13.9 C
Belluno
sabato, Giugno 25, 2022
Home Sanità Ottobre, mese della prevenzione. Vesti il nastro rosa contro il cancro al...

Ottobre, mese della prevenzione. Vesti il nastro rosa contro il cancro al seno. Fondazione AIRC

Cristina Parodi, testimonial di Airc

Contribuire a rendere il cancro al seno sempre più curabile è una sfida difficilissima che richiede l’impegno delle donne, che devono sottoporsi agli screening e agli esami di controllo raccomandati per la diagnosi precoce; richiede l’impegno dei ricercatori, al lavoro per mettere a punto nuove terapie; e richiede l’impegno dei sostenitori, che con le loro donazioni permettono alla ricerca di non fermarsi mai.
Tanto meno oggi che stanno emergendo gli effetti della pandemia da COVID-19 sui programmi di screening. Si stima che nel 2020 in Italia, nei soli tre mesi di lockdown, circa 10.000 pazienti potrebbero non aver ricevuto una diagnosi di tumore al seno, un numero che sale a 16.000 comprendendo il trimestre successivo. Un ritardo che deve essere colmato al più presto, per ridurre il numero di diagnosi in stadi più avanzati della malattia.

Da qui la scelta di Fondazione AIRC – per la Ricerca sul Cancro – di sostenere i migliori scienziati italiani e di rafforzare l’opera di sensibilizzazione su tutto il territorio con l’illuminazione di tutti i principali monumenti in collaborazione con l’ANCI, con la distribuzione delle spillette Nastro Rosa in più di 200 farmacie di Federfarma, Farmacie Unite, La Farmacia, Agec, Valore Salute, CEF e Farvima, in 50 parafarmacie, centri di estetica o parrucchieri, nei 7 store Boscaini scarpe, in 11 Casa Shop e in altri esercizi aderenti ad ASCOM Verona, e grazie all’adesione alla campagna degli store Coin di Verona, Padova, Vicenza, Treviso, Mestre, e delle boutique venete di Momonì a Verona (in Corso Santa Anastasia 10), Vicenza (Contrà Muscheria 16), Padova (Via San Fermo 27) e Treviso (Piazza dei Signori 25), dell’Hard Rock Caffè di Venezia e in tutti i punti vendita ALDI, che si sono schierati a fianco di AIRC Veneto Trentino Alto Adige per tenere alta l’attenzione della cittadinanza su alimentazione e corretti stili di vita, anche attraverso la proposta di propri gadget – rispettivamente una Mug in rosa, un portachiavi fashion, un piatto di alimenti salutari – e di ricco materiale informativo utile a fare prevenzione, curare l’alimentazione e gli stili di vita, comprendere quali sono i primi segnali di allarme che meritano un controllo medico.
Una cinquantina di giovani runners, inoltre, indosseranno il Nastro Rosa Airc sul pettorale della Venice Marathon domenica 24 ottobre per correre da fundraiser: un triatleta professionista, alcuni sportivi abitué della manifestazione e molti studenti universitari di Medicina, che in questi mesi hanno toccato con mano l’importanza della Ricerca e l’estrema necessità di non abbassare la guardia. Attraverso piattaforma Rete del Dono, https://www.retedeldono.it/it/progetti/fondazione-airc/oggicorroperairc-venice-marathon-2021-1 stanno già raccogliendo donazioni per la Ricerca AIRC tra amici e sostenitori.
Perché anche se – importantissimo traguardo – in 10 anni i progressi della ricerca hanno portato fino all’87% la sopravvivenza a 5 anni dalla diagnosi e la cura del cancro al seno, ogni anno, in Italia, si ammalano ancora circa 55.000 donne – 1 su 8 nell’arco della vita -,confermandosi come il tumore più diffuso nel genere femminile. Anche se ogni anno, si registrano 500 nuovi casi di tumore alla mammella tra gli uomini.
Nel 2021 Fondazione AIRC ha destinato complessivamente 14,3 milioni di euro a 156 progetti di ricerca e borse di studio in questo ambito. A sostegno del lavoro dei suoi ricercatori – di cui 50 in Veneto e 14 in Trentino Alto Adige – AIRC punta l’attenzione sulle forme più aggressive di tumori femminili, come il triplo negativo, che colpisce soprattutto in giovane età, e il carcinoma mammario metastatico, che riguarda circa 37.000 donne nel nostro Paese.

Antonio Maria Cartolari, Presidente di AIRC Veneto Trentino Alto Adige:
“Il nastro rosa, rappresentato sulla spilletta in distribuzione proprio nel mese della campagna AIRC contro il tumore al seno, ci ricorda anche visivamente quanto manca ancora a vincere la sfida, e ci ricorda quanto sia indispensabile l’impegno di tutti per essere colorato interamente: delle donne, sottoponendosi agli screening e agli esami di controllo raccomandati; dei ricercatori, al lavoro per mettere a punto nuove terapie; dei sostenitori che, con il loro supporto, garantiscono che la ricerca non si fermi proprio adesso”.
“Oggi abbiamo diagnosi sempre più precoci, accurate e accessibili a un numero più ampio di donne, trattamenti più mirati, efficaci e tollerabili. Quella contro il tumore al seno resta tuttavia una delle sfide più importanti per la ricerca, che cerca risposte per le donne che non rispondono alle terapie disponibili”.

Per trovare il punto di distribuzione più vicino, e aderire alla campagna indossando una spilletta Nastro Rosa: nastrorosa.it/spilletta-nastro-rosa/. Sullo stesso sito, nastrorosa.it, AIRC diffonde informazioni e consigli.

UNISCITI A NOI PER RENDERE LE FORME PIÙ AGGRESSIVE DI CANCRO AL SENO PIÙ CURABILI
· con le spillette Nastro Rosa AIRC disponibili a fronte di una donazione minima di 2 euro nelle farmacie e nei punti di distribuzione indicati su nastrorosa.it
· con carta di credito su nastrorosa.it o chiamando il numero verde 800 350 350 (attivo dal lunedì al sabato dalle 8.30 alle 19.30)
· chiamando il 4 5 5 2 1 da telefono fisso per donare 5 o 10 euro o inviando al 4 5 5 2 1 uno o più SMS del valore di 2 euro*
· con Bonifico Bancario IBAN IT 18 N 05034 01633 000000005226
· chi desidera promuovere la raccolta fondi con la distribuzione delle spillette, aprendo una pagina di raccolta fondi online, oppure organizzando una sfida sportiva o un piccolo evento, può farlo a questo link
· per gli artigiani e le piccole imprese che vogliono sostenere la campagna con le loro attività è stato creato un percorso dedicato, attraverso questo link

AIRC Veneto Trentino Alto Adige
Il Comitato Veneto Trentino-Alto Adige di Fondazione AIRC, presieduto da Antonio Maria Cartolari, è attivo dal 1982 con l’obiettivo di promuovere ogni anno un ricco programma di appuntamenti di informazione e raccolta fondi che si affiancano alle campagne nazionali di AIRC.
Grazie all’impegno del Comitato, dei volontari e dei sostenitori, nel 2021 per il Veneto sono stati deliberati 6.300.000 euro per il sostegno di 49 progetti di ricerca e 4 borse di studio, mentre per il Trentino-Alto Adige sono stati destinati oltre 1.600.000 euro per 12 progetti di ricerca e 2 borse di studio.

AIRC | Dal 1965 con coraggio, contro il cancro Fondazione AIRC per la ricerca sul cancro sostiene progetti scientifici innovativi grazie a una raccolta fondi trasparente e costante, diffonde l’informazione scientifica, promuove la cultura della prevenzione nelle case, nelle piazze e nelle scuole. Conta su 4 milioni e mezzo di sostenitori, 20mila volontari e 17 comitati regionali che garantiscono a oltre 5.000 ricercatori – 61% donne e 51% ‘under 40’ – le risorse necessarie per portare nel più breve tempo possibile i risultati dal laboratorio al paziente. In oltre 50 anni di impegno AIRC ha distribuito oltre 1 miliardo e seicento milioni di euro per il finanziamento della ricerca oncologica (dati attualizzati e aggiornati al 15 gennaio 2021). Informazioni e approfondimenti su airc.it

Share
- Advertisment -

Popolari

Tutto quello che c’è da sapere sul Nevegal * di Jacopo Massaro

"Circa 20 giorni fa abbiamo ufficialmente portato a casa 300.000 euro da parte della Regione per lo sviluppo del Nevegal". Ne dà notizia Jacopo Massaro...

La Leggenda di Bassano, prima tappa

Dopo il ritrovo per le verifiche in Villa Ca’ Cornaro di questa mattina e un veloce brunch ad anticipare il saluto del presidente del...

Il sindaco di Belluno De Pellegrin ha consegnato copia della Costituzione ai neo diciottenni alla Sagra del Campanot

Ieri sera, giovedì 23 giugno, il sindaco Oscar De Pellegrin ha accolto l'invito della Pro Loco Pieve Castionese, impegnata nella sagra del Campanot. Come da...

Detenzione e spaccio di stupefacenti. Un ventenne agli arresti domiciliari

La sera di mercoledì 22 giugno, la Squadra Mobile e le Volanti della Questura di Belluno hanno arrestato un giovane per detenzione di stupefacenti...
Share