13.9 C
Belluno
giovedì, Dicembre 1, 2022
Home Cronaca/Politica De Pellegrin incontra gli artisti di Belluno Alza la Voce: «La cultura...

De Pellegrin incontra gli artisti di Belluno Alza la Voce: «La cultura ha valore educativo, è l’argine ai problemi sociali»

Oscar De Pellegrin

«La musica, l’arte e la cultura in generale hanno un’importanza anche educativa. Perché permettono di contrastare i fenomeni di disagio e di arginare i problemi tra i giovani. Prima di sanzionare, bisogna educare». Parole e musica di Oscar De Pellegrin. 

“Musica”, è proprio il caso di dirlo, visto che la riflessione del candidato sindaco è stata sviluppata in occasione dell’incontro-confronto con i giovani artisti di “Belluno Alza la Voce”: nello specifico, Giampaolo Rossi, Alessandro Casol e Davide De Faveri. 

Gli interpreti di un autentico inno alla vita, inciso dopo la tempesta Vaia, hanno chiesto a chi correrà per elezioni amministrative quale ruolo avrà la cultura all’interno del programma elettorale. E lo hanno fatto attraverso una lettera pubblica. 

La risposta del faro delle liste civiche “Belluno al centro e “Noi con Oscar” non si è fatta attendere. Anzi, De Pellegrin ha invitato gli artisti nella sede dell’Ascolteria. E l’appuntamento si è rivelato ricco di spunti: «Il mio metodo non è quello di imporre delle decisioni e poi di comunicarle alle ragazze e ai ragazzi. Prima è necessario parlare, confrontarsi. In questo senso, gli stessi giovani sono invitati a farsi avanti e a portare le loro idee. Perché progettazione significa anche corresponsabilità». 

La prospettiva è quella di creare un tavolo della cultura in cui tutti gli interessati possano far sentire la propria voce ed esprimere le loro diverse sensibilità: «Gli artisti hanno sottolineato la mancanza di una continuità in termini di eventi e i problemi di comunicazione tra le persone che vivono in centro e tra le associazioni. In altre parole, serve un coordinamento e noi siamo pronti a garantirlo. Non basta un concerto o un evento, è necessario un cammino da fare insieme con incontri e appuntamenti continui». In più, vanno coinvolte le scuole: «E va ampliata l’offerta formativa. Perché stimolare l’interesse alle varie forme d’arte, fin da piccoli, permetterebbe ai bambini e ragazzi, che un domani diventeranno adulti, di rimanere al riparo da situazioni e derive spiacevoli».

Servirebbero spazi adeguati per promuovere la musica e la cultura? Verissimo, ma il paradosso è che a Belluno i “contenitori” non mancano: «Per quanto riguarda gli spazi che potrebbero essere sfruttati dai giovani per alimentare la loro creatività, prima si decide la finalità di una determinata area, poi la si progetta e la si riqualifica. In questo senso, siamo pronti a ragionare a 360 gradi. Insieme, sempre e rigorosamente insieme. Senza imporre nulla». 

Share
- Advertisment -

Popolari

Gran finale al Mig, Premio Mastri Gelatieri, Premio MIG Green e l’attesissima 52ma Coppa d’Oro

52ma Coppa d’Oro, vince il gusto malaga di Barbara Bettera di Rivolta d’Adda Con gli ultimi concorsi si chiude la Mig 2022 Longarone, 30 novembre...

Vino & Arte in Villa in Valbelluna, prima edizione. Sabato a Villa Miari Fulcis a Modolo

Feltre, 30/11/2022  Grazie ad un contributo della Regione Veneto e la collaborazione tra Consorzio Dolomiti Prealpi, Villa Miari Fulcis e Villa San Liberale sono in...

Infiltrazioni criminalità organizzata nel tessuto economico del Veneto

Marghera, 30 novembre 2022. Quello dell’infiltrazione della criminalità organizzata nelle Imprese del Nord Est è purtroppo uno dei fenomeni che in questi ultimi anni...

Da giovedì 8 a domenica 11 dicembre nelle piazze il “Panettone fatto per bene” di Emergency

Il dolce tipico del Natale quest’anno avrà tutto un altro sapore: da giovedì 8 a domenica 11 dicembre 2022 Emergency sarà con i suoi...
Share