13.9 C
Belluno
mercoledì, Agosto 10, 2022
Home Sport, tempo libero Dolomiti Bellunesi, terzo giorno di ritiro a San Vito di Cadore. Luca...

Dolomiti Bellunesi, terzo giorno di ritiro a San Vito di Cadore. Luca Piazzi: «Mentalità vincente e intensità, ma non chiediamo alla squadra di vincere il campionato»

I vertici SSD Dolomiti con il sindaco Caruzzo

Prosegue con profitto, serenità ed entusiasmo il ritiro della SSD Dolomiti Bellunesi, a San Vito di Cadore. Alla seduta pomeridiana ha assistito pure il sindaco Emanuele Caruzzo: «Siamo felici di ospitare la squadra della provincia. Spero che questa esperienza possa proseguire anche in futuro». Nel frattempo, il gruppo affina la condizione, oltre che le conoscenze a livello tecnico-tattico, all’interno dello spogliatoio e al di fuori del rettangolo verde: «È un buon periodo – afferma il direttore generale, Luca Piazzi -. I ragazzi stanno bene assieme e interpretano il lavoro quotidiano con lo spirito giusto».

BUDGET – Nell’allestire la rosa, il direttore ha seguito delle linee guida ben precise: «Abbiamo prestato una particolare attenzione al rapporto qualità-prezzo, cercando giocatori magari meno affermati, ma con un’età che permetta loro di avere ampi margini di crescita. Non giudico le società che hanno impostato un determinato mercato, allestendo formazioni sulla carta più forti della nostra, ma noi abbiamo deciso di investire buona parte del budget per creare una struttura societaria che, col tempo, dia la possibilità al club di rimanere in una categoria professionistica. E in modo sostenibile». Il progetto, quindi, è agli albori: «L’obiettivo non è quello di vincere subito il campionato, ma di iniziare un percorso orientato a salire di categoria, creando i presupposti organizzativi e infrastrutturali: come lo sviluppo dello stadio e dei centri sportivi. Ora siamo concentrati su questi aspetti e a migliorare la professionalità».

MENTALITÀ – Nessun dubbio, la SSD Dolomiti Bellunesi scenderà in campo ogni domenica col coltello fra i denti: «Vogliamo creare una mentalità vincente – prosegue Piazzi -. L’ho già dichiarato: proveremo a vincere qualsiasi partita. Questo non significa che poi le vinceremo tutte, ma che avremo il coraggio di provarci. E, per farlo, cercheremo di proporre un tipo di calcio che dia poco tempo e spazio agli avversari, ricercando un modello di gioco intenso e dominante». E qui si intreccia la decisione di affidarsi a Lucio Brando: «Il mister ha le caratteristiche che cercavamo. Siamo convinti che le sue idee siano aderenti alla nostra filosofia».

LAVORO – Tutto comunque parte dal lavoro: «Allenarsi tanto non basta. Bisogna allenarsi bene. Solo così è possibile formare atleti che saranno pronti, più avanti, per il salto fra i grandi. In questo senso, vogliamo che le selezioni del settore giovanile abbiano un’impronta comune in termini di gioco. E, un domani, la portino in prima squadra». La strada è tracciata: «Siamo dilettanti – conclude il direttore generale – ma vogliamo attuare un’idea di stampo professionistico. E far sì che il territorio si identifichi nella squadra: non necessariamente puntando sul concetto di “bellunesità”. L’importante è che i calciatori abbiano lo stesso pensiero, la stessa filosofia e lo stesso modo di intendere il calcio. E che a loro volta si identifichino nel club».

Share
- Advertisment -

Popolari

Tre Cime. Dolomiti Bus si scusa con i viaggiatori: «Stiamo installando una nuova obliteratrice per diminuire i tempi di attesa»

Questa mattina si sono registrati alcuni ritardi nel servizio Dolomiti Bus relativo alle Tre Cime di Lavaredo. La biglietteria è rimasta inattiva per un'ora...

Auronzo Comelico, De Menech: “Sentenza storica del Tar”

Belluno, 9 agosto 2022   -   "Accogliamo con soddisfazione la sentenza del Tar grazie alla quale sono stati rigettati i nuovi vincoli paesaggistici su Auronzo...

Rigenerazione dell’ex caserma Fantuzzi, il consiglio provinciale vara l’atto di indirizzo preliminare alla permuta con l’Agenzia del Demanio

Approvato anche il Dup 2023-2025. Padrin: «Raggio dell'azione di governo ridotto per il crollo delle entrate» L'idea di riqualificare l'ex caserma Fantuzzi e realizzare una...

Vincoli Comelico-Auronzo, la Provincia tra i vincitori del ricorso. Il presidente: «La tutela della montagna non può prescindere dalla lotta allo spopolamento»

«Se c'è una pietra tombale sulla tutela della montagna e dei paesaggi dolomitici, è lo spopolamento, nient'altro. Lo ha compreso anche il Tar». È il...
Share