13.9 C
Belluno
mercoledì, Giugno 23, 2021
Home Cronaca/Politica Zaia firma l'ordinanza. Da lunedì nuove regole per la ripresa delle attività...

Zaia firma l’ordinanza. Da lunedì nuove regole per la ripresa delle attività economiche e sociali

Con Ordinanza n. 83 del 5 giugno 2021, il Presidente della Regione Veneto Luca Zaia, ha disposto nuove regole per la ripresa delle attività economiche e sociali in vigore da lunedì 7 giugno.

Ecco il testo qui di seguito

A) SVOLGIMENTO DELLE ATTIVITA’ ECONOMICHE E SOCIALI
1. Allo scopo di contrastare e contenere il diffondersi del virus SARS-CoV-2,
ferma restando l’applicazione delle misure di prevenzione sanitaria di cui alla
normativa nazionale e alle Linee guida per la riapertura delle attività
economiche e sociali, predisposte dalla Conferenza delle Regioni e delle
Province autonome, di cui all’articolo 12 del decreto legge 65/2021, unite alla
presente ordinanza a far comunque parte integrante della stessa come Allegato
A, dal 7 giugno 2021 su tutto il territorio regionale è prevista l’anticipazione
delle date di riapertura, rispetto a quelle previste dal decreto legge 52/2021 e
dal decreto legge 65/2021, per le seguenti attività:
a. parchi tematici e di divertimento, anche temporanei (attività di spettacolo
viaggiante, parchi avventura e centri d’intrattenimento per famiglie);
b. piscine e centri natatori in impianti coperti;
c. centri benessere e termali;
d. feste private anche conseguenti alle cerimonie civili e/o religiose
all’aperto e al chiuso;
e. attività dei servizi di ristorazione, svolte da qualsiasi esercizio, anche al
chiuso;
f. fiere (comprese sagre e fiere locali), grandi manifestazioni fieristiche,
congressi e convegni;
g. eventi sportivi aperti al pubblico, diversi da quelli di cui all’articolo 5 del
decreto legge 52/2021, che si svolgono al chiuso;
h. sale giochi e scommesse, sale bingo e casinò;
i. centri culturali, centri sociali e centri ricreativi;
j. corsi di formazione.
2. Fino al 21 giugno 2021, in zona bianca il consumo al tavolo negli spazi al
chiuso è consentito per le attività dei servizi di ristorazione per un massimo di
sei persone per tavolo, salvo che siano tutti conviventi.
Mod. B – copia Opgr n. 83 del 5 giugno 2021 pag. 4 di 6
3. In relazione alle sale da ballo e alle discoteche, si applicano le previsioni di cui
all’articolo 5 del decreto legge 52/2021, fermo restando che le attività di
ristorazione e bar sono equiparate a quelle già autorizzate dalla normativa
vigente.
4. Al fine del contenimento dei focolai e del mantenimento delle condizioni di
basso rischio sono rafforzate le misure di sanità pubblica previste, incluse
quelle di contact tracing.

B) IMPIANTI DI RISALITA NELLE STAZIONI E NEI COMPRENSORI
SCIISTICI E A USO TURISTICO
1. Utilizzo degli impianti di risalita nelle stazioni e nei comprensori sciistici
L’utilizzo degli impianti di risalita nei comprensori sciistici e comunque a fini
turistici, in zona bianca o gialla, si svolgono nel rispetto dell’apposito paragrafo
delle Linee guida adottate ai sensi dell’articolo 1, comma 14, del decreto-legge n.
33 del 2020 dalla Conferenza delle Regioni e delle Province autonome in data 28
maggio 2021, di cui all’Allegato A parte integrante e sostanziale della presente
ordinanza, approvate dal Ministro della salute con ordinanza del 29 maggio 2021,
nonché delle disposizioni di cui ai punti successivi.
2. Definizione del numero massimo di presenze giornaliere nei comprensori
sciistici e nelle stazioni sciistiche non ricomprese in un comprensorio sciistico
Il presente articolo si applica ai comprensori sciistici e alle stazioni sciistiche in
cui si può praticare lo sci alpino.
In ogni comprensorio sciistico, o stazione sciistica non ricompresa in un
comprensorio sciistico, il numero massimo di presenze giornaliere, anche per la
pratica dello sci estivo, è determinato nella misura del 30% della portata oraria
complessiva di tutti gli impianti a fune (cabinovie, funivie, seggiovie, sciovie o
skilift) aperti nel comprensorio sciistico o nella stazione sciistica non ricompresa
in un comprensorio.
Il calcolo delle presenze giornaliere è definito dalla somma degli skipass
giornalieri, di quelli plurigiornalieri e settimanali relativi al periodo di riferimento
nonché di quelli stagionali. A titolo esemplificativo: se la somma della portata
oraria di tutti gli impianti del comprensorio sciistico o della stazione sciistica non
ricompresa in un comprensorio fosse pari a 12.000, il numero delle persone
ammesse giornalmente nel comprensorio sciistico/stazione sciistica non può
essere superiore al 30% di tale cifra, ossia 3.600 unità; se il numero degli skipass
plurigiornalieri e settimanali già venduti per il periodo di riferimento è pari a 300
e il numero degli skipass stagionali venduti è pari a 100, il numero degli skipass
giornalieri vendibili non potrà essere superiore a 3.200.
Nel caso di aperture in notturna, il calcolo delle persone ammesse dovrà essere
riferito alla sola portata oraria dell’impianto o degli impianti aperti in notturna.
Mod. B – copia Opgr n. 83 del 5 giugno 2021 pag. 5 di 6
Per le stazioni sciistiche con numero massimo di due impianti complessivi aperti,
il numero massimo di presenze giornaliere è determinato nella misura del 50%
della portata oraria complessiva.
Agli abbonati plurigiornalieri, settimanali e stagionali dovrà essere garantito il
posto, nel limite del contingente giornaliero, anche attraverso appositi sistemi di
prenotazione.
Nel caso di possibili differenze nei regimi di apertura/chiusura conseguenti al
mutamento delle condizioni di rischio tra i territori del Veneto e delle Province
autonome di Trento e Bolzano, ovvero di presenza del divieto di spostamento in
entrata e in uscita tra i medesimi territori verranno adottate di concerto tra la
Regione Veneto e le rispettive Province Autonome, misure idonee di prevenzione
per la gestione dei flussi e delle presenze.
Al fine di assicurare un adeguato monitoraggio delle misure adottate, i gestori di
ogni comprensorio sciistico, o stazione sciistica non ricompresa in un
comprensorio sciistico dovranno comunicare alle Aziende sanitarie competenti per
territorio gli impianti aperti, la portata oraria dei singoli impianti e complessiva
del comprensorio sciistico o della stazione sciistica, le presenze giornaliere
ammissibili nel comprensorio sciistico o nella stazione sciistica, determinate in 4
in applicazione del criterio di cui al presente articolo.
3 Definizione del numero massimo di presenze giornaliere negli impianti di
risalita all’interno di stazioni, aree e comprensori per il turismo estivo
Per l’utilizzo degli impianti di risalita all’interno di stazioni, aree e comprensori
per il turismo estivo, che non comporta, di solito, un utilizzo plurimo da parte dello
stesso utente del medesimo impianto, il limite giornaliero dei primi ingressi nel
comprensorio montano è stabilito da: a) portata oraria teorica della funivia bifune
di arroccamento o delle seggiovie ad attacco fisso moltiplicata per tre, considerato
che per queste tipologie di impianti il limite teorico orario è particolarmente ridotto;
b) per le altre tipologie di impianti di arroccamento, portata oraria teorica
moltiplicata per due, considerato la maggiore capacità oraria di questa tipologia di
impianti.

C) DISPOSIZIONI FINALI
1. Salvo quanto specificamente disposto al punto 2, della lettera A), le disposizioni di
cui alla presente ordinanza e all’Allegato A hanno effetto dal 7 giugno 2021 fino a
diversa ordinanza regionale o a modifica della normativa immediatamente
vincolante.
2. La violazione delle presenti disposizioni comporta, salva la responsabilità penale per
le pertinenti fattispecie, l’applicazione delle sanzioni di cui all’art. 4 del decreto legge
25 marzo 2020, n. 19 e dall’art. 2 del decreto legge 16 maggio 2020, n. 33, oltre a
quelle previste dalle ordinanze prorogate.
3. L’accertamento delle violazioni, con possibile applicazione delle misure cautelari,
compete agli organi di polizia di cui all’art. 13 della legge n. 689/81; le sanzioni
pecuniarie sono destinate all’ente di appartenenza dell’organo accertatore;
Mod. B – copia Opgr n. 83 del 5 giugno 2021 pag. 6 di 6
l’applicazione delle sanzioni pecuniarie e accessorie compete, per quanto riguarda la
violazione delle ordinanze regionali, ai comuni ai sensi della l.r. 10/77.
4. La presente ordinanza viene comunicata alla Presidenza del Consiglio dei Ministri,
al Ministro della Salute e ai comuni interessati.
5. È incaricata dell’esecuzione del presente provvedimento la Direzione competente.
6. Il presente provvedimento non comporta spesa a carico del bilancio regionale ed è
pubblicato nel Bollettino Ufficiale della Regione.

Share
- Advertisment -

Popolari

Cento anni del Trenino delle Dolomiti: i radioamatori del Cadore e di Brunico portano le celebrazioni in tutto il mondo

“È stata un’esperienza bellissima; organizzare un’attività radioamatoriale congiunta tra le sezioni ARI Cadore e Brunico in occasione dei Campionati Mondiali di Sci a Cortina...

Mask to Ride. Parte il nuovo tour di Alvaro Dal Farra, 7mila Km in 12 giorni

Dopo MBE si parte con Mask to Ride. E' iniziata finalmente l'estate di Alvaro Dal Farra, che appena rientrato dal Motor Bike Expo di...

Escursionista scivola dagli Sfornioi e perde la vita

Val di Zoldo (BL), 23 - 06 - 21   Poco prima delle 14 la Centrale del 118 è stata allertata dai compagni di un'escursionista...

Diffamazione a mezzo stampa: incostituzionale il carcere obbligatorio. Compatibile solo nei casi di ecceziionale gravità

Roma, 22 giugno 2021 - La Corte costituzionale ha esaminato oggi le questioni sollevate dai Tribunali di Salerno e di Bari sulla legittimità costituzionale...
Share