13.9 C
Belluno
lunedì, Settembre 26, 2022
Home Cronaca/Politica Dal Bus del Buson al Museo Fulcis a piedi lungo l'Ardo. Studio...

Dal Bus del Buson al Museo Fulcis a piedi lungo l’Ardo. Studio del progetto per portare in città l’Alta via n.1

Il sindaco di Belluno Oscar De Pellegrin e il presidente del Parco Nazionale Dolomiti Bellunesi Ennio Vigne

Portare il Parco in città, collegare l’Alta via numero 1 al centro storico e, poi, alla rete museale del capoluogo. I turisti, allora, potrebbero scendere dalla Schiara, passare per il Bus del Buson e poi giù lungo l’Ardo fino a Piazza Piloni.

“Abbiamo avviato un confronto con il presidente del Parco Nazionale Dolomiti Bellunesi Ennio Vigne – spiega il sindaco di Belluno, Oscar De Pellegrin – per sondare le possibilità di realizzare un nuovo tracciato, un proseguimento dell’Alta via numero 1 attraverso i boschi e lungo l’asta del torrente Ardo. Ora per raggiungere la città è necessario camminare lungo la strada, se si riuscisse a creare il tracciato allora in futuro la passeggiata potrebbe proseguire nella natura, attraverso luoghi di interesse storico come le officine Orzes e l’ex pescicoltura di Fisterre. Un progetto a cui aveva già pensato Piero Rossi, tra i padri del nostro Parco”.

Il percorso sarebbe in parte da realizzare da zero, in parte utilizzerebbe il tracciato già esistente che da Fisterre si collega a Borgo Pra. A finanziarlo potrebbero essere fondi dell’ente Parco. “Belluno è l’unico capoluogo di provincia all’interno di un Parco nazionale – spiega il sindaco -, nella nostra città nel giro di pochi chilometri si può passare da un’escursione tra le Dolomiti alle sale di un museo, spostandosi a piedi. Non è mica una cosa da poco, è una prerogativa del nostro territorio che va valorizzata e il sentiero di collegamento con il centro storico si muove in questa direzione. Siamo ai confronti iniziali, non è ancora partito nulla, ma c’è l’intenzione di cogliere l’occasione di questi fondi e di farlo con un progetto di cui Belluno ha bisogno”.

“E’ un progetto interessante sotto l’aspetto turistico e della sicurezza – spiega l’assessore ai lavori pubblici, Franco Roccon -. L’Alta via numero 1 passa per le Case Bortot, scende quindi in centro città e prosegue poi verso il Nevegal, ma il transito lungo la strada di Bolzano Bellunese verso Fisterre, ora come ora, è pericoloso. L’iniziativa permetterebbe di proseguire il tracciato nella natura, in tutta sicurezza e potendo godere di luoghi incantevoli lungo l’asta dell’Ardo. Esiste già uno studio realizzato anni fa dall’Ascom proprio su questo percorso, sarà un punto di partenza prezioso. Nei prossimi giorni incontreremo i portatori d’interesse e capiremo meglio la fattibilità e i costi dell’operazione”.

Share
- Advertisment -

Popolari

Presentata la nuova guida rossa. Belluno Città Splendente – Storia, Architettura, Arte

E' stata presentata questa mattina alla stampa la nuova edizione della guida di Belluno che ha rivisto, modificato e ampliato la famosa “Guida rossa”...

Progetto teatrale “Scuola, amore mio”. La Compagnia Bretelle Lasche cerca giovani dai 15 ai 17 anni

La compagnia teatrale Bretelle Lasche (APS senza scopo di lucro) cerca ragazzi dai 15 ai 17 anni, motivati, per il nuovo spettacolo che sta allestendo,...

Elezioni politiche: Meloni vince, Fratelli d’Italia primo partito

Trionfo di Giorgia Meloni, Fratelli d'Italia è il primo partito, seguito dal Movimento 5 Stelle e Lega. La coalizione del centrodestra raggiunge il 44%...

Motivi principali per il boom di Bitcoin

Bitcoin ha raggiunto un prezzo storico superiore a $64.000 nel 2021. A livello globale, questa valuta virtuale ha ottenuto una crescente accettazione da parte...
Share