13.9 C
Belluno
lunedì, Settembre 26, 2022
Home Sanità Tamponi nelle farmacie: nella parte alta della provincia si valuta la sospensione

Tamponi nelle farmacie: nella parte alta della provincia si valuta la sospensione

Farmacie in affanno: nella parte alta della provincia si valuta di sospendere il servizio tamponi.

L’effettuazione dei tamponi sta mettendo sempre più sotto pressione i farmacisti dei piccoli paesi di montagna, dove dietro il bancone c’è spesso solo il titolare che si trova a fronteggiare il grosso afflusso turistico di queste settimane centrali di agosto. Ora che all’erogazione dei farmaci si aggiunge la stampa del certificato e la possibilità di essere sottoposti al tampone, due servizi questi ultimi molto richiesti dai turisti per poter accedere ai servizi degli alberghi, il servizio rischio il collasso.

E infatti da Arabba si alza il primo grido di aiuto. Il farmacista della nota località turistica non riesce più a far fronte alle numerose richieste, che si aggiungono al tradizionale servizio di dispensazione di farmaci. Il disagio è comune a tutti i farmacisti delle zone montane del Bellunese, in questo momento, specie di quelle dove insistono grandi insediamenti alberghieri e dove dietro il bancone c’è poco personale, a volte solo il titolare. Trovare farmacisti disposti a trasferirsi nelle Terre Alte bellunesi, d’altra parte, è sempre stato difficile e ultimamente ancora di più.

“Questi colleghi – spiega il presidente di Federfarma Belluno, Roberto Grubissa – si ritrovano nella necessità di proseguire il lavoro ben oltre l’orario di chiusura. Noi siamo a completa disposizione della comunità, lo abbiamo sempre detto e dimostrato, ma in questo caso l’impegno richiesto va oltre le nostre possibilità perché fisicamente i colleghi non riescono a sostenere questi ritmi”. Per questo oggi ci sono farmacie che stanno valutando di sospendere il servizio dei tamponi, con conseguente rischio di danni all’economia locale che in questo momento necessita di vedersi assicurata l’attività.

Nei piccoli paesi il farmacista ha un ruolo centrale nella comunità, a lui si rivolgono le persone per informazioni, consigli e sostegno che vanno oltre la dispensazione del farmaco.

“In occasione delle grandi nevicate e di altri eventi meteo importanti – commenta il farmacista di Arabba, Paolo Da Rin -, il nostro ruolo è ancora più fondamentale. Le persone si rivolgono a noi tutti i giorni, sabati e domeniche compresi, e noi ci siamo sempre, anche quando si tratta di andare nella casa dell’anziano isolato dalla neve o dalla frana. Questo lo si fa, è parte della nostra missione e ne siamo ben felici, ma la pressione di questo momento non è sostenibile”. Il tutto mentre avanza a grandi falcate la distribuzione diretta per conto dell’Usl dei farmaci. “Questo ci sottrae importanti risorse – osserva ancora Da Rin – ma, soprattutto, crea disagi ai cittadini in quanto li obbliga a recarsi in punti e ad orari prestabiliti per il ritiro di un farmaco che potrebbero comodamente trovare in farmacia”. Una tendenza, questa, che oggi lascia l’amaro in bocca alla categoria.

“L’azienda sanitaria ci chiede da un lato di erogare sempre più servizi – spiega Grubissa -, dall’altro prende su di sé quello che di fatto è il nostro lavoro, l’erogazione dei farmaci: è una situazione che non può stare in equilibrio a lungo. Invece di dare risorse al territorio e di favorirne l’economia, infatti, in questo momento assistiamo a bandi di concorso per assumere farmacisti e potenziare la distribuzione diretta. Un grande controsenso soprattutto per i nostri territori e per la montagna, che avrebbe invece bisogno di essere supportati”.

 

Share
- Advertisment -

Popolari

Nuova pista di atletica al Polisportivo di Belluno

Sono a buon punto i lavori al Polisportivo di Belluno: entro la settimana sarà terminata la posa della nuova pista di atletica. Il progetto,...

Presentata la nuova guida rossa. Belluno Città Splendente – Storia, Architettura, Arte

E' stata presentata questa mattina alla stampa la nuova edizione della guida di Belluno che ha rivisto, modificato e ampliato la famosa “Guida rossa”...

Progetto teatrale “Scuola, amore mio”. La Compagnia Bretelle Lasche cerca giovani dai 15 ai 17 anni

La compagnia teatrale Bretelle Lasche (APS senza scopo di lucro) cerca ragazzi dai 15 ai 17 anni, motivati, per il nuovo spettacolo che sta allestendo,...

Elezioni politiche: Meloni vince, Fratelli d’Italia primo partito

Trionfo di Giorgia Meloni, Fratelli d'Italia è il primo partito, seguito dal Movimento 5 Stelle e Lega. La coalizione del centrodestra raggiunge il 44%...
Share