13.9 C
Belluno
sabato, Dicembre 10, 2022
Home Lavoro, Economia, Turismo Pnrr, incontro on line di Confindustria con Federico Fabbrini. Berton: "I progetti...

Pnrr, incontro on line di Confindustria con Federico Fabbrini. Berton: “I progetti vanno messi a terra in tempi brevi”

Lorraine Berton

Belluno, 16 febbraio 2022 – “Il PNRR è una grande opportunità per le imprese e i territori, soprattutto per la montagna, ma dobbiamo conoscerlo meglio. Per mettere a terra i progetti in tempi brevi, è necessario fare un ulteriore sforzo di comprensione e di analisi. L’operazione del Next Generation Eu è sia economica che culturale”.

A esserne convinta è Lorraine Berton, presidente di Confindustria Belluno Dolomiti, guardando all’incontro che domani pomeriggio – giovedì 17 febbraio – si terrà con Federico Fabbrini, autore del libro “Next Generation EU – Il futuro di Europa e Italia dopo la pandemia”.

L’evento – on line sulla piattaforma Zoom e sui canali social dell’Associazione bellunese degli Industriali – inizierà alle 17 con gli interventi della stessa Berton, di Federico D’Incà, ministro per i Rapporti con il Parlamento, e Marco Bussone, presidente di Uncem. Modererà Andrea Ferrazzi, direttore di Confindustria Belluno Dolomiti. L’invito a partecipare è stato esteso anche ai sindaci e ai presidenti di Unione montana della provincia: “È un incontro aperto a tutti: pubblico e privato sono entrambi chiamati a fare la loro parte e porsi obiettivi comuni e condivisi. Il tempo stringe”, sottolinea Berton.

Nel suo libro, edito da Il Mulino, Fabbrini – professore ordinario di diritto dell’Unione Europea alla Dublin City University in Irlanda, dove dirige il Centro d’Eccellenza Jean Monnet Rebuild – si concentra sulle modalità di funzionamento del Next Generation EU, sulla sua struttura giuridica e sui suoi meccanismi di finanziamento e spesa.

Durante l’incontro, l’autore contestualizzerà anche l’inedita scelta politica di consentire alla Commissione europea di emettere debito europeo: un’iniziativa senza precedenti, che apre alla possibilità di completare l’Unione economica e monetaria con una vera capacità fiscale e di bilancio e, di conseguenza, a un rilancio epocale del progetto d’integrazione politica che fino a pochi anni fa veniva dipinto in crisi.

“Dobbiamo essere protagonisti di questa fase e non meri spettatori. La programmazione – soprattutto in un momento contrassegnato ancora da tante incertezze – è la base per poter guardare al futuro senza farsi travolgere dalle ansie del presente”, rimarca Berton. “Come sempre, le imprese devono essere attori responsabili e operativi”.

“Più in generale, grazie al Next Generation UE, possiamo rilanciare la necessità e l’urgenza di una politica europea della montagna, in grado di contrastare lo spopolamento e sviluppare interventi dedicati all’innovazione delle imprese delle terre alte”, la conclusione di Berton.

L’evento si terrà sia sulla piattaforma Zoom – previa compilazione della scheda di adesione sul sito internet di Confindustria Belluno Dolomiti – sia sulla pagina Facebook dell’Associazione.

Share
- Advertisment -

Popolari

Legge di bilancio: presentate ai parlamentari eletti nei collegi di Belluno e Treviso le richieste della Cisl

Piena rivalutazione delle pensioni e nessun vincolo su Opzione Donna, riduzione ulteriore del cuneo fiscale, taglio del 3% per i redditi fino a 35...

Oggi l’Hockey Feltre sfida l’Hc Real Torino alle 18:30 al PalaFeltre

La prima squadra dell’Hockey Feltre continua con la seconda fase del campionato dopo la vittoria in casa dello scorso sabato contro l’HC Milano Old...

Il volontariato bellunese sfida il futuro. Venerdì 16 dicembre il convegno al Teatro comunale

Assessore Dal Pont: “Vogliamo diventi un appuntamento fisso per il terzo settore” Alle associazioni di volontariato della provincia, alle istituzioni e a tutta la comunità:...

Ponte nelle Alpi. Il Comune eroga 12mila euro di contributi alle associazioni di volontariato

Il Comune di Ponte nelle Alpi eroga 12mila euro di contributi alle associazioni di volontariato che operano in favore della comunità. In seguito alla crisi...
Share