13.9 C
Belluno
giovedì, Ottobre 21, 2021
Home Lavoro, Economia, Turismo Infortuni sul lavoro in Veneto legati al covid: Verona la più...

Infortuni sul lavoro in Veneto legati al covid: Verona la più colpita. Da inizio pandemia più di 14mila lavoratrici contagiate dal virus

I dati statistici dell’Osservatorio Sicurezza sul Lavoro Vega Engineering di Mestre: il rischio di mortalità in Veneto continua ad essere tra i più bassi del Paese, 15,6 contro una media nazionale di 32,6. Il più basso tra le Regioni con il maggior numero di occupati

Mauro Rossato, presidente dell’Osservatorio Sicurezza sul Lavoro Vega Engineering di Mestre

Le denunce di infortunio legate al contagio, anche a fine agosto 2021, continuano ad essere tra le più preoccupanti del Paese: da gennaio 2020, infatti, sono 19.036. Numeri che portano ancora il Veneto sul podio nazionale per numero di denunce di infortunio sul lavoro legate al Covid-19, dopo Lombardia e Piemonte.

Con un triste primato, purtroppo, per l’universo femminile che lavora. E infatti le donne contagiate dal Covid da gennaio 2020 a fine agosto 2021 sono oltre 14 mila. Per quanto invece riguarda i decessi sul lavoro legati al contagio, il Veneto con 33 vittime (2 in più rispetto a fine giugno), mantiene l’ottavo posto nella graduatoria nazionale.

Ma il Veneto, anche nel mese di agosto, risulta essere tra le regioni con l’incidenza di mortalità meno elevata della Penisola. Certamente la regione con il minor rischio di mortalità tra le regioni con il più alto numero di occupati. Infatti, rispetto ad un’incidenza media nazionale pari a 32,6 il Veneto fa registrare un indice di 15,6. Ben lontano dai più preoccupanti valori di Lombardia (43,4) e Lazio (34,6).

“Vogliamo portare sotto i riflettori questo dato – sottolinea Mauro Rossato, Presidente dell’Osservatorio Sicurezza sul Lavoro Vega Engineering di Mestre – perché i numeri assoluti non forniscono un reale rischio di mortalità, mentre l’incidenza è un dato che identifica in modo più concreto l’emergenza, poiché accanto al numero degli infortuni mortali prende in considerazione il fondamentale parametro della popolazione lavorativa”.

Tra i settori maggiormente colpiti dal Coronavirus in Veneto, troviamo quello della Sanità e Assistenza Sociale (77,3 % degli infortuni). Mentre per quanto riguarda le professioni, i più coinvolti si confermano essere i tecnici della salute (34,5%). Seguono: le professioni qualificate nei servizi socio sanitari e sociali (26,9%), le professioni legate ai servizi personali e assimilati (9,9%) e i medici (6,5%).

A Verona la maglia nera in regione per il più elevato numero di denunce di infortunio: 4.451. Seguono: Treviso (3.297), Vicenza (3.238), Venezia (3.228), Padova (3.018), Belluno (1.215), e Rovigo (589).

Infine, per quanto riguarda i decessi sul lavoro causati dal Covid-19 le vittime a fine agosto dopo 20 mesi di pandemia sono 33. Ed è a Venezia che si conta il maggior numero di vittime con 10 decessi (+2 rispetto a fine giugno 2021); seguita da Treviso e Padova (6), Vicenza (5), Verona (3), Rovigo (2) e Belluno (1).

Share
- Advertisment -



Popolari

Domenica 24 ottobre, la giornata conclusiva della 25ma edizione di Oltre le vette

Una giornata ricca di appuntamenti, da mattina a sera, tra il centro città e Villa Buzzati Si concluderanno domenica 24 ottobre gli eventi del festival...

Sopralluogo della Provincia e della Protezione civile nazionale sui territori colpiti dal maltempo di dicembre 2020

Bortoluzzi: «Al lavoro sia sul ripristino danni sia sulla prevenzione» Alpago 21 ottobre 2021 - Questa mattina in Alpago i tecnici del Dipartimento nazionale e...

Assegnato ad Aldo Villabruna il Premio San Martino 2021 

Il premio per l'anno 2021 va ad Aldo Villabruna. La cerimonia di consegna, avrà luogo giovedì 11 novembre al Teatro Comunale di Belluno. In...

Calcio. Il momento magico di Tibolla: «La famiglia si allarga, che gioia»

È il suo momento, non c'è alcun dubbio. Il momento di Alberto Tibolla. Dentro e fuori dal campo. Dentro, perché l'ex San Giorgio Sedico...
Share