13.9 C
Belluno
giovedì, Agosto 11, 2022
Home Pausa Caffè Limana Magnalonga Valmorel, sabato 2 luglio il giro in notturna. Domenica 10...

Limana Magnalonga Valmorel, sabato 2 luglio il giro in notturna. Domenica 10 gli altri appuntamenti

E’ ormai tutto pronto per la Limana Magnalonga Valmorel. Giunta alla diciassettesima edizione, la passeggiata enogastronomica attraverso i luoghi cari a Dino Buzzati unisce rinnovamento e tradizione.

Il punto della situazione è stato fatto ieri mattina nel municipio di Limana dai rappresentanti delle tre anime del comitato organizzatore: Cinzia Dal Molin (assessore al turismo del Comune di Limana), Davide Praloran (presidente della Pro Loco Limana) e Sergio Venturin (presidente del comitato frazionale di Valmorel, Cros, Navenze e Laste). Presente anche, per il Consorzio turistico Dolomiti Prealpi (partner della manifestazione per la promozione), Micaela Bordignon.

«Quest’anno torniamo a pieno regime – esordisce Dal Molin – dopo lo stop forzato del 2020 e l’edizione del 2021, nella quale abbiamo dovuto convivere con le pesanti restrizioni per il covid. Ma era importante dare continuità ad una manifestazione che vive grazie all’impegno di tantissime persone, in gran parte volontari. Fermarsi per due anni di file avrebbe reso difficile ripartire».

Invece la Magnalonga riparte e si amplia. «Ci sono due novità – prosegua l’assessore al turismo di Limana – ovvero la Magnalonga in notturna, che abbiamo denominato “Aspettando la Magnalonga” e che riprende un’idea già sperimentata nel 2019. L’appuntamento è per sabato 2 luglio, con partenza e ritorno a malga Montegal e le consuete tappe enogastronomiche, che sono sei. Il riscontro è stato positivo e le iscrizioni si sono già chiuse».

L’altra novità è la camminata all’alba, domenica 10 luglio, in concomitanza con la manifestazione “Classica”. «E’ qualcosa di nuovo che abbiamo voluto offrire – sono le parole di Dal Molin – consci che non stiamo parlando di una camminata adatta a tutti. Sia per l’orario (si parte prima dell’alba da Malga Pianezze per poter ammirare il sorgere del Sole dal crinale delle Prealpi) sia per le difficoltà. Si sale di 400 metri in poco più di 2,5 km. Poi si rientra, con più tranquillità, gustando i piatti della tradizione preparati dai ristoratori del nostro territorio, che ringrazio per essere sempre al nostro fianco e per la passione e l’inventiva che ci mettono ogni anno».

E poi restano i due appuntamenti tipici: il Giro delle Malghe e il Giro delle Creste. Ognuno con le sue peculiarità. Il primo, più breve e dolce, adatto alle famiglie. Il secondo, più lungo, adatto a tutti coloro che vogliono passare una giornata in allegria. Accompagnati dai volontari: «Saranno due per gruppo, come da tradizione – spiega Dal Molin – e avranno il compito non solo di accompagnare, ma di far scoprire un territorio magnifico da un punto di vista diverso». Lungo il percorso, le immancabili tappe enogastronomiche, intrattenimenti musicali e alcune sorprese.

Le iscrizioni per i tre eventi di domenica 10 sono ancora aperte, chiuderanno domenica 3 luglio: «ci sono ancora posti disponibili – chiude Dal Molin – soprattutto per il giro all’alba, per i primi turni del Giro delle Creste e gli ultimi del Giro delle Malghe». Ci si può iscrivere solamente online, dal sito www.dolomitiprealpi.it (sezione eventi), www.adorable.it (sezione eventi) oppure dal sito ufficiale della manifestazione www.limanamagnalonga.it.

«Abbiamo voluto a tutti i costi mantenere invariato il costo – aggiunge il presidente della Pro Loco Limana, Davide Praloran – che è di 35 euro a persona (i bambini sotto i 10 anni non pagano) nonostante i costi siano aumentati del 30%, per tutte le difficoltà che ben conosciamo. Non aumentare i prezzi ha comportato un grande sforzo da parte di tutti, comune, Pro Loco, comitato di Valmorel e tutti i volontari. E dobbiamo ringraziare, naturalmente, i 15 sponsor che hanno creduto in noi. Sembra banale, ma non è scontato riprendere in mano manifestazioni così complesse da organizzare dopo due anni di stop pandemico: occorre riprendere il filo, motivare le persone. Serve un bel lavoro di squadra».

Serve il senso di comunità, come ribadisce il presidente del comitato frazionale di Valmorel, Sergio Venturin: «Come ogni manifestazione che cerchiamo di far vivere nel nostro territorio, anche la Magnalonga vive su un necessario equilibrio tra uomo e natura. Una formula che abbiamo cercato di realizzare da sempre, da quando, parecchi anni fa, abbiamo pensato a “Valmorel sotto le stelle”, il ciclo di appuntamenti estivi dei quali la Magnalonga, fin dalla sua nascita, è parte integrante».

 

Share
- Advertisment -

Popolari

Quale futuro per Bim Belluno Infrastrutture, che cessa la gestione del gas. Interrogazione dell’opposizione

Belluno, 10 agosto 2022 - All'ultimo consiglio comunale di Belluno di due giorni fa, i consiglieri di minoranza Lucia Olivotto, Ilenia Bavasso, Marco Perale...

La fila al primo incontro del mercoledì con i cittadini del sindaco De Pellegrin

Belluno, 10 agosto 2022 - Otto cittadini e istanze varie, dalla richiesta di interventi sul territorio a dubbi di edilizia privata, alla domanda di...

Feltre. Dopo 23 edizioni cala il sipario su Voilà. Le opposizioni: ecco la prima scelta di politica culturale dell’Amministrazione Fusaro

Feltre, 10 agosto 2022 - In attesa di capire quali siano i tempi degli antichi fasti della città cui la sindaca Fusaro fa spesso riferimento,...

Abbattimenti illegali, anche un’aquila reale. Tre arresti e due denunce tra il Primiero e il Bellunese.

È stata posta a termine dal Corpo forestale del Trentino l’attività di bracconaggio di un gruppo organizzato che operava - anche con l’impiego di...
Share