13.9 C
Belluno
giovedì, Giugno 24, 2021
Home Prima Pagina Sopralluogo alla sala operativa emergenze in zona aeroporto e al nuovo comando...

Sopralluogo alla sala operativa emergenze in zona aeroporto e al nuovo comando dei vigili del fuoco. Bortoluzzi: «Con il prefetto piena sinergia per concludere la progettazione. Obiettivo operatività massima per le Olimpiadi»

Sopralluogo, ieri mattina (lunedì 10 maggio), nella sala operativa emergenze, all’interno delle pertinenze dell’Arma dei carabinieri in zona aeroporto, e poi al comando provinciale dei vigili del fuoco, che ospiterà il nuovo Ccs (Centro coordinamento soccorsi). La Provincia ha accompagnato nella visita il prefetto Mariano Savastano, che fin dall’insediamento a Belluno aveva stabilito tra le priorità proprio la conclusione dell’iter progettuale della nuova struttura, chiamata a raccogliere il coordinamento delle emergenze.

Il progetto preliminare è stato già predisposto e individua l’area di futura costruzione in una delle palazzine dell’ex caserma Toigo, in via Col da Ren. Secondo le carte progettuali, l’edificio verrà demolito e ricostruito ex novo. La nuova palazzina del Ccs si affaccerà proprio sulla strada comunale da un lato e sulla piazza d’armi della caserma dei vigili del fuoco dall’altra. Le sale di gestione operativa saranno dotate di tutti gli strumenti necessari, anche quelli per le riunioni a distanza. Strumenti che in parte sono già stati acquistati dalla Provincia, grazie al contributo offerto da Cariverona a seguito della tempesta Vaia, e oggi si trovano nel Ccs in zona aeroporto, pronti a traslocare non appena le nuove sale saranno realizzate (proprio in questi giorni, gli uffici provinciali stanno predisponendo l’acquisto dei servizi telefonici, per una più funzionale gestione d’intervento). Per velocizzare i tempi e chiudere l’iter, è stata predisposta una bozza di accordo da condividere con tutti gli enti e i soggetti coinvolti: Dipartimento della Protezione Civile, Prefettura, Direzione interregionale dei Vigili del Fuoco, Provincia, Regione del Veneto – Struttura commissariale per il superamento dell’emergenza Vaia, Agenzia del Demanio.

Massimo Bortoluzzi, consigliere provinciale delegato alla Difesa del Suolo e alla Protezione Civile

«L’obiettivo è avviare la progettazione definitiva entro l’anno e avere uno strumento pienamente operativo per le Olimpiadi, nella speranza di non dover gestire emergenze di altro tipo, come quelle che abbiamo dovuto affrontare negli ultimi anni, da Vaia alle nevicate eccezionali – spiega il consigliere provinciale delegato alla Protezione Civile, Massimo Bortoluzzi -. Sarà una struttura in stretto collegamento con il comando provinciale dei vigili del fuoco, così da velocizzare le operazioni in tempo di emergenza; e con ingresso separato per gli altri attori della gestione delle criticità, in modo da evitare sovrapposizioni, garantendo però quella sinergia che è fondamentale nei momenti critici, come abbiamo potuto toccare con mano nei giorni di Vaia. La nostra idea è di farne una struttura all’avanguardia grazie alla forte collaborazione istituzionale cha caratterizza il nostro territorio. Ringraziamo i carabinieri per averci ospitati finora nella loro sede in zona aeroporto: se abbiamo potuto evitare situazioni ancora più critiche nelle ultime emergenze è anche grazie al loro spirito di servizio e alla loro sempre pronta collaborazione; è per questo che valuteremo di mantenere comunque un appoggio logistico nei pressi della aviosuperficie, che è fondamentale per poter gestire alcuni tipi di interventi. Grazie anche al prefetto, che ha subito preso a cuore la questione Ccs. In un territorio fragile e soggetto a rischio idrogeologico e ambientale come il nostro, è fondamentale avere a disposizione una struttura di questo tipo».

Mariano Savastano – Prefetto

Soddisfazione è stata espressa anche dal Prefetto di Belluno, Mariano Savastano: «In questi miei primi giorni a Belluno ho potuto constatare l’efficienza e l’operatività di tutte le componenti del sistema provinciale di protezione civile, rafforzata dal costante raccordo collaborativo con la Regione Veneto. La realizzazione della nuova sala operativa, frutto di questa sinergia istituzionale, consentirà una risposta alle eventuali emergenze ancora più performante, a tutela della comunità e del territorio bellunese».

 

Share
- Advertisment -

Popolari

Cento anni del Trenino delle Dolomiti: i radioamatori del Cadore e di Brunico portano le celebrazioni in tutto il mondo

“È stata un’esperienza bellissima; organizzare un’attività radioamatoriale congiunta tra le sezioni ARI Cadore e Brunico in occasione dei Campionati Mondiali di Sci a Cortina...

Mask to Ride. Parte il nuovo tour di Alvaro Dal Farra, 7mila Km in 12 giorni

Dopo MBE si parte con Mask to Ride. E' iniziata finalmente l'estate di Alvaro Dal Farra, che appena rientrato dal Motor Bike Expo di...

Escursionista scivola dagli Sfornioi e perde la vita

Val di Zoldo (BL), 23 - 06 - 21   Poco prima delle 14 la Centrale del 118 è stata allertata dai compagni di un'escursionista...

Diffamazione a mezzo stampa: incostituzionale il carcere obbligatorio. Compatibile solo nei casi di ecceziionale gravità

Roma, 22 giugno 2021 - La Corte costituzionale ha esaminato oggi le questioni sollevate dai Tribunali di Salerno e di Bari sulla legittimità costituzionale...
Share