13.9 C
Belluno
sabato, Dicembre 10, 2022
Home Cronaca/Politica Ponte nelle Alpi, Casa del Sole: iniziato il percorso di riqualificazione. Sarà...

Ponte nelle Alpi, Casa del Sole: iniziato il percorso di riqualificazione. Sarà una struttura aperta al territorio

Verifiche e sopralluoghi negli spazi della Casa del Sole. A Ponte nelle Alpi, si lavora per dare vita alla Cittadella dei Servizi che sorgerà negli edifici della Provincia, accanto alla casa di riposo, e che attualmente, solo in minima parte, vengono utilizzati da Aism (Associazione Italiana Sclerosi Multipla) e Belluno Donna (Centro Antiviolenza).

Dal 1864 (anno in cui la famiglia Manarin ha costruito gli stabili) al 1954, la struttura denominata “Casa del Sole” e acquistata dalla Provincia di Belluno ha avuto un ruolo di cura e assistenza. La storia dei luoghi abitati è anche storia di edifici, delle trasformazioni cui sono soggetti e del significato simbolico che assumono.

Casa del Sole 1949 – Visita del presidente del Consiglio De Gasperi

Casa del Sole 2003 – Visita del Premio Nobel Rita Levi Montalcini, sulla destra l’onorevole Bortot

Dal 1903 al 1923 l’area è stata sede del manicomio provinciale e, dal 1927 al 1954, Preventorio infantile antitubercolare. Dal 4 agosto 1997, il lato nord è sede della casa di riposo, il cui passato è davvero rilevante: nel 1949 fu visitata dall’allora presidente del Consiglio, Alcide De Gasperi, e nel 2003 dalla scienziata e premio Nobel, Rita Levi Montalcini.

Oggi, grazie a un accordo tra Provincia di Belluno, Ulss e Comune di Ponte nelle Alpi, è iniziato il percorso di riqualificazione della parte sud verso viale Roma e via dei Zattieri. L’incarico progettuale è stato affidato allo studio Made che ha già portato a termine gli interventi della Cittadella dei Servizi di Treviso. Ci saranno spazi per associazioni, servizi per la disabilità e l’accoglienza, e sarà un area aperta al territorio con collegamenti al Parco Casa Rossa, Scuola dell’Infanzia di Ponte nelle Alpi e Fondazione Casa del Sole.

Un’opportunità di socialità e servizi indirizzati a tutta la comunità provinciale, così come concordato dalle amministrazioni provinciale e comunale. Esprimono soddisfazione il presidente della Provincia, Roberto Padrin, il sindaco di Ponte nelle Alpi, Paolo Vendramini e la vice sindaca, nonché vice presidente della Provincia, Lucia Da Rold: «È plausibile che un piano della struttura possa essere utilizzato già dal 2024, mentre per la riqualificazione complessiva si pensa al 2026. Il percorso progettuale, avendo trovato l’unanimità in consiglio comunale a Ponte nelle Alpi, sarà condiviso con la popolazione e i portatori di interesse in apposite riunioni».

Share
- Advertisment -

Popolari

Legge di bilancio: presentate ai parlamentari eletti nei collegi di Belluno e Treviso le richieste della Cisl

Piena rivalutazione delle pensioni e nessun vincolo su Opzione Donna, riduzione ulteriore del cuneo fiscale, taglio del 3% per i redditi fino a 35...

Oggi l’Hockey Feltre sfida l’Hc Real Torino alle 18:30 al PalaFeltre

La prima squadra dell’Hockey Feltre continua con la seconda fase del campionato dopo la vittoria in casa dello scorso sabato contro l’HC Milano Old...

Il volontariato bellunese sfida il futuro. Venerdì 16 dicembre il convegno al Teatro comunale

Assessore Dal Pont: “Vogliamo diventi un appuntamento fisso per il terzo settore” Alle associazioni di volontariato della provincia, alle istituzioni e a tutta la comunità:...

Ponte nelle Alpi. Il Comune eroga 12mila euro di contributi alle associazioni di volontariato

Il Comune di Ponte nelle Alpi eroga 12mila euro di contributi alle associazioni di volontariato che operano in favore della comunità. In seguito alla crisi...
Share