30 settembre al Centro Giovanni XXIII di Belluno, la presentazione della guida “Belluno città splendente. Storia, architettura, arte” tanto attesa dalla...

Andre Fiocco è il nuovo segretario provinciale della Cgil Funzione Pubblica. Subentra a Gianluigi Della Giacoma

Oggi, a Sedico, presso il Centro Formazione e Sicurezza, è stato eletto il nuovo Segretario Generale della Fp-CGIL di Belluno. Le delegate e i delegati...

Tornano in vigore da domani a Belluno le inutili ordinanze anti smog

Belluno, 30 settembre 2022 - Entrano in vigore da domani, sabato 1 ottobre, le due nuove ordinanze comunali “antismog” (N.358 “Misure di limitazione della...
Share