13.9 C
Belluno
mercoledì, Settembre 28, 2022
Home Lavoro, Economia, Turismo In autunno all'Istituto tecnico industriale di Belluno il via al biennio post...

In autunno all’Istituto tecnico industriale di Belluno il via al biennio post diploma per “Tecnico superiore per l’automazione e i sistemi meccatronici”

Istituto Tecnico Industriale Statale “G. Segato” – Belluno

Belluno 4 settembre 2021 – Adesso è ufficiale: nell’autunno 2021 sarà avviato a Belluno – nella sede dell’IIS Segato – il corso per “Tecnico superiore per l’automazione e i sistemi meccatronici” della Fondazione ITS Academy Meccatronico del Veneto. Una novità assoluta nel campo dell’offerta formativa bellunese, sostenuta con forza da Confindustria Belluno Dolomiti sulla base delle richieste provenienti dalle aziende del territorio.
Il numero minimo per l’attivazione del corso – ovvero 20 iscritti – è stato raggiunto, ma le selezioni sono ancora aperte fino al 19 settembre. La data di inizio lezioni sarà agli inizi di ottobre.
“È un risultato al quale stiamo lavorando da più di due anni ma alla fine ce l’abbiamo fatta.

Lorraine Berton

Nemmeno la pandemia ci ha fermati”, afferma Lorraine Berton, presidente degli industriali bellunesi. “Siamo molto soddisfatti: è una nuova opportunità che mettiamo a disposizione delle nostre ragazze e dei nostri ragazzi”.
Proprio dalle imprese del territorio era giunta forte la richiesta di reperire nuovi profili specializzati in ambito meccatronico. “Appello che abbiamo subito raccolto iniziando un dialogo serrato con la Fondazione ITS Academy Meccatronico Veneto”, ricorda Berton. “Un confronto che abbiamo poi esteso a tutti i soggetti del territorio, a partire dall’ITI Segato di Belluno, che fin dall’inizio ha creduto nella bontà dell’iniziativa, prima con Salvatore Russotto, poi con l’attuale dirigente Ilaria Chiarusi e il supporto operativo del docente Michele Zancanaro”.

“Si tratta di un traguardo importante, soprattutto in questo momento di ripresa”, afferma Giorgio Spanevello, direttore generale dell’ITS Academy Meccatronico Veneto. “La nuova sede nel Bellunese rappresenta un importante tassello nell’offerta formativa del nostro ITS che risponde ad una precisa richiesta del sistema produttivo locale. La risposta dei ragazzi è stata molto positiva, ciò significa che hanno capito il valore della formazione tecnica post diploma in ambito meccatronico nel prepararli a posizioni di alto livello, spesso introvabili”.
Sarà lo stesso IIS Segato a ospitare il corso di alta formazione – post maturità e dalla durata biennale – sia nella parte teorica che in quella pratica e di laboratorio.
Ma tutte le scuole bellunesi sono state mobilitate con una capillare opera di orientamento che ha visto schierati – in prima persona – diversi imprenditori come Davide Ceccarelli, ad di Technowrapp, Stefano Giacomelli, direttore generale Sinteco e Bucci Automation Division, e lo stesso gruppo Giovani Imprenditori guidato da Marco Da Rin Zanco.
Non a caso, studentesse e studenti arriveranno a Belluno da buona parte degli Istituti secondari di tutta la provincia, soprattutto tecnici, dal Cadore al Feltrino.
Le prime selezioni si sono tenute alla fine di luglio a Vicenza, sede centrale della Fondazione ITS Meccatronico Veneto e così, per agevolare i candidati bellunesi, Confindustria Belluno Dolomiti ha messo a disposizione un pullman.

“Abbiamo fatto e continueremo a fare la nostra parte. Le aziende del territorio sono pronte ad aprire le loro porte, offrire tirocini strutturati e tradurli in posti di lavoro, opportunità concrete di futuro”, rimarca Berton. “Il manifatturiero bellunese continua ad aver fame di nuove competenze in ambito digitale e 4.0. La stessa pandemia non ha fatto altro che ribadire l’urgenza di avere figure nuove e preparate se vogliamo agganciare la ripresa. Sono convinta che sarà un percorso di crescita comune”.
Il nuovo ITS va a inserirsi nel nuovo quadro della formazione made in Belluno portato avanti con determinazione dall’associazione degli industriali dolomitici dopo la Luiss Business School, il Digital Innovation Hub e le tante proposte di Reviviscar, il braccio formativo di Confindustria Belluno Dolomiti: tutte realtà che hanno continuato a erogare formazione anche nei mesi più duri del lockdown prima e della zona rossa poi attraverso l’implementazione della didattica a distanza e di modelli formativi innovativi.
“Investire in formazione significa trattenere talenti sul territorio, frenare la fuga di cervelli e di manodopera. Nel Bellunese il settore meccatronico è una punta di assoluta eccellenza, da difendere. Questo è il contributo che come industriali diamo concretamente al territorio. È un segnale di fiducia e solo dove c’è fiducia ci può essere una visione di futuro”, la conclusione di Berton.
Le selezioni sono ancora aperte, per ogni informazione www.itsmeccatronico.it.

 COS’È L’ITS MECCATRONICO

L’ITS meccatronico (ITS sta per Istituto Tecnico Superiore) è un corso post-maturità, biennale, che prevede duemila ore di formazione – di queste 1200 in aula, 800 in azienda – e rivolto a tutte le persone con diploma di scuola secondaria di secondo grado, studenti, inoccupati, disoccupati.
Il percorso – gestito dalla Fondazione ITS Meccatronico Veneto – è finanziato da Regione del Veneto, attraverso il Fondo Sociale Europeo e dal Miur.
La Fondazione ITS Academy Meccatronico è presente in tutte le principali città del Veneto con corsi all’avanguardia e di estrema efficacia come dimostra il 98 per cento di tasso di occupabilità dei corsisti, uno dei più alti a livello nazionale. Sono quasi 200 – in tutto il Veneto – le aziende aderenti che aprono le loro porte agli studenti per i periodi di tirocinio.
Nello specifico, il Tecnico Superiore per l’Automazione ed i Sistemi Meccatronici opera nel contesto delle soluzioni utilizzate per realizzare, integrare, controllare macchine e sistemi automatici destinati ai più diversi tipi di produzione. Utilizza i dispositivi di interfaccia tra le macchine controllate e gli apparati programmabili che le controllano sui quali interviene per programmarli, collaudarli e metterli in funzione documentando le soluzioni sviluppate. Gestisce i sistemi di comando, controllo e regolazione.
Collabora con le strutture tecnologiche preposte alla creazione, produzione e manutenzione dei dispositivi su cui si trova ad intervenire. Cura e controlla anche gli aspetti economici, normativi e della sicurezza.
Lo studente può trovare impiego in aziende che progettano, producono, installano sistemi automatizzati di produzione, perfezionamento, magazzinaggio, o essere inserito all’interno dello stesso ciclo produttivo.

Share
- Advertisment -

Popolari

La Cassa Rurale Dolomiti dona 10mila euro alla delegazione bellunese del Soccorso Alpino. Barattin: “Risorsa preziosa per l’acquisto di nuovi droni e per la...

“Il nostro istituto porta la montagna, e in particolar modo le Dolomiti, nella propria ragione sociale, ma anche in molte delle proprie iniziative imprenditoriali...

Sabato la conferenza Buzzati minore, ma non troppo. Autografi, libri preziosi, speciali e rari buzzatiani della Biblioteca civica di Belluno

Sabato 1 ottobre alle ore 10:00, nell’aula magna del Seminario Gregoriano di Belluno si terrà la conferenza Buzzati minore, ma non troppo. Autografi, libri...

Presidenzialismo. Trabucco: “Approccio superficiale”

All'indomani delle elezioni politiche del 25 settembre 2022, il partito di maggioranza relativa (Fratelli d'Italia), in modo pienamente legittimo, ha illustrato uno dei punti...

Riqualificazione energetica dell’edificio Kraller. Saranno riservati 8 alloggi ai lavoratori temporanei

Belluno, 27 settembre 2022 - Via libera oggi in giunta al progetto definitivo/esecutivo di riqualificazione energetica dell’edificio Kraller, in via Lungardo. L’operazione, finanziata dal...
Share