13.9 C
Belluno
sabato, Giugno 25, 2022
Home Prima Pagina Santa Barbara, patrona dei Vigili del Fuoco

Santa Barbara, patrona dei Vigili del Fuoco

Oggi 4 dicembre, Santa Barbara Patrona dei Vigili del fuoco. Santa Barbara è la Patrona dei Vigili del fuoco, in quanto protettrice di coloro che si trovano “in pericolo di morte improvvisa”. È la Santa da Nicomedia che rappresenta la capacità di affrontare il pericolo con fede, coraggio e serenità anche quando non c’è alcuna via di scampo e viene festeggiata dal personale dei Vigili del fuoco in tutti i comandi e distaccamenti d’Italia.
Vista la particolare situazione sanitaria si svolgeranno solo cerimonie religiose nel pieno rispetto delle disposizioni vigenti in materia di contenimento della diffusione del virus Covid– 19.

Il bilancio dell’attività svolta
Dal 1° dicembre 2020 al 30 novembre 2021 nel Veneto sono stati eseguiti 42.093 gli interventi dei Vigili del fuoco a fronte di 68296 squadre impiegate. Rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente c’è stato un incremento di 2827 interventi, pari al 7,1%. Mediamente ogni giorno i Vigili del fuoco sono intervenuti in Regione 115 volte con la presenza di 187 squadre.
Aumento del 44% degli interventi per il comando di Belluno, in totale 5753, rispetto ai 3997 dell’anno precedente, principalmente operazioni di soccorso dovute alle abbondanti nevicate che hanno colpito la provincia delle dolomiti durante l’inverno nel periodo preso in esame.
Sono stati 9469 gli interventi del comando di Venezia a seguire il comando di Vicenza con 6319, Treviso con 5917, Padova con 5852, Verona con 5829, Belluno con 5753 e Rovigo con 2954.
Gli incendi sono stati 7199 con un aumento di 395 interventi in più rispetto al periodo annuale preso in esame. Incremento degli interventi per soccorsi e salvataggi pari 7513 con un aumento pari a 333 operazioni tra cui rientra l’attività di ricerca persone secondo i piani delle prefetture. I vigili del fuoco negli ultimi 12 mesi sono intervenuti con tutti i reparti specialistici per 141 ricerche persone in regione cosi ripartiti: Belluno 57, Treviso 28, Padova 17, Vicenza 16, Verona 13, Venezia 7, Rovigo 3.
Forte incremento degli interventi per incidente stradale pari 4313 operazioni di soccorso rispetto ai 2537 dei dodici mesi precedenti e superiore anche agli anni prima della pandemia.
Tra le attività della direzione interregionale dei Vigili del fuoco del Veneto e Trentino Alto Adige, diretta dall’ing. Loris Munaro, il coordinamento dei 7 comandi provinciali e la gestione della colonna mobile regionale, coordinata dall’ing. Giuseppe Lomoro, che sovrintende anche all’attività del reparto volo di Venezia e dei sommozzatori della città lagunare e di Vicenza, sede degli spelo sub della macro area Nord. Sono 140 gli interventi del reparto Volo di Venezia, che sono intervenuti 80 volte per ricerca persone, 20 per soccorso e salvataggi persone in montagna e mare, 10 per recupero animali in posti impervi, 10 per danni da maltempo, 10 sopralluoghi per incidenti ultraleggeri. Il reparto volo di Venezia dal mese di maggio può disporre per le attività di soccorso del nuovo elicottero AW 139 assegnato al nucleo nell’ottica di riammodernamento delle linee di volo. Sono stati 138 gli interventi dei sommozzatori dei due nuclei regionali di Venezia e Vicenza.
Durante il mese di luglio e agosto squadre di tutti i comandi del Veneto sono intervenuti con personale e mezzi a supporto dei colleghi del Sud Italia per l’emergenza incendi boschivi.
Tra i compiti della direzione interregionale l’esame delle istanze di deroga alle normative vigenti antincendio: oltre 150 quelle esaminate nel 2021. Inoltre una volta il mese si è riunito anche il comitato tecnico regionale per l’esame della direttiva Seveso, che in Veneto riguarda 55 attività a rischio d’incidente rilevante. Da segnalare in luglio l’invio di un team di vigili del fuoco dei comandi di Venezia, Treviso e Vicenza a Liegi per l’alluvione che ha colpito il Belgio. Oltre 40 i salvataggi eseguiti dai vigili del fuoco Italiani.
Da segnalare altresì l’esercitazione nazionale di colonna mobile regionale che dal 9 al 12 novembre 2021 ha interessato quotidianamente fino 180 unità operative, della direzione interregionale per un totale di oltre 700 vigili del fuoco, che si sono addestrati su diversi scenari distribuiti su tutto il territorio della regione Veneto, tra di essi molti specialisti del Corpo: nucleo USAR (Urban Search and Rescue), i nuclei cinofili, SAF (Speleo Alpino Fluviali), TAS (Topografia Applicata al Soccorso) NBCR (Nucleare, Biologico, Chimico Radiologico), reparto volo, nucleo SAPR (Sistemi Aeromobili a Pilotaggio Remoto).

Share
- Advertisment -

Popolari

Tutto quello che c’è da sapere sul Nevegal * di Jacopo Massaro

"Circa 20 giorni fa abbiamo ufficialmente portato a casa 300.000 euro da parte della Regione per lo sviluppo del Nevegal". Ne dà notizia Jacopo Massaro...

La Leggenda di Bassano, prima tappa

Dopo il ritrovo per le verifiche in Villa Ca’ Cornaro di questa mattina e un veloce brunch ad anticipare il saluto del presidente del...

Il sindaco di Belluno De Pellegrin ha consegnato copia della Costituzione ai neo diciottenni alla Sagra del Campanot

Ieri sera, giovedì 23 giugno, il sindaco Oscar De Pellegrin ha accolto l'invito della Pro Loco Pieve Castionese, impegnata nella sagra del Campanot. Come da...

Detenzione e spaccio di stupefacenti. Un ventenne agli arresti domiciliari

La sera di mercoledì 22 giugno, la Squadra Mobile e le Volanti della Questura di Belluno hanno arrestato un giovane per detenzione di stupefacenti...
Share