13.9 C
Belluno
mercoledì, Dicembre 7, 2022
Home Sanità Caro energia. Grubissa (Federfarma Belluno): "Ci saranno riflessi anche per le farmacie"

Caro energia. Grubissa (Federfarma Belluno): “Ci saranno riflessi anche per le farmacie”

Roberto Grubissa

L’aumento dei costi energetici avrà conseguenze anche nelle farmacie. “Ci sono le prime avvisaglie, la situazione sarà più chiara tra qualche settimana – dichiara il presidente di Federfarma Belluno Roberto Grubissa -, ma prevedo meno consegne e ottimizzazione della logistica il che non è necessariamente negativo. Per la popolazione non cambierà nulla”.

I distributori interni dei farmaci e tutta la catena della logistica meccanizzata stanno subendo forti rincari e questo si ripercuoterà, di conseguenza, sulle consegne dei prodotti sul territorio. Ma non ci saranno disagi per i cittadini, assicurano da Federfarma. “I grossisti hanno sempre effettuato almeno due consegne al giorno, di conseguenza una farmacia riceveva quotidianamente dai 4 ai 6 fornitori – spiega Grubissa -. Al momento qualcuno ha già iniziato a consegnare una sola volta, quotidianamente ma una volta, credo che progressivamente si allineeranno anche gli altri e faranno allo stesso modo. Cosa cambierà per la popolazione? Direi quasi niente, un farmaco non sarà più disponibile nel giro di 12 ore ma nel giro di 24, il giorno dopo insomma. D’altra parte in farmacia non si possono gestire migliaia di prodotti magari molto simili tra loro, è necessario restringere la raggiera tenendo solo certe marche e ordinando, al bisogno, le altre”.

Sul fronte tamponi la pressione sulle farmacie si sta allentando. Dopo mesi di coda a tutte le ore fuori dall’ingresso e turni massacranti per assicurare il servizio a tutti, la diffusione della campagna vaccinale e il gran numero di cittadini che hanno contratto la malattia e ottenuto il green pass ha decisamente ristretto il numero di chi si sottopone con frequenza al test. “Oggi ci si sottopone alla verifica Covid per lo più perché si avvertono sintomi spesse volte riportabili, poi, alle patologie di stagione – spiega ancora Grubissa -. In questo momento sono diffuse faringiti, laringiti, raffreddori e tosse tipici del cambio di stagione, ma essendosi creata una forte coscienza collettiva le persone non appena avvertono un malessere eseguono il tampone, perciò arrivano intere famiglie. Molti novax in queste settimane si sono ammalati e hanno ottenuto il greenpass, certo resta uno zoccolo duro, ma sempre più risicato, di chi continua a richiedere il test regolarmente”.

Share
- Advertisment -

Popolari

Scherma storica. Argento al Trofeo Ducale 2022 di Parma

Scherma Storica Dolomiti sul secondo gradino del podio in Spada a Due Mani Lo scorso fine settimana (3-4 dicembre) due atleti di ASD Scherma Storica...

Nuoto. Trofeo Città di Belluno: un grande successo dentro e fuori dall’acqua

Grazie a uno splendido, armonioso ed efficace gioco di squadra, la Sportivamente Belluno manda in archivio con successo quella che è ormai diventata la...

Settantamila euro dalla Regione per la bonifica al campo sportivo di Castion

La Regione stanzia 70mila euro per la bonifica al campo sportivo di Castion. Il sito contaminato dagli idrocarburi sarà bonificato con un contributo eccezionale. “Avevamo...

Poste italiane assume in Cadore

Belluno, 6 dicembre 2022 – Poste Italiane prosegue la ricerca di personale da inserire nel proprio organico negli uffici postali e di recapito del...
Share