13.9 C
Belluno
venerdì, Agosto 12, 2022
Home Cronaca/Politica Oltre 200 alla festa dei Bellunesi nel Mondo

Oltre 200 alla festa dei Bellunesi nel Mondo

Tradizione rispettata. Dopo due anni di stop forzato causa covid, è tornata la festa dei bellunesi nel mondo. Un appuntamento da sempre capace di richiamare in provincia gli emigranti sparsi per il pianeta.

Oltre duecento le persone rientrate da Europa e America per riunirsi con l’Abm a Sospirolo, sotto il tendone allestito a Gron dalla Pro loco “Monti del Sole” e dagli Amici di Flores da Cunha. A loro, infatti, l’Associazione Bellunesi nel Mondo si è affidata per l’organizzazione dell’evento, patrocinato dal Comune. Un evento che tra pranzo, musica e vecchi aneddoti ha permesso di celebrare un pezzo fondamentale della storia bellunese, una storia fatta di partenze, ritorni, sacrifici e successi all’estero. Un passato variegato, ricco di tante vicende umane, tutte unite da un unico filo conduttore: l’amore per il territorio di origine, mai dimenticato e sempre nel cuore anche di chi gli è fisicamente più lontano. Quell’amore da cui erano animati i sindaci che l’Abm ha voluto commemorare in un commovente momento di riflessione. Sì, perché oltre ai festeggiamenti uno spazio della giornata a Gron è stato dedicato al ricordo degli amministratori locali scomparsi negli ultimi cinque anni.

«Persone – ha detto il presidente dei Bellunesi nel Mondo, Oscar De Bona – che hanno dato tanto al Bellunese, vicine alla nostra Associazione e soprattutto alle comunità emigrate dei loro comuni». Ecco perché l’Abm e la Provincia di Belluno (rappresentata dal presidente Roberto Padrin) hanno pensato di tributare loro un omaggio con una pergamena consegnata ai famigliari. Il riconoscimento è andato a Ennio Pellizzari (Fonzaso), Eusebio Zandonel e Guido De Zordo (Cibiana), Mario e Nizzardo Tremonti (Lorenzago), Sisto Belli (Feltre), Giuseppe Lise (Agordo), Giuseppe Menia (Danta), Giacomo Gregori (Vodo), Elio Daurù (Rocca Pietore), Gianni Pezzei (Livinallongo), Flaminio Da Deppo (Domegge), Ongaro Rizieri (Cencenighe).

«Uomini delle istituzioni, cui va un plauso speciale perché, se parliamo di espatri, merito va dato anche a chi ha scelto di rimanere nel proprio paese e ha dato un grande contributo al territorio», il commento dell’onorevole Roger De Menech, complimentatosi con l’Abm per il lavoro con cui «mantiene vivo il collegamento tra passato e presente».
Conclusa la festa – «riuscitissima, siamo più che soddisfatti e ringraziamo sentitamente chi ha concretamente reso possibile tutto questo», la sintesi di De Bona – l’Abm è già al lavoro per le prossime iniziative: il Premio internazionale “bellunesi che onorano la provincia di Belluno in Italia e all’estero” (a fine novembre, a Sedico) e il ritrovo estivo del prossimo anno, che si terrà, come annunciato dallo stesso Oscar De Bona, a Valle di Cadore.

Share
- Advertisment -

Popolari

Eventi calamitosi del 2020: il Governo riconosce 1 milione di euro al Comune di Ponte nelle Alpi

Il Governo riconosce 1 milione di euro al Comune di Ponte nelle Alpi per gli eventi calamitosi del 29 agosto 2020. Quel giorno, una...

Interventi di soccorso in montagna

Belluno, 11 - 08 - 22 Verso le 15.20 l'elicottero di Dolomiti Emergency, alla centesima missione, è volato lungo il sentiero 215 che scende...

Carceri. Capece (Sindacato autonomo polizia penitenziaria) replica al capo delle carceri Renoldi: “L’iniziativa Ferragosto in carcere è sinonimo di ipocrisia istituzionale”

"Leggo con sgomento le dichiarazioni odierne del Capo del DAP dipartimento amministrazione penitenziaria Carlo Renoldi che dispone il Ferragosto in carcere per lui e...

Alberi monumentali. Anche il liriodendro di Buzzati nell’elenco delle piante del Comune di Belluno

“Dietro la vecchia casa di campagna, era già immenso e antico, quando io comparvi piccolo bambino”: così Dino Buzzati, nell’ultimo elzeviro da lui scritto...
Share