13.9 C
Belluno
sabato, Settembre 24, 2022
Home Cronaca/Politica Il ministro D’Incà incontra il Consiglio di Bacino “Dolomiti Bellunesi” per il...

Il ministro D’Incà incontra il Consiglio di Bacino “Dolomiti Bellunesi” per il servizio idrico integrato

ministro D'Incà Camillo De Pellegrin Ezio Zuanel Mercoledì 25 agosto a Palazzo Piloni si è tenuto un incontro del ministro Federico D’Incà con il Consiglio di Bacino “Dolomiti Bellunesi”, l’ente di governo dell’Ambito Territoriale Ottimale espressione dei Comuni del nostro territorio.
Ad accoglierlo il presidente del Consiglio di Bacino Camillo De Pellegrin, sindaco di Val di Zoldo, ed Ezio Zuanel, sindaco di La Valle Agordina, che hanno ringraziato per la visita a nome di tutti i sindaci, presentando al ministro i compiti istituzionali dell’ente e le sue attività quali determinare le tariffe e controllare il servizio idrico integrato affidato a BIM GSP, oltre che programmare tutti gli interventi sulle infrastrutture di acquedotto, fognatura e depurazione.
Si è trattato di un incontro nel corso del quale sono state approfondite le esigenze del servizio idrico integrato nel territorio bellunese, le criticità esistenti, l’impegno prioritario per la depurazione e per la continuità del servizio idropotabile, gli investimenti necessari e la loro difficile sostenibilità esclusivamente in tariffa all’utenza. Il Programma degli Interventi complessivo approvato fino al 2033 vede oggi stanziati 215 milioni di euro di investimenti sulle infrastrutture idriche del Bellunese.
E’ stato analizzato il contesto nuovo e sfidante determinato dal PNRR, per il quale il Consiglio di Bacino ha già trasmesso nei mesi scorsi, ad ARERA e Ministero della Transizione Ecologica, richieste di finanziamento per alcuni progetti significativi: potenziamenti dell’approvvigionamento e della capacità idrica, di adduzione e interconnessione tra vari sistemi acquedottistici delle nostre vallate da una parte e interventi per la realizzazione di nuovi sistemi centralizzati di depurazione in alcuni macro contesti della provincia. Interventi che solo con finanziamenti extratariffa potranno essere attivati.
Il ministro ha confermato la massima attenzione, di parlamentare del territorio e membro dell’esecutivo, per le importanti progettualità orientate ad assicurare un servizio pubblico essenziale per la montagna bellunese. Si è convenuto sulla potenzialità rappresentata dagli investimenti sul servizio idrico integrato per lo sviluppo sociale, economico ed ambientale del nostro territorio.

Share
- Advertisment -

Popolari

Oltre le vette – Metafore, uomini, luoghi della montagna. A Belluno dal 7 al 16 ottobre 2022

Oltre 40 eventi in calendario, per la prima volta la rassegna coinvolge i comuni di Alpago, Agordo, Cesiomaggiore, Sedico, Val di Zoldo Si svolgerà come di...

Addio all’Italia. Elena Da Ronch, ecco perché me ne vado. A 16 mesi dal vaccino gli effetti avversi non sono cessati

Belluno, 24 settembre 2022 - "Ho paura a rimanere qui, per questo ho deciso di andarmene"! E' quanto rivela Elena Da Ronch, tutt'oggi vittima degli...

Modena Motor Gallery 2022. Sabato e domenica la 10ma edizione

Una grande festa dei motori e non solo. Modena Motor Gallery 2022, l’edizione del decennale, in programma nei giorni 24 e 25 Settembre 2022, in...

No all’apertura anticipata della caccia. Il Tar del Veneto sospende il calendario venatorio

Il Tribunale amministrativo regionale del Veneto, con l’ordinanza n. 798/2022, ha disposto la sospensione del Calendario venatorio nella parte in cui prevede l’apertura della...
Share