13.9 C
Belluno
mercoledì, Settembre 28, 2022
Home Cronaca/Politica Il Comune di Belluno cerca appartamenti sfitti per l'accoglienza dei profughi afghani

Il Comune di Belluno cerca appartamenti sfitti per l’accoglienza dei profughi afghani

Jacopo Massaro – Sindaco di Belluno

Alla luce della difficile situazione in Afghanistan, che vede l’abbandono del paese da parte di molti cittadini dopo il cambio di regime, anche Belluno si prepara a fare la sua parte, come già annunciato dal sindaco Jacopo Massaro nelle ore immediatamente successive all’inizio del ritiro delle truppe.
L’amministrazione comunale ha infatti deciso di mettersi a disposizione per accogliere le famiglie di profughi in fuga dall’Afghanistan, nell’ambito della rete SAI – Sistema di accoglienza e integrazione (ex Sprar); a tal fine sta costantemente confrontandosi con la Prefettura, con cui ha già instaurato un’ottima collaborazione per la gestione di questa situazione particolare.
Le famiglie dovranno essere sistemate in appartamenti sfitti, arredati e comunque pronti all’uso, il cui affitto verrà inserito nei costi generali della rete Sai.
Il sindaco di Belluno lancia dunque un appello ai concittadini che ne avessero a disposizione.
“Per l’Afghanistan è un momento difficile” – dichiara il sindaco – “e sentiamo il dovere di fare la nostra parte, accogliendo quanti, temendo il futuro, lasciano dolorosamente in questi i giorni il loro paese. Noi bellunesi siamo un popolo accogliente, che da sempre conosce il peso delle difficoltà e del sacrificio e quindi anche l’importanza della solidarietà. Sono quindi convinto che chi è in una condizione di dare una mano si farà avanti”.
In questa fase è in atto una ricognizione urgente delle disponibilità di alloggi, pertanto gli interessati dovranno limitarsi a dare la disponibilità di immobili liberi dandone qualche informazione di massima (ubicazione, condizioni generali, metri quadri, caratteristiche, etc.) scrivendo a:
belluno.sprar.ord@comune.belluno.it.
Si sottolinea che in questo momento si sta tendenzialmente evitando di collocare le famiglie in fuga presso altri nuclei familiari che magari hanno qualche camera in più, per evitare alcune problematiche di carattere logistico, assistenziale ed amministrativo.

La rete SAI
ll Sistema di accoglienza e integrazione SAI è costituito dalla rete degli enti locali che per la realizzazione di progetti di accoglienza integrata accedono, nei limiti delle risorse disponibili, al Fondo nazionale per le politiche e i servizi dell’asilo. A livello territoriale gli enti locali, con il prezioso supporto delle realtà del terzo settore, garantiscono interventi di accoglienza integrata che, oltre ad assicurare servizi di vitto e alloggio, prevedono in modo complementare anche misure di informazione, accompagnamento, assistenza e orientamento, attraverso la costruzione di percorsi individuali di inserimento socio-economico.

Share
- Advertisment -

Popolari

Presidenzialismo. Trabucco: “Approccio superficiale”

All'indomani delle elezioni politiche del 25 settembre 2022, il partito di maggioranza relativa (Fratelli d'Italia), in modo pienamente legittimo, ha illustrato uno dei punti...

Riqualificazione energetica dell’edificio Kraller. Saranno riservati 8 alloggi ai lavoratori temporanei

Belluno, 27 settembre 2022 - Via libera oggi in giunta al progetto definitivo/esecutivo di riqualificazione energetica dell’edificio Kraller, in via Lungardo. L’operazione, finanziata dal...

Tutto esaurito per i Percorsi della Memoria 2022: seimila partecipanti sui luoghi del Vajont

Longarone. Tutto esaurito per l’edizione 2022 dei Percorsi della Memoria: domenica prossima 2 ottobre ci saranno 6000 persone a camminare sui luoghi del Vajont....

Disponibile e gentile, amante della natura e dello sport. Cercasi Cavaliere sulle piste da sci, nell’area vacanze sci & malghe Rio Pusteria

Aperte fino all'8 novembre 2022 le candidature per svolgere il lavoro più cool delle Alpi nell'area vacanze sci & malghe Rio Pusteria, tra le...
Share