13.9 C
Belluno
venerdì, Dicembre 2, 2022
Home Cronaca/Politica Il Consiglio di amministrazione della Fondazione Dolomiti Unesco incontra il sindaco di...

Il Consiglio di amministrazione della Fondazione Dolomiti Unesco incontra il sindaco di Cortina. Sul tavolo la nuova sede e i temi olimpici

Tonina presidente Fondazione Dolomiti Unesco, Lorenzi sindaco Cortina, Padrin presidente Provincia

Cortina d’Ampezzo, 18 luglio 2022 – Oggi a Cortina il presidente della Fondazione Dolomiti Unesco Mario Tonina (vicepresidente della Provincia Autonoma di Trento) ha incontrato il neoeletto sindaco Gianluca Lorenzi. Un’occasione importante che rinnova la collaborazione fra i due enti nel solco delle relazioni intrecciate con le precedenti amministrazioni. È infatti dal 2011 che la sede della Fondazione è ospite degli spazi del Comune, al primo piano del prestigioso Palazzo del Comun Vecio, e nell’autunno prossimo – grazie all’amministrazione comunale – avverrà il trasferimento degli uffici nella casa cantoniera di recente restauro ad Acquabona, frazione alle porte di Cortina.

All’incontro, oltre al presidente Tonina e alla direttrice della Fondazione Mara Nemela, erano presenti altri due rappresentanti del Consiglio d’amministrazione della Fondazione Dolomiti Unesco: il presidente della Provincia di Belluno Roberto Padrin e il sindaco del Comune di Erto e Casso Antonio Carrara. I rappresentanti del cda hanno ribadito la volontà della Fondazione di partecipare ai tavoli di lavoro delle Olimpiadi Milano Cortina 2026, per contribuire a dar vita a un evento sostenibile e coerente con i valori e l’integrità della Dolomiti Patrimonio Mondiale Unesco. Un contributo che può essere positivo anche per le competenze maturate dalla Fondazione in termini di comunicazione e conservazione attiva e partecipata del Patrimonio Mondiale dolomitico.

«La sostenibilità ambientale, ma anche sociale ed economica, dei Giochi è stata posta alla base fin dall’espressione della candidatura di Milano-Cortina. E siamo convinti che possa essere non solo un valore aggiunto, ma un criterio da porre come esempio per tutte le future edizioni delle Olimpiadi» sottolinea Roberto Padrin. «In questo senso, la collaborazione con tra la Fondazione e il Comune di Cortina ha un ruolo fondamentale. Valorizzare le nostre montagne attraverso l’appuntamento olimpico è sicuramente uno degli obiettivi, e siamo convinti che saranno proprio le Dolomiti a imprimere quel valore aggiunto alle Olimpiadi che solo un territorio patrimonio dell’umanità sa dare».

Share
- Advertisment -

Popolari

Clandestini con documenti contraffatti su voli di linea da Malta. Arrestato in Francia un trafficante

Le Fiamme Gialle del Comando Provinciale di Treviso, con la collaborazione del II Reparto del Comando Generale della Guardia di Finanza e del Servizio...

I Zattieri del Piave riconosciuti dall’Unesco patrimonio culturale immateriale dell’umanità

Belluno, 1 dicembre 2022 - Dopo 17 anni di impegno l'Unesco ha riconosciuto che gli Zattieri sono da oggi un patrimonio culturale immateriale dell'umanità. Lo...

Cortina Skiworld, aprono gli impianti con un dicembre pieno di appuntamenti

Tanti gli eventi per celebrare l'inizio dell'inverno in pista. Aspettando il Cortina Fashion Weekend, da domani si scia oltre che in Col Gallina sulla...

Caro bollette, chiude l’unico negozio a Santa Croce. L’opposizione scrive al sindaco di Alpago

Alpago, 1 dicembre 2022 . "Abbiamo sentito l’esigenza di stimolare l’Amministrazione ad una riflessione comune sul tema della crisi economica che sta colpendo cittadini,...
Share