13.9 C
Belluno
martedì, Dicembre 6, 2022
Home Cronaca/Politica Palestre, mensa, aree sportive: la Provincia ha presentato sei candidature per le...

Palestre, mensa, aree sportive: la Provincia ha presentato sei candidature per le scuole all’interno del Pnrr

Padrin: «Progetti importanti per assicurare spazi sempre più adeguati a insegnanti e ragazzi»

Roberto Padrin – Presidente della Provincia

Sono sei i progetti presentati dalla Provincia di Belluno all’interno dei bandi Pnrr per quanto riguarda le scuole e gli istituti scolastici. Interventi agli edifici, alle palestre e anche alle aree esterne. Si va dalla demolizione e ricostruzione in un caso, alla riqualificazione, passando per nuove realizzazioni, per un valore complessivo di oltre 20 milioni di euro.
I progetti sono stati presentati nei giorni scorsi, candidati ai bandi del Piano nazionale ripresa e resilienza.

I progetti
Il primo progetto presentato in ordine di tempo riguarda l’istituto di Feltre sede dell’Iti Negrelli-Forcellini di Feltre, per il quale è stata prevista un’operazione di demolizione e ricostruzione. La struttura attuale infatti presenta alcuni problemi difficilmente risolvibili attraverso una riqualificazione dell’esistente: la carenza di aule, l’assenza dell’aula magna, criticità importanti sul fronte del consumo energetico e costi importanti di adeguamento sismico e adeguamento normativo. Le stime di intervento sugli edifici attuali prevedono infatti un costo eccessivo e tempi di intervento molto lunghi (4/5 anni). Pertanto è stata scelta la via della ricostruzione ex novo sullo stesso sito, a seguito di demolizione. Il progetto complessivo vale 15,9 milioni di euro.

Due dei progetti presentati insistono sull’istituto tecnico economico Colotti, a Feltre. Il primo per la riqualificazione degli esterni, in particolare per quanto riguarda l’area sportiva, costruita diversi anni fa e oggi bisognosa di un ammodernamento consistente. Sarà pertanto realizzata una nuova pavimentazione; il rettilineo di velocità sarà completamente ripavimentato e saranno realizzate le segnaletiche necessarie; verrà rifatta la buca del salto in lungo e il campo di gioco polivalente vedrà un importante intervento. Il valore complessivo dell’operazione è di 234mila euro. Il secondo progetto invece vale 490mila euro e prevede il recupero della seconda palestra della scuola, attualmente non utilizzabile. In questo caso è previsto il rifacimento del campo di gioco, la fornitura delle attrezzature sportive necessarie e anche la realizzazione di nuovi spogliatoi e depositi per rendere la palestra autonoma e fruibile anche dalle associazioni.

Anche al liceo Dal Piaz di Feltre vengono previsti interventi all’esterno, in particolare sugli oltre 3mila metri quadrati dell’area sportiva, con rifacimento del campo polivalente, realizzazione di un campo da beach volley, e realizzazione di due gradinate. Il valore del progetto è di 400mila euro.

L’intervento presentato per l’istituto agrario Della Lucia di Vellai prevede invece la riqualificazione di cucina e mensa, che allo stato attuale necessitano di una riorganizzazione e di un ammodernamento, per un valore di 1,1 milioni di euro.

Infine, il sesto progetto prevede la realizzazione di una nuova palestra, a servizio dell’istituto tecnico industriale Segato di Belluno (oggi sprovvisto), all’interno dell’area dell’ex caserma Fantuzzi. L’edificio verrà costruito sulla vecchia piazza d’armi, parzialmente interrato per rispettare le altezze richieste dal vincolo monumentale attribuito al piazzale, e come soluzione di divisione tra l’area scolastica e la zona di pertinenza della Questura. È prevista una scalinata che parte della sistemazione dell’area esterna in modo da fungere oltre che da percorso di collegamento per l’accesso anche da sedute per i ragazzi. Il piano complessivo vale 2,4 milioni di euro.

«Ringrazio gli uffici per aver predisposto in tempi rapidissimi progetti importanti per il futuro delle nostre scuole – afferma il presidente della Provincia, Roberto Padrin -. Non è stato facile selezionare gli istituti adeguati alle candidature, perché i parametri dei bandi Pnrr sono molto rigidi. In ogni caso, per molte altre scuole non candidate nell’ambito del Piano nazionale di ripresa e resilienza sono già previste operazioni derivanti da altre linee di finanziamento. L’obiettivo è dare luoghi sicuri e accoglienti ai nostri studenti e agli insegnanti, in una visione sempre più rispondente alle esigenze delle scuole».

Share
- Advertisment -

Popolari

Cordoglio per la scomparsa del dottor Cielo

Belluno, 5 dicembre 2022 - L’Ulss Dolomiti porge le più sentite condoglianze alle famiglia del dottor Roberto Cielo, apprezzato primario di Medicina prima all’ospedale di...

Incontro con Pasquale Pugliese, sabato 10 dicembre a Belluno

Dopo l’adesione alla mobilitazione per la pace di oltre 100 piazze di comuni italiani il 22 ottobre con il banchetto informativo in Piazza dei...

Tre milioni a sostegno degli adolescenti per il disagio della pandemia. Lanzarin: “Supporto psicologico in tutta la Regione”

La Giunta regionale, su proposta dell’assessore alla Sanità e alle Politiche sociali, Manuela Lanzarin, ha deliberato il finanziamento complessivo di 3.110.048 euro per l’attività...

Comune di Belluno Calendario condiviso degli eventi 2023. Proposte da inviare entro il 19 dicembre

Sono iniziati i lavori per redigere il calendario condiviso degli eventi 2023 del Comune di Belluno. Nei giorni scorsi l’amministrazione ha inviato alle associazioni...
Share