13.9 C
Belluno
mercoledì, Novembre 30, 2022
Home Arte, Cultura, Spettacoli Appuntamenti La via dei santuari. Sabato pomeriggio la conferenza di Padovan al Palazzo...

La via dei santuari. Sabato pomeriggio la conferenza di Padovan al Palazzo delle Contesse di Mel

Palazzo delle Contesse di Mel – Borgo Valbelluna

Ultimo appuntamento di approfondimento organizzato nell’ambito della mostra “Tra preistoria e medioevo. Ritrovamenti archeologici dal territorio di Mel, Trichiana e Lentiai” al Palazzo delle Contesse di Mel fino al 20 febbraio.

Sabato 19 febbraio si parlerà di età preromana e romana con Eugenio Padovan, giornalista e cultore locale, che presenterà “La via dei santuari”. L’appuntamento è per le ore 17.30 nella sala convegni del Palazzo delle Contesse di Mel (Borgo Valbelluna). A seguire possibilità di visita guidata alla mostra. Accesso libero con green pass rafforzato e mascherina ffp2. Info: www.museomel.it

Eugenio Padovan

L’itinerario, spiega Padovan, tocca i santuari e le necropoli dell’età del ferro e di età romana del Monte Altare (Vittorio Veneto), di Villa di Villa di Cordignano e di Gurina (Austria) attraversando puntualmente tutto il territorio bellunese. Si snoda lungo la Val Lapisina ed entra nell’Alpago costeggiando le rive del Lago di S. Croce, fino a raggiungere le necropoli di Pian de la Gnela (VII-V secolo a.C.) e di Staol (I-IV secolo d.C.). Da qui (da un’altitudine di circa 900 metri) si scende verso Polpet (Ponte nelle Alpi) e la valle del Piave. Sulla base delle evidenze archeologiche il percorso ricalca antichi tragitti preromani e romani, sui quali si sono soffermati con studi pubblicazioni e perlustrazioni del territorio Anton Von Zach, Alessio De Bon, Giovanni Tomasi e gli appassionati Gildo De Min e Francesco Prest. Il De Min e il Prest hanno documentato la sezione di percorso lungo le pendici del Col Visentin sino ai Coi de Pera (Losego). Tratto dove si trova un sito nel quale nell’estate del 2021 è stato effettuato un scavo archeologico, finanziato dal comune di Alpago e originato dal ritrovamento di una lamina a pelle di bue con iscrizione latina puntolinata. Entrando nella valle del Piave e seguendo la via studiata dal De Bon, si toccano i centri di Castellavazzo (comune di Longarone) e l’importante area sacra di Lagole (VI secolo a.C. – IV secolo d.C.). Dopo Lagole si raggiunge Cima Gogna e, seguendo la valle dell’Ansiei, si tocca Auronzo dove era attivo l’importante santuario del Monte Calvario (II secolo a.C. – VI secolo d.C.). Salendo, verso il Comelico, attraverso la direttrice De Bon si arriva al confine tra la X Regio e il Noricum dove sorgeva l’accampamento romano di Passo di Monte Croce Comelico (IV-V secolo d.C.) con strutture lignee, confrontabili con la torre romana di Gogna-Treponti del IV secolo d.C. Superata la fortificazione del passo si raggiunge la valle del Gail e la piccola collina della Gurina presso Dellach (Austria) i cui resti archeologici trovano stretto confronto linguistico venetico e non solo con la stipe votiva Lagole.

 

Share
- Advertisment -

Popolari

Gran finale al Mig, Premio Mastri Gelatieri, Premio MIG Green e l’attesissima 52ma Coppa d’Oro

52ma Coppa d’Oro, vince il gusto malaga di Barbara Bettera di Rivolta d’Adda Con gli ultimi concorsi si chiude la Mig 2022 Longarone, 30 novembre...

Vino & Arte in Villa in Valbelluna, prima edizione. Sabato a Villa Miari Fulcis a Modolo

Feltre, 30/11/2022  Grazie ad un contributo della Regione Veneto e la collaborazione tra Consorzio Dolomiti Prealpi, Villa Miari Fulcis e Villa San Liberale sono in...

Infiltrazioni criminalità organizzata nel tessuto economico del Veneto

Marghera, 30 novembre 2022. Quello dell’infiltrazione della criminalità organizzata nelle Imprese del Nord Est è purtroppo uno dei fenomeni che in questi ultimi anni...

Da giovedì 8 a domenica 11 dicembre nelle piazze il “Panettone fatto per bene” di Emergency

Il dolce tipico del Natale quest’anno avrà tutto un altro sapore: da giovedì 8 a domenica 11 dicembre 2022 Emergency sarà con i suoi...
Share