13.9 C
Belluno
mercoledì, Ottobre 5, 2022
Home Lavoro, Economia, Turismo Domenica a Casale sul Sile la Festa per la Terra del coordinamento...

Domenica a Casale sul Sile la Festa per la Terra del coordinamento No maxi polo

Domenica 26 settembre 2021, al Parco delle Vecchie Pioppe di Casale sul Sile, si terrà la Festa per la Terra organizzata dal Coordinamento No Maxi Polo Casale-Quarto-Roncade.

Da oltre un anno il Coordinamento si mobilita contro la costruzione di un polo logistico su un terreno verde di 500.000 mq tra Casale sul Sile e Quarto d’Altino e di un centro di distribuzione Amazon da 60.000 mq nel comune di Roncade.
Il Coordinamento contesta la perdita di suolo verde, gli aumenti del traffico e l’inquinamento dell’aria causati da queste grandi opere, a fronte di un guadagno d’occupazione molto dubbio – sia per quantità che per qualità dei posti di lavoro – soprattutto se si tiene conto dei posti di lavoro che andranno distrutti presso altre aziende e attività commerciali locali. Un’inchiesta di EbiComLab, i cui risultati sono stati divulgati a giugno, ha confermato in pieno le critiche del Coordinamento rispetto ai posti di lavoro.
Il Coordinamento ha ottenuto alcune parziali vittorie riguardo al maxi polo di Casale sul Sile. Infatti, lo scorso aprile, la Commissione regionale Vas ha richiesto sostanziali modifiche al progetto a causa del suo forte impatto ambientale. La giunta di Casale ha però dichiarato la propria intenzione di ripresentare il progetto. L’ha fatto durante un incontro pubblico tenutosi in giugno durante il quale tutti gli interventi dei cittadini si sono espressi contro questa decisione. L’ultima novità, risalente ad agosto, è un accordo di programma tra i comuni di Casale sul Sile, Quarto d’Altino e Venezia sulle modifiche alla viabilità necessarie alla realizzazione dell’opera, rispetto ai quali il Coordinamento ha già presentato le proprie osservazioni. Osservazioni che si sono concentrate sull’assoluta mancanza di un base anche vagamente scientifica sulle previsioni di incremento del traffico, fondate unicamente sulle congetture di un non ben definito “committente” e sul permanere della criticità già rilevata dall’ARPAV, ovvero che nella mancanza di una precisa indicazione dell’acquirente e della definitiva destinazione d’uso è impossibile stabilire le conseguenze sul traffico e sulla qualità dell’aria. Le istituzioni alle quali sono state inviate queste osservazioni hanno scelto finora di non rispondere mentre la stampa locale tutta ha deciso di tacerne i contenuti.

Nell’ambito di questa campagna per la difesa del lavoro degno e dell’ambiente – la cui necessità è resa ancor più evidente dalle altissime temperature, gli incendi forestali e gli eventi meteorologici estremi che abbiamo visto in questi mesi – il Coordinamento No Maxi Polo Casale-Quarto-Roncade invita la cittadinanza alla Festa per la Terra, che si propone di fare da cassa di risonanza per tutte le vertenze ambientali che si stanno dando nei nostri territori. L’evento comincerà a mezzogiorno, seguiranno il pranzo solidale e un’assemblea pubblica nella quale interverranno comitati territoriali e associazioni ambientaliste da tutto il Veneto. La festa si concluderà al chiosco Poplar con il concerto dei Fullness of spirit (scuola di musica Diapason & Naima di Quarto d’Altino, rock), Rino ed Emanuele Conte (pop), Riff Green (folk rock) e The Combat Clash (tribute).

 

Share
- Advertisment -

Popolari

Variazione di bilancio per bonifica sversamenti idrocarburi in Nevegal e Castion. De Kunovich: “Cerchiamo fondi esterni”

Belluno, 5 ottobre 2022 - Variazione al bilancio comunale per la bonifica di due sversamenti di idrocarburi: con 22 mila euro sarà incrementato lo...

Giornata Nazionale del Cane Guida 2022

In occasione della Giornata Nazionale del Cane Guida che si celebra il 16 ottobre di ogni anno, l’Unione Italiana dei Ciechi e degli Ipovedenti...

Gas. Trabucco: “Ecco perché aumenta e quali soluzioni adottare”

Il gas aumenta perché gli speculatori comprano e rivendono i "future", ossia quei contratti medianti i quali ci si impegna ad acquistare una certa...

Bimbo morto per hashish. Aldrovandi (Oss. Sostegno vittime): “Gravissime negligenze da parte degli adulti”

«Morire a due anni per droga. Sembra assurdo eppure è accaduto. Questa è la tragica fine del piccolo Nicolò, nel cui sangue è stata...
Share