13.9 C
Belluno
lunedì, Settembre 26, 2022
Home Arte, Cultura, Spettacoli Mattia Cason vince il Premio Scenari 2021 con "Le Etiopiche"

Mattia Cason vince il Premio Scenari 2021 con “Le Etiopiche”

Mattia Cason, danzatore e performer bellunese, ha vinto il primo premio Scenari 2021 a Bologna ieri domenica 29 agosto 2021 con lo spettacolo “Le Etiopiche” che è stato scelto come vincitore dopo una selezione di 40 spettacoli su 127 e una ulteriore selezione di 10 finalisti che sono stati valutati nella finale di Bologna dal 27 al 29 agosto. Il premio scenari è uno dei premi più importanti in Italia assegnato dall’associazione omonima che raggruppa teatri di tutta Italia dal 1987.

Le Etiopiche: regia, coreografie, testi di Mattia Cason; interpreti: Mattia Cason, Carolina Alessandra Valentini, Tamaš Tuza, riprese Francesco Sossai, tecnica Paolo Cacioppo.

Il progetto vuol essere la prima parte di una trilogia su Alessandro Magno.
Alessandro inteso non tanto come grande conquistatore, quanto come simbolo di una curiosità irrefrenabile per tutto ciò che è altro, diverso, straniero.
Questa parte si concentra sull’inizio dell’avventura di Alessandro, sul suo sbarco in Asia e sull’incontro con Memnone di Rodi, un mercenario greco al soldo dei persiani che più di ogni altro gli diede filo da torcere nel suo incedere in Asia Minore. Ciò che qui più interessa è il parallelismo tra questi due uomini a cavallo tra storia e mito: se infatti Alessandro passato l’Ellesponto si presenta a Troia come “nuovo Achille”, anche Memnone può vantare una corrispondenza con l’epica del ciclo troiano: nell’Etiòpide si canta infatti di un Memnone re degli Etiopi giunto a Troia nel tentativo di salvarla proprio dalla furia di Achille.
L’incontro tra questi due personaggi storici e il suo riverberare nel mondo del mito vuol poi divenire una chiave per interpretare le migrazioni contemporanee verso l’Europa: in quel confine in cui l’incontro tra Greci e Persiani, tra “Noi” e “Loro”, assume tratti archetipici per lo stesso mito d’Europa, l’Unione Europea ha l’ultima occasione di realizzare il suo progetto, quello di divenire un soggetto politico fondato su un nuovo modello di coesione sociale, un modello che superi il paradigma etnico ed etnico-nazionale e che riconosca l’“altro” in quanto necessario alla comprensione del “sé”

Vincitore Premio Scenario 2021
Motivazione della Giuria
Storia e mito, plurilinguismo e multidisciplinarietà, complessità concettuale e artigianato teatrale che ricollocano nel passato tematiche del presente. Le Etiopiche rilegge l’epica di Alessandro Magno alla luce della contemporaneità, aprendo una riflessione sull’Europa di oggi, in una prospettiva che contempla l’accoglienza come opportunità piuttosto che come limite.
È così che il suono di parole sconosciute ci mette di fronte all’ignoto, all’altro da noi, muovendo curiosità e interesse.
La scena viene abitata da molteplici linguaggi espressivi: il teatro, che transita attraverso figure provenienti da epoche differenti, alla ricerca dei fondamenti su cui si fonda l’Europa del passato, quella degli Stati nazionali, si alterna al video, usato come una finestra sul mondo, capace di proiettare sullo schermo una geografia multiforme, fatta di paesaggi, di volti e di azioni. E infine la danza, che diventa elemento scenico comune e condiviso, capace di comunicare al di là delle barriere linguistiche.
È così che prende forma l’idea di un’Europa del futuro, di matrice afroasiatica, aperta a una nuova socialità, più umana e più etica.

Mattia Cason

Nato a Belluno, l’11 marzo 1989. Ha studiato recitazione alla Civica Accademia d’Arte Drammatica Nico Pepe di Udine e danza alla “Maslool” di Tel Aviv. È un danzatore, attore e performer. Appassionato di danza, geografia, lingue semitiche e di Unione europea, ha fatto studi universitari in Antropologia e si è diplomato in arte drammatica. Dal 2012 si è trasferito in Israele dove studia danza e dal 2015 lavora con le compagnie di danza Fresco e Inbal e con coreografi indipendenti, tra cui Michael Getman, Mor Shani and Maya Yogel.
Mattia ha iniziato la sua formazione all’Università di Siena dove si è laureato in Antropologia e studi visivi. Successivamente ha proseguito i suoi studi presso l’Università di Bologna e ha conseguito un Master in Etnologia e Antropologia Culturale. Tra il 2009 e il 2012 studia recitazione presso l’Accademia d’Arte Drammatica “Nico Pepe” di Udine per poi trasferirsi a Tel Aviv (Israele) per studiare danza presso l’ “Haqvutza beYafo”. Nel 2013 ha aderito al programma di danza “The Maslool” e ha continuato a educarsi all’arte della danza. Da allora balla per Fresco Dance Company (2015-2017), Inbal Dance Company (2017-2019) e anche in diversi progetti indipendenti con i coreografi Michael Getman, Mor Shani e Maya Yogel tra gli altri. Nel febbraio 2020 ha preso parte allo spettacolo “Mileva” di Ksenija Martinović, prodotto dal CSS Teatro Stabile d’Innovazione del Friuli-Venezia Giulia. Nel febbraio 2020 si è trasferito a Istanbul dove ha iniziato a lavorare con il coreografo Isil Biçakçi ma l’emergenza Covid 19 ha costretto il progetto a essere rimandato.
Nel 2020 debutta in Mileva di Ksenija Martinovic, prodotto da CSS.
(Mileva parla dell’invisibile presenza di una donna, una matematica e fisica serba, di un tracciato biografico disseminato da indizi che ne suggeriscono il ruolo fondamentale nello sviluppo della teoria della relatività e del lavoro di Albert Einstein, di cui fu prima moglie. Attorno all’enigmatica personalità di Mileva Maric, quindi, nasce Mileva, uno spettacolo ideato e creato da Ksenija Martinovic, attrice e autrice di Belgrado da molti anni attiva in Italia, da lei scritto con Federico Bellini come drammaturgo e interpretato assieme all’attore e danzatore Mattia Cason.)
Dal 2021 lavora con la compagnia En Knap a Ljubljana.

 

 

Share
- Advertisment -

Popolari

Elezioni politiche: Meloni vince, Fratelli d’Italia primo partito

Trionfo di Giorgia Meloni, Fratelli d'Italia è il primo partito, seguito dal Movimento 5 Stelle e Lega. La coalizione del centrodestra raggiunge il 44%...

Motivi principali per il boom di Bitcoin

Bitcoin ha raggiunto un prezzo storico superiore a $64.000 nel 2021. A livello globale, questa valuta virtuale ha ottenuto una crescente accettazione da parte...

Sagra della zucca. Dal 30 settembre al 2 ottobre a Caorera un weekend di sapori bellunesi

«L’agricoltura bellunese non ha grandi numeri, ma ha grandissimi prodotti di nicchia di elevata qualità. Tra queste, la famosa zucca santa, apprezzatissima in cucina,...

Sabato 1° ottobre a Belluno torna Sport in Piazza

Sabato 1º ottobre torna Sport In Piazza. L’edizione 2022 dell’evento dedicato allo sport e alle società sportive, che vede bambini e ragazzi come protagonisti,...
Share