13.9 C
Belluno
lunedì, Luglio 15, 2024
HomePrima PaginaScuola, la Provincia fa il punto sugli interventi negli istituti superiori

Scuola, la Provincia fa il punto sugli interventi negli istituti superiori

La vicepresidente Lucia Da Rold: «Continuiamo a pressare il ministero per la dotazione di personale»

Lucia Da Rold, vicesindaco di Ponte nelle Alpi e vicepresidente Provincia con deleghe all’edilizia scolastica, welfare, volontariato e sociale, e pari opportunità.

«Gli edifici scolastici sono pronti per l’avvio del nuovo anno. Stiamo completando in queste settimane tutti gli interventi necessari per rendere sempre più accoglienti e sicure le nostre scuole. Quello su cui insistiamo è la dotazione di personale, che dipende dal ministero». A poco più di un mese dall’inizio della scuola, la vice presidente della Provincia di Belluno con delega all’edilizia scolastica, Lucia Da Rold, fa il punto della situazione.

La Provincia, dopo i corposi interventi di adeguamento Covid effettuati nell’estate 2020 e 2021, non ha mancato quest’anno di rifinire tutte quelle operazioni necessarie a rispondere alle esigenze degli istituti superiori di competenza. In particolare, all’istituto agrario di Vellai ha realizzato gli spazi per il convitto femminile (un intervento da 70mila euro che consentirà di ospitare una ventina di ragazze all’interno della scuola) e sta completando la costruzione di un collegamento tra la palestra e la scuola. In corso d’opera anche l’adeguamento sismico al Brustolon, l’adeguamento alle norme antincendio dell’istituto alberghiero di Cortina, e una sistemazione al tetto dell’istituto ottici di Pieve di Cadore. Infine, è quasi completata l’operazione alla palestra del Calvi, che restituirà una struttura molto più funzionale e sicura di quella in uso fino a un anno fa.

«La somma degli interventi ci consente di cominciare l’anno scolastico con strutture rinnovate o comunque con spazi sempre più accoglienti per ragazzi e insegnanti» sottolinea la vice presidente. «La Provincia sta facendo tutto quello che è nelle sue possibilità per garantire un’offerta didattica all’altezza. Molto però dipende dal ministero, a cui stiamo continuando a chiedere due cose: una deroga sulla dotazione organica, in particolare per quanto riguarda gli educatori da assegnare ai convitti; e la possibilità di sperimentare i convitti d’area, slegati dai singoli istituti, quanto mai indispensabili per un’area montana dove le distanze sono spesso motivo di scelta di una scuola piuttosto che di un’altra».

Oltre agli interventi in corso d’opera, nell’agenda della Provincia sono programmate anche operazioni molto importanti che richiederanno diversi anni di lavori. A cominciare dai progetti risultati vincitori dei bandi Pnrr, che metteranno a nuovo il Negrelli di Feltre, la mensa dell’istituto agrario di Vellai e la palestra del Colotti, oltre al rifacimento della palestra del Dal Piaz (intervento che è stato ricondotto all’interno del Piano nazionale ripresa e resilienza). «Inoltre, sono stati programmati interventi per circa 14 milioni di euro – conclude la vice presidente della Provincia -. In particolare per la realizzazione della nuova azienda agricola a Vellai, per l’adeguamento dell’istituto Segato e per l’antisismica e l’antincendio del liceo Tiziano. In questo caso si tratta di lavori molto corposi che saranno programmati a partire dal 2023».

 

- Advertisment -

Popolari