13.9 C
Belluno
mercoledì, Settembre 28, 2022
Home Pausa Caffè Tour de Friends – The italian edition. La corsa cicloturistica ideata da...

Tour de Friends – The italian edition. La corsa cicloturistica ideata da Rad Race si svolgerà nel Bellunese. 4 tappe dall’8 all’11 settembre. Partenza da Pedavena ed arrivo a Feltre

Ormai si potrebbe dire che per loro è un po’ come essere a casa. Per il terzo anno consecutivo il Tour de Friends arriva a Feltre. Nel 2019 la città murata fu la tappa finale della corsa cicloturistica a squadre che partendo da Augsburg, in Germania, ripercorse la Via Claudia Augusta. Lo scorso anno, causa covid, la formula cambiò e il Feltrino fu la base di partenza per un camp a piccoli gruppi durato otto settimane.

Quest’anno Il Feltrino, invece, sarà punto di partenza e di arrivo. Perché i ragazzi di Rad Race, l’associazione tedesca con sede a Munster che da 5 anni organizza il Tour de Friends, in Valbelluna hanno trovato calore, accoglienza e strade meravigliose da percorrere in bici.

E così hanno deciso di tornare. L’edizione 2021 del Tour de Friends – The italian edition (nato come attività promozionale della ciclabile Monaco – Venezia e poi trasformatosi in un appuntamento fisso annuale) partirà infatti da Pedavena e arriverà a Feltre. In mezzo, 4 tappe alla scoperta delle più belle strade delle Dolomiti. Grazie anche al finanziamento del Fondo per i Comuni confinanti, così come al supporto di Provincia di Belluno, Dmo Dolomiti, Comuni di Feltre, Pedavena, San Vito di Cadore, Vittorio Veneto, Apt San Martino, Consorzio turistico Cadore Dolomiti.

La manifestazione è stata presentata questa mattina in Sala degli stemmi, nel municipio di Feltre, alla presenza, oltre che degli organizzatori, dei rappresentanti dei comuni di Feltre, Pedavena, Soverzene, Apt San Martino – Primiero, Dmo Dolomiti e degli organizzatori dei ristori lungo il percorso.

«La richiesta di tornare è arrivata direttamente dagli organizzatori di Rad Race – spiega Isidoro De Bortoli, ideatore del Tour de Friends e referente per l’organizzazione – che sono innamorati di questo territorio. L’esperienza di due anni fa con l’arrivo a Feltre e il Rad camp dell’anno scorso, pur in condizioni difficili, li ha convinti che questo è il posto giusto per una manifestazione di questo tipo. Essere qui per il terzo anno consecutivo credo sia una sfida vinta, ma da proseguire e portare avanti».

Circa 250 i partecipanti, provenienti da 12 paesi del mondo. Cicloturisti di alto livello che pedaleranno lungo i più spettacolari percorsi delle Dolomiti. Oltre 420 km e 10.600 metri di dislivello, affrontando alcuni dei più leggendari passi dolomitici: passo Cereda (1.361m), Passo Rolle (1.984m), Passo Valles (2.032m), Passo Falzarego (2.105m), Passo Cibiana (1.530m), Passo San Boldo (706m).

A seguirli passo passo un’organizzazione rodata, formata da 35 persone, con 5 van e 2 furgoni al seguito.

Il racconto giornaliero è affidato a 6 fotografi e 4 operatori video, che seguiranno l’evento in tempo reale, attraverso i vari canali social.

E, nei singoli territori attraversati, sedi di tappa e non solo, il prezioso supporto di un piccolo esercito di volontari.

«Ringrazio tutte le realtà che si sono messe a disposizione – continua De Bortoli – in particolare il consorzio Dolomiti Prealpi, che coordina la logistica in loco».

Una manifestazione di questo tipo è anche un formidabile veicolo promozionale. «Il Tour de Friends è un evento difficilmente classificabile – spiega De Bortoli – perché non è una gara: non c’è una classifica. Ma non è neppure semplice cicloturismo. E’ qualcosa di più e di diverso, che mette in relazione persone da ogni parte del mondo con i paesi, le persone, i prodotti locali. Perché non ci sono solo le sedi di partenza e di arrivo. Ogni tappa prevede due check-point lungo il percorso. Che non sono semplici punti di controllo, ma occasioni per far entrare in contatto il tour de Friends con le comunità attraversate. L’invito che faccio è quello di non aver timore di parlare, interagire con i protagonisti. Il racconto delle storie e dei luoghi è un valore aggiunto che impreziosisce la manifestazione».

C’è un piccolo rammarico. Le stringenti norme anticovid impediscono la realizzazione della grande festa finale. «Purtroppo l’evento di chiusura del sabato, a Prà del Moro sarà limitato ai soli partecipanti – spiega De Bortoli – in ottemperanza a quanto previsto dalle norme sanitarie. Ma le occasioni di incontro non mancheranno di certo».

Programma:

MARTEDÌ 7/09: arrivo dei partecipanti, che saranno accompagnati nelle diverse strutture ricettive. Alle 20 cena in Birreria Pedavena, a cui seguirà il briefing.

MERCOLEDÌ 8/09: Dalle 9 partenza per la prima tappa (Pedavena – San Martino di Castrozza, 93 km).

GIOVEDI’ 9/09: Seconda tappa: San Martino di Castrozza – San Vito di Cadore (111 km)

VENERDI’ 10/09: Terza tappa: San vito di Cadore – Vittorio Veneto (123 km)

SABATO 11/09: Quarta tappa: Vittorio Veneto – Feltre (113 km). Arrivo previsto nel pomeriggio. Lungo il tragitto, a Melere di Borgo Valbelluna, ristoro a cura della Pro loco Trichiana. A Feltre i partecipanti potranno rifocillarsi e raggiungere le rispettive sistemazioni, prima della cena curata dal quartiere Castello, a Prà del Moro, seguita dalla festa finale in musica.

Tutte le tappe e i protagonisti di “Tour de Friends – the italian edition” possono essere seguiti in tempo reale collegandosi qui.

 

 

 

Share
- Advertisment -

Popolari

La Cassa Rurale Dolomiti dona 10mila euro alla delegazione bellunese del Soccorso Alpino. Barattin: “Risorsa preziosa per l’acquisto di nuovi droni e per la...

“Il nostro istituto porta la montagna, e in particolar modo le Dolomiti, nella propria ragione sociale, ma anche in molte delle proprie iniziative imprenditoriali...

Sabato la conferenza Buzzati minore, ma non troppo. Autografi, libri preziosi, speciali e rari buzzatiani della Biblioteca civica di Belluno

Sabato 1 ottobre alle ore 10:00, nell’aula magna del Seminario Gregoriano di Belluno si terrà la conferenza Buzzati minore, ma non troppo. Autografi, libri...

Presidenzialismo. Trabucco: “Approccio superficiale”

All'indomani delle elezioni politiche del 25 settembre 2022, il partito di maggioranza relativa (Fratelli d'Italia), in modo pienamente legittimo, ha illustrato uno dei punti...

Riqualificazione energetica dell’edificio Kraller. Saranno riservati 8 alloggi ai lavoratori temporanei

Belluno, 27 settembre 2022 - Via libera oggi in giunta al progetto definitivo/esecutivo di riqualificazione energetica dell’edificio Kraller, in via Lungardo. L’operazione, finanziata dal...
Share