13.9 C
Belluno
sabato, Ottobre 16, 2021
Home Cronaca/Politica I messaggi di solidarietà alla Cgil per l'aggressione subita alla sede di...

I messaggi di solidarietà alla Cgil per l’aggressione subita alla sede di Roma

Il presidente della Provincia Roberto Padrin si è recato alla sede della Cgil di Belluno stamattina, per portare la solidarietà della Provincia. «Manifestare e violenze sono due cose antitetiche e se è doveroso consentire la libera manifestazione del pensiero è altrettanto doveroso condannare senza se e senza ma i gesti di inaudita follia registrati alla sede romana del sindacato».

“Le scene di guerriglia urbana che abbiamo visto a Roma fanno male alla democrazia e a un Paese che vuole, con responsabilità, lasciarsi alle spalle una terribile pandemia. Condanno con fermezza gli scontri ed esprimo la massima solidarietà nei confronti della Cgil, nazionale e bellunese. La Camera del Lavoro è finita vergognosamente sotto attacco. Da qui ai prossimi giorni dobbiamo mantenere alta la guardia ed evitare che altri simili episodi possano ripetersi: categorie economiche e sindacati, in questa fase, sono chiamati a navigare nella stessa direzione, pretendendo e assicurando la sicurezza nei luoghi di lavoro e il rispetto delle regole anti-Covid. Le ambiguità non sono ammesse”.
A dirlo, all’indomani della manifestazione di Roma, è Lorraine Berton, presidente di Confindustria Belluno Dolomiti.
“Abbiamo scelto di avere fiducia nella scienza, condividendo le scelte di questo Governo: da qui non si torna indietro se vogliamo continuare a recuperare il terreno perso nel 2020 e agganciare davvero una crescita duratura e non un semplice “rimbalzo”. La sicurezza sanitaria è la base di tutto e il green pass è uno strumento per attuarla”, prosegue Berton.
“La stragrande maggioranza degli imprenditori e dei lavoratori ha bene presente cos’è stata la pandemia, in termini sanitari, umani e socio-economici. Abbiamo tutti sofferto la paura prima, l’incertezza poi, le restrizioni, la dad dei nostri figli e nipoti. In tanti hanno pianto la perdita dei propri cari. Ritornare indietro non si può, per questo mi stupisce e mi addolora che sul tema del green pass e dei vaccini si faccia ideologia e si arrivi addirittura alla violenza”.
“Penso sia utile recuperare serenità e continuare a portare avanti una corretta informazione sull’immunizzazione; nelle nostre fabbriche lo stiamo facendo e lo continueremo a fare in accordo con l’Ulss 1. Dal 15 ottobre, poi, faremo di nuovo la nostra parte applicando le nuove regole sull’estensione dell’obbligo di green pass. Lo facciamo perché non possiamo permetterci altri passi falsi. Non possiamo – e non vogliamo – piangere ancora morti e non possiamo chiudere le nostre fabbriche. La posta in gioco è troppo alta”.

Solidarietà della Cisl Belluno Treviso alla Cgil, presa di mira sabato durante la manifestazione dei No Green Pass nella capitale. La Cisl territoriale ha manifestato la propria vicinanza al sindacato guidato da Landini recandosi questa mattina, domenica, nelle sedi di Treviso e Belluno, aperte, come in tutta Italia, proprio in riposta all’attacco subìto.
Il segretario generale Massimiliano Paglini e la segretaria Teresa Merotto sono andati nella sede di via Dandolo a Treviso, mentre il segretario Nicola Brancher ha portato la propria solidarietà, a nome di tutta la Cisl, al segretario Cgil di Belluno Mauro De Carli.
“Tutta la nostra solidarietà e vicinanza – dichiarano i segretari Cisl attraverso i canali social- agli amici della Cgil di Treviso e Belluno, che oggi hanno aperto le sedi per dire no al fascismo e alla violenza che li ha colpiti sabato a Roma. Noi siamo con loro, assieme per tenere alti i valori della democrazia e della libertà. I responsabili delle violenze dovranno essere assicurati alla giustizia, così come chi si rende responsabile di apologia del fascismo, che è ancora oggi un reato e deve essere perseguito in ogni sede e in ogni luogo”.

“Quanto accaduto ieri a Roma, durante la manifestazione dei no vax, dove una manifestazione per una presunta libertà degenera in fatti e azioni di una gravità inaudita, quali l’occupazione con la devastazione della sede nazionale della CGIL, il tentativo di un’azione analoga a Palazzo Chigi e gli insulti a Draghi e al Presidente Mattarella, tutto questo è un chiaro attacco organizzato alle Istituzioni dello Stato e alla rappresentanza sindacale dei lavoratori da parte di organizzazioni fasciste.
Esprimiamo la nostra solidarietà alla CGIL locale e nazionale sull’ignobile attacco avvenuto alla sede nazionale che ricorda fatti simili accaduti nel passato come pure a tutto i mondo del lavoro che le organizzazioni sindacali rappresentano.
Questi fatti sono il frutto del lassismo e di chi in questi anni ha prestato il fianco alle organizzazioni di estrema destra che oggi riteniamo debba renderne conto a tutto il paese.
Negl’ultimi anni non è stato condannato e contrastato in modo fermo e deciso da una paerte del paese le varie azioni fasciste che sono avvenute nel tempo nel paese, che hanno avuto il proprio culmine con i fatti di ieri, sottovalutandone così la pericolosità reale di queste organizzazioni che da tempo noi andiamo a denunciare.
Riteniamo che contro questi atti fascisti ci debba essere una risposta ferma, decisa e puntuale da parte dello Stato e di tutte le forze democratiche nei confronti di quelle organizzazioni che professano l’ideologia fascista che sono gli ideatori di quanto accaduto, attuando in modo rigoroso i dettami Costituzionali con il loro scioglimento, intraprendendo azioni legali nei confronti di coloro che sono i responsabili materiali di quanto accaduto”.

Il Segretario Pd Belluno – Roberto De Moliner

«Come CNA regionale non possiamo che unirci nell’esprimere la nostra solidarietà a CGIL tutta per gli esecrandi avvenimenti accaduti il 9 ottobre a Roma e Milano.

«Condanniamo con fermezza l’attacco alla sede del sindacato e le violenze nei confronti delle forze dell’ordine. Manifestare il proprio dissenso è un cardine della democrazia ma la violenza è inaccettabile e va sempre respinta. Il sindacato e le associazioni datoriali sono e continueranno ad essere un presidio di libertà e di democrazia.»

Il Presidente regionale CNA Veneto Moreno De Col con il Segretario regionale Matteo Ribon

“Esprimiamo tutta la nostra solidarietà e vicinanza alla Cgil, la principale organizzazione sindacale nel nostro paese, per l’attacco e la devastazione della sede nazionale per mano della organizzazione neofascista Forza Nuova. Un atto gravissimo che non può essere tollerato.
Ci associamo alla richiesta di Cgil Cisl e Uil e dell’Anpi perché finalmente siano messe fuorilegge tutte le organizzazioni della estrema destra, troppo a lungo tollerate, che si richiamano apertamente al fascismo.
Porteremo oggi la nostra solidarietà alle Camere del lavoro presidiate, alle compagne/i della organizzazione sindacale che sentiamo anche nostra.
Partecipiamo e parteciperemo con forte convinzione a tutte le iniziative di risposta al vile attacco di Roma.
L’attacco alla sede nazionale di Roma condotto dagli squadristi di Forza Nuova è un attacco violento alla democrazia e al lavoro.
Non passeranno”.

Paolo Benvegnù, segretario regionale Prc Veneto

“La presente per esprimere la mia, e quella dell’intero partito che mi onoro di rappresentare, solidarietà per i gravi fatti che nella giornata di ieri hanno visto l’attacco e la devastazione della vostra sede di Roma.
Un vero e proprio assalto organizzato che non può essere giustificato in alcun modo e che non può vedere indifferenti le forze politiche e sociali del nostro Paese.
Il pensiero va ai vostri colleghi nella capitale ed agli agenti delle Forze dell’Ordine che hanno tentato di arginare questi delinquenti, garantendo allo stesso tempo la libera e democratica manifestazione di dissenso della moltitudine dei presenti.
Come ricordato dal Capogruppo di Fdi alla Camera dei Deputati: “l’aggressione alla CGIL, peraltro fortemente critica nei confronti del Green Pass, va condannata senza equivoci di sorta e appare come un tentativo di riportare a periodi bui delle nostra Repubblica che chiunque si impegni in politica deve respingere con estrema fermezza”.
In qualità coordinatore regionale di Fratelli d’ Italia mi auguro che, anche in Veneto, il confronto esclusivamente dialettico, prosegua nel massimo rispetto e con il solo fine del progresso del mondo del lavoro e con esso del Paese.
Augurandovi buon lavoro, vi porgo cordiali saluti”.
Sen. Luca De Carlo – Fdi Coordinatore Regionale del Veneto”

“Piena solidarietà alla Cgil e al segretario Landini per l’aggressione squadrista ieri a Roma. L’assalto alle sedi sindacali è un attacco alla democrazia, che va respinto con fermezza”. Netta condanna da parte dei consiglieri regionali del Partito Democratico (con il capogruppo Giacomo Possamai e i colleghi Jonatan Montanariello, Anna Maria Bigon, Vanessa Camani, Andrea Zanoni e Francesca Zottis) sull’irruzione guidata da Forza Nuova nella sede nazionale della Cgil in occasione della manifestazione per protestare contro il Green pass.

“Un atto del genere non ha niente a che vedere con il dissenso, pienamente legittimo in democrazia e ci riporta indietro di un secolo. Serve una risposta forte delle istituzioni, a guidare l’assalto c’erano nomi noti da troppo tempo e non possiamo tollerare oltre: è giunto il momento di sciogliere le organizzazioni neofasciste”.

Gruppo Pd Veneto

“Vergognoso l’assalto alla CGIL da parte dei neofascisti di Forza Nuova durante la manifestazione No green pass. Europa Verde esprime profonda solidarietà alla CGIL, alle forze dell’ordine e ai giornalisti per il vile attacco squadrista subito sabato. Le istituzioni rispondano compattamente dimostrando quanto la nostra democrazia sia immune dal fascismo. Sosteniamo la messa al bando di Forza Nuova e di tutti quei movimenti che si pongono al di fuori di quel perimetro democratico delineato dalla nostra Costituzione. Anche noi sosteniamo un provvedimento di scioglimento delle organizzazioni neofasciste che usano la piazza per organizzare la violenza. I violenti vanno individuati e valutati dalla giustizia rapidamente: l’irresponsabilità di chi usa la pandemia da Covid per organizzare la violenza va respinta con fermezza.”
Lo dichiarano la Consigliera regionale Cristina Guarda e la Commissaria regionale Luana Zanella di Europa Verde.

Share
- Advertisment -



Popolari

Domani a Feltre la cerimonia di conferimento delle borse di studio dell’Associazione Buzzati

Si terrà domani, sabato 16 ottobre, in occasione dell’anniversario della nascita di Dino Buzzati (Belluno 16 ottobre 1906-Milano 28 gennaio 1972) l’annuale cerimonia di...

Esercitazione del Soccorso alpino della Guardia di Finanza con unità cinofile del Triveneto

Belluno, 15 ottobre 2021 - Si è svolta oggi, nel campo macerie dell’ex caserma “Toigo” sede del Comando Provinciale dei Vigili del Fuoco di...

Trasporti. Assessore Elisa De Berti: “In Veneto situazione sotto controllo”

Venezia, 15 ottobre 2021  -  “Per oggi c’era molta preoccupazione per il servizio di trasporto pubblico locale in tutta la Regione. Si ipotizzava una giornata...

Ulss Dolomiti. Sospesi altri 4 operatori sanitari dipendenti non vaccinati

Belluno, 15 ottobre 2021 -  L’Ulss 1 Dolomiti informa che sono stati sospesi altri 4 operatori sanitari dipendenti non vaccinati, in base agli atti...
Share