13.9 C
Belluno
giovedì, Giugno 13, 2024
HomePrima PaginaSicurezza idraulica. Al via 5 cantieri per 8 milioni di interventi finanziati...

Sicurezza idraulica. Al via 5 cantieri per 8 milioni di interventi finanziati dalla Regione

Venezia, 7 gennaio 2022 – Le struttura regionale del Genio Civile di Belluno ha consegnato in questi giorni una serie di interventi idraulici per la sicurezza del territorio. Cinque cantieri, per un importo totale di 8,4 milioni di euro, con progettazione e gare d’appalto già effettuate, che potranno essere avviati nelle prossime settimane. L’intervento più consistente, del valore di 3 milioni di euro, è previsto a Cortina d’Ampezzo e riguarderà una serie di opere idrauliche trasversali e longitudinali sul torrente Boite, nel tratto compreso tra Pontechiesa e il ponte Corona. Questi lavori, si vanno ad aggiungere a quelli del primo stralcio avviato la scorsa primavera e ora in stato di avanzata esecuzione dalla prima briglia a valle di ponte Corona, sulla S.S. 48 del Falzarego, fino alla zona appena a monte del ponte stesso già finanziati con 3 milioni di euro.

Saranno avviati, inoltre, i lavori per la messa in sicurezza e mitigazione del rischio del torrente Rai, nei comuni di Alpago e Ponte nelle Alpi, per un importo complessivo di 1,9 milioni di euro. Sempre in Alpago saranno completate le opere di difesa delle sponde destra e sinistra del torrente Valda per 800mila euro.

Nella parte bassa del Bellunese gli altri due cantieri in partenza riguarderanno il ripristino di scogliere, briglie e manufatti lungo la Val Veses, nei comuni di San Gregorio nelle Alpi e Santa Giustina e una serie di opere di mitigazione del rischio dei torrenti Sonna, Stizzon e Colmeda mediante interventi diffusi di difesa spondale e ricalibratura dell’asta fluviale in varie località del Feltrino. Per un investimento di 400mila euro per il primo progetto e 2,3 milioni per il secondo.

Le attività si svolgeranno durante tutto il corso dell’anno con l’obiettivo, condizioni climatiche e imprevisti permettendo, di concludere gli interventi più consistenti entro il 2023, quelli minori già entro il prossimo autunno.

 

- Advertisment -

Popolari