13.9 C
Belluno
giovedì, Giugno 30, 2022
Home Sanità Ritardo mentale e uso di alcol in gravidanza. I primi risultati di...

Ritardo mentale e uso di alcol in gravidanza. I primi risultati di Ginecologia di Belluno

Belluno, 18 gennaio 2022 – La Ginecologia e ostetricia di Belluno ha preso parte come centro satellite allo Studio osservazionale, prospettico, trasversale FASD, FAS: “Prevenzione, diagnosi  precoce e trattamento mirato dello spettro dei disturbi feto alcolici (Fetal Alcohol Spectrum Disorder, FASD) e della sindrome feto alcolica (Fetal Alcohol Syndrome, FAS)” promosso dall’ISS Istituto Superiore di Sanità a livello nazionale.

L’uso di alcol durante la gravidanza e la conseguente esposizione fetale può causare un numero di disordini dello sviluppo, noto come spettro dei disturbi feto alcolici (FASD), la cui patologia più grave è la sindrome fetoalcolica (FAS). La FAS rappresenta la prima causa conosciuta di ritardo mentale e nel bambino poi adulto, causando una disabilità mentale e neuro comportamentale permanente.
La FAS e la FASD sono però patologie prevenibili al 100% evitando del tutto il consumo di alcol durante la gravidanza e nei momenti precedenti ad essa quando si desidera avere un figlio. Questo perché ad oggi non si conosce la quantità di bevande alcoliche che si possono consumare in gravidanza senza nessun rischio per il feto.
Scopo dello studio è la raccolta di dati per valutare la reale prevalenza del consumo di alcol durante la gravidanza nella popolazione italiana, la letteratura infatti su questo argomento è insufficiente.
L’UOC di Belluno ha partecipato allo studio reclutando 25 donne gravide e 25 neonati , selezionati casualmente, che hanno aderito su base volontaria e anonima. Le donne gravide hanno risposto ad un questionario sulle loro abitudini di assunzione di alcol negli ultimi mesi e hanno donato una ciocca di capelli. I neonati, figli di donne diverse da quelle reclutate per la prima parte dello studio, hanno contribuito alla ricerca donando un campione del loro meconio.
Entrambi i campioni, capelli e meconio, sono stati inviati all’ ISS per essere analizzati e valutare se è avvenuta o meno l’esposizione al consumo di alcol, e in che quantità.
Al momento sono giunti i risultati delle analisi effettuate sui campioni di meconio inviati: nessuno dei 25 risulta pari, prossimo o superiore del cut off di sicurezza, pertanto durante la gravidanza il consumo di alcol materno è stato assente o estremamente limitato.

 

Share
- Advertisment -

Popolari

Nominato Paolo Camerotta primario del Servizio Veterinario di Igiene degli allevamenti e delle produzioni zootecniche

Paolo Camerotto è il nuovo direttore del Servizio Veterinario di Igiene degli allevamenti e delle produzioni zootecniche del Dipartimento di Prevenzione dell’Ulss Dolomiti. Classe 1957,...

Torre delle fate. Gruppo PD: “Inchiesta L’Espresso, Zaia chiarisca la vicenda davanti ai cittadini veneti”

"Sulla vicenda relativa alla villa 'Torre delle fate', acquistata da Luca Zaia e oggetto di interventi di ristrutturazione, il PD aveva già chiesto nel...

Messa in sicurezza dell’abitato di Villaga: sei interventi per 1 milione di euro. Gosetti: «Primo stralcio che garantisce vivibilità alla frazione»

Feltre, 29 giugno 2022 - Taglio del nastro oggi, a Villaga, per il complesso di interventi di messa in sicurezza dell'abitato messo in campo...

I centri diurni “Via Medaglie d’Oro” e “Le Casette” partecipano alla Mostra dell’Artigianato di Feltre

I Centri Diurni per persone con disabilità del distretto di Feltre “Via Medaglie d’Oro” e “Le Casette” partecipano anche quest’anno alla Mostra dell’Artigianato, in...
Share