13.9 C
Belluno
sabato, Dicembre 10, 2022
Home Cronaca/Politica Cordoglio per la scomparsa di Flaminio Da Deppo

Cordoglio per la scomparsa di Flaminio Da Deppo

“La Magnifica Comunità di Cadore piange la morte di Flaminio Da Deppo che, da Assessore prima e Consigliere tecnico ora, ha sempre messo a disposizione dell’Ente e della comunità intera il suo impegno, la sua competenza, la sua passione. Il Cadore e la montagna bellunese perdono un protagonista dello sviluppo socio-economico del territorio, un amministratore capace che si è speso con generosità per il bene pubblico. L’improvvisa scomparsa lascia sgomenta la comunità cadorina e un grande vuoto nella nostra antica istituzione”.

Così Renzo Bortolot, presidente della Magnifica Comunità, ricorda la fondamentale collaborazione da sempre avuta con Da Deppo, gli stimoli, i confronti utili per la crescita del Cadore.

Al cordoglio aggiunge un abbraccio al figlio Matteo da parte dell’intera famiglia della Magnifica Comunità di Cadore.

“Con Flaminio Da Deppo se ne va un pezzo di una generazione di amministratori lungimiranti e visionari, profondi conoscitori della grande forza del Bellunese”. Lo afferma il deputato Dario Bond, alla notizia della scomparsa di Flaminio Da Deppo, già sindaco di Domegge e attualmente presidente del Gal Alto Bellunese. “Flaminio ‘Mimmo’ Da Deppo era uno di quei politici che lavorando con professionalità e impegno aveva saputo fare lobby a favore del territorio, per sviluppare le potenzialità del Cadore, in un periodo storico di transizione. Condoglianze alla sua famiglia e ai suoi cari”.

«Il territorio bellunese, in particolare quello montano del Cadore, perde una figura di riferimento, un uomo e un professionista che ha sempre lavorato con l’obiettivo di mettere a frutto le potenzialità delle comunità locali». Così il presidente della Provincia di Belluno, Roberto Padrin, in una nota di cordoglio per la scomparsa di Flaminio Da Deppo. «Da sindaco prima e da presidente del Gal Alto Bellunese poi, Da Deppo ha rappresentato quella generazione di amministratori in grado di dare un’impronta forte alla loro terra d’origine, consapevoli da un lato della fragilità del territorio, dall’altra delle grandi potenzialità. La provincia e il Cadore in special modo perdono una figura importante e un uomo di valore. Un pensiero va ai suoi familiari».

L’APPIA CNA di Belluno si unisce al cordoglio per la prematura scomparsa di Flaminio Da Deppo, figura di riferimento per la comunità del Cadore, sindaco di Domegge di Cadore e protagonista del Gruppo di Azione Locale Alto Bellunese.
Massimo Sposato, presidente dell’APPIA: “Siamo costernati per la perdita con Mimmo di una persona e di un amministratore che ha speso la sua vita al servizio della comunità cadorina, dei suoi cittadini, delle aziende e di tutte le sue realtà locali, tra le quali il mio comune di Domegge, adoperandosi in ogni modo per lo sviluppo del Cadore e del Bellunese, in una visione aperta al futuro e ispirata alle politiche europee. Esprimo alla famiglia e alla comunità tutta il mio personale cordoglio e quello degli imprenditori dell’APPIA.”

Confindustria Belluno Dolomiti esprime profondo cordoglio per la scomparsa improvvisa di Flaminio Da Deppo. “Un amministratore capace e lungimirante – sottolinea la Presidente Lorraine Berton – che ha fatto delle problematiche delle terre alte il tema dominante della sua azione amministrativa prima come sindaco di Domegge poi come presidente del Gal Alto Bellunese”. “Il bellunese, e il Cadore in particolare, perde un uomo di riferimento che ha dedicato la sua vita al servizio della comunità con grande intelligenza e apertura al dialogo. Esprimo ai familiari il mio personale cordoglio e quello degli imprenditori dell’Associazione Industriali di Belluno” – conclude Berton.

Confagricoltura piange la scomparsa di Da Deppo. Confagricoltura Belluno piange la scomparsa di Flaminio Da Deppo, presidente del Gal Alto Bellunese e in passato sindaco di Domegge. “Con sconforto apprendiamo che se n’è andato un amico dell’agricoltura di montagna – sottolinea Diego Donazzolo, presidente di Confagricoltura Belluno –, grande sostenitore dello sviluppo e del mantenimento del territorio bellunese. Da Deppo era una personalità carismatica, capace di far dialogare anche anime e visioni diverse, diventando il propulsore di progetti importanti per la comunità. Il suo entusiasmo e la sua capacità di mediazione lo ha portato a intrecciare importanti rapporti sia con il Trentino Alto Adige, sia oltreconfine con l’Austria, utilizzando i fondi europei per lo sviluppo dei nostri territori montani”.

Franco Gidoni, commissario provinciale Lega: “Non eravamo sulle stesse posizioni politiche, questo è chiaro, ma non possiamo disconoscere che fosse un uomo di grande capacità, un riferimento importante per la sua comunità, quella del Comelico, che amava e per la quale ha speso la vita. Da Deppo conosceva a fondo il territorio e i suoi abitanti, sapeva che per assicurare qualità della vita e mantenere la popolazione qui erano necessari servizi e investimenti e questa è stata la missione di tutta la sua vita”.

Silvia Cestaro, consigliere regionale: “Dire addio ad un altro amico è difficile. Flaminio per me era questo, una persona con la quale ridere e scherzare ma anche con la quale parlare dei problemi del Cadore e dell’alto bellunese nella montagna veneta. Un uomo che ha saputo portare risorse, idee e contributi al nostro territorio e che ha saputo parlare trasversalmente a tutti gli amministratori e ai tutti i portatori di interesse. A me mancherà molto. Colgo l’occasione per portare le condoglianze alla famiglia e per esprimere loro la mia vicinanza. Ciao Flaminio”.

Andrea De Bernardin, sindaco di Rocca Pietore, a nome anche dei sindaci agordini di cdx: “In poco più di un anno in Agordino abbiamo salutato 4 sindaci, Massimo De Vallier, Elio Daurù, Rizieri Ongaro e Gianni Pezzei. La notizia ora della scomparsa di Flaminio Da Deppo, ex sindaco di Domegge e, fino alla morte, presidente del Gal Alto Bellunese, lascia tutti sicuramente tristi. Io in questi mesi ho avuto un intenso scambio di opinioni con lui, ci siamo incontrati svariate volte anche con altri sindaci per tentare di dare seguito ad una presenza agordina nel Gal 1. Di lui serbo un buon ricordo, di una persona molto cordiale e sempre corretta. Anche a nome dei colleghi porgo le condoglianze alla famiglia”.

Marianna Hofer, sindaco di Valle di Cadore: “Di Da Deppo sentiremo molto la mancanza, e non solo perchè è stato un amministratore capace, molto impegnato per il bene del suo territorio, ma anche per lo spirito e per l’umanità con i quali ha portato avanti il suo ruolo. Di lui ricorderò sempre il sorriso, quel fare buono, quel trattarmi sempre con simpatia e bonarietà come volesse prendermi sotto la sua ala protettrice. Andava al di là delle posizione politica delle persone e questo l’ho sempre apprezzato”

Mattia Gosetti, sindaco di Cibiana: “Flaminio Da Deppo per noi è stato una figura fondamentale, ci ha sempre aiutati a gestire i rapporti istituzionali con la comunità europea. Grazie a lui sono arrivati molti fondi sul territorio cadorino. Lo ricordo come una persona buona, socievole e molto disponibile a consigliare e ad aiutare noi giovani amministratori. Era il punto di riferimento per la programmazione e lo sviluppo del Cadore e ci mancherà tantissimo”.

«La scomparsa di Flaminio Da Deppo è un duro colpo per tutti noi. Innamorato della montagna e del suo Cadore dove è stato a lungo sindaco e Presidente di Comunità montana, Mimmo ha fatto parte di quella schiera di amministratori che a cavallo del volgere del secolo ha rimesso al centro il tema delle periferie urbane e dei territori deboli. In un momento in cui sembrava non ci fosse alcun futuro per quelle che oggi chiamiamo aree interne, Da Deppo ha lottato perché fossero riconosciute non solo la dignità e il diritto a vivere in montagna, ma soprattutto il valore dei prodotti materiali e immateriali che la montagna offre al resto del paese. Alla famiglia va la mia vicinanza e il mio cordoglio». Lo affermano il deputato bellunese Roger De Menech e la segretaria provinciale del Partito democratico Monica Lotto.

Paolo Doglioni, a nome di Confcommercio Belluno, esprime la più profondo cordoglio per la scomparsa di Flaminio Da Deppo. “La scomparsa di Flaminio Da Deppo segna una grave perdita per il nostro territorio. La sua competenza e propensione al confronto, alla ricerca delle migliori strade condivise di crescita e di sviluppo della nostra provincia sono un’eredità difficile da onorare degnamente. L’impegno comune a proseguire nella strada tracciata come amministratore locale e profondo appassionato ai temi sociali ed economici della nostra comunità sono un patrimonio che tutti noi dobbiamo impegnarci a perseguire.”

 

Share
- Advertisment -

Popolari

Legge di bilancio: presentate ai parlamentari eletti nei collegi di Belluno e Treviso le richieste della Cisl

Piena rivalutazione delle pensioni e nessun vincolo su Opzione Donna, riduzione ulteriore del cuneo fiscale, taglio del 3% per i redditi fino a 35...

Oggi l’Hockey Feltre sfida l’Hc Real Torino alle 18:30 al PalaFeltre

La prima squadra dell’Hockey Feltre continua con la seconda fase del campionato dopo la vittoria in casa dello scorso sabato contro l’HC Milano Old...

Il volontariato bellunese sfida il futuro. Venerdì 16 dicembre il convegno al Teatro comunale

Assessore Dal Pont: “Vogliamo diventi un appuntamento fisso per il terzo settore” Alle associazioni di volontariato della provincia, alle istituzioni e a tutta la comunità:...

Ponte nelle Alpi. Il Comune eroga 12mila euro di contributi alle associazioni di volontariato

Il Comune di Ponte nelle Alpi eroga 12mila euro di contributi alle associazioni di volontariato che operano in favore della comunità. In seguito alla crisi...
Share