13.9 C
Belluno
venerdì, Maggio 7, 2021
Home Lavoro, Economia, Turismo Ristorazione all’aperto in Alpago. Procedura semplificata per la concessione gratuita dei plateatici

Ristorazione all’aperto in Alpago. Procedura semplificata per la concessione gratuita dei plateatici

Vanessa De Francesch, assessore

Richiesta di allestimento o estensione di plateatici: il Comune di Alpago attiva una procedura semplificata per cercare di agevolare le aziende del settore.

Il decreto-legge dello scorso 22 aprile prevede che gli esercizi di somministrazione di alimenti e bevande possano riaprire sia a pranzo che a cena in zona gialla, ma solo negli spazi all’aperto. Una norma che, evidentemente, rischia di penalizzare non poco le attività del settore nei territori, come quello bellunese, caratterizzati da condizioni climatiche incerte e in cui non tutti gli esercenti hanno avuto la possibilità di attrezzarsi per il servizio all’aperto.

Proprio per favorire la progressiva ripresa di queste attività economiche, già gravemente danneggiate dall’emergenza sanitaria da Covid-19, l’Amministrazione ha deciso di concedere gratuitamente l’utilizzo di porzioni di suolo pubblico o privato aperto al pubblico transito, per l’estensione e l’allestimento di plateatici.
“Il fattore-tempo in questi casi è determinate, sottolinea l’assessore alle Attività Produttive Federico Costa. Per questo motivo abbiamo attivato una procedura semplificata in base alla quale gli interessati possono presentare una richiesta tramite mail PEC all’indirizzo alpago.bl@cert.ip-veneto.net, in cui andranno indicate la propria volontà di posizionamento all’aperto di tavoli, sedie e/o altri elementi di arredo e la relativa ubicazione. L’ufficio competente – prosegue Costa – valuterà celermente le richieste, eseguendo poi un sopralluogo di verifica del rispetto delle norme di sicurezza, igienico-sanitarie e del codice della strada, tenendo conto degli interessi dei residenti e di eventuali attività confinanti, in relazione alla residua disponibilità di spazi idonei”.

“Le risorse economiche e ristori sono fondamentali per dare sostegno ad un settore che ha già pagato un prezzo carissimo alla pandemia, ma altrettanto importante – e su questo le amministrazioni locali possono fare la loro parte – è cercare di snellire il più possibile gli iter burocratici”, commenta il vicesindaco Vanessa De Francesch, che aggiunge: “Ci auguriamo davvero tutti che questa nuova stagione primaverile ed estiva, pur con le limitazioni ancora in essere, possa segnare il principio di un’autentica ripartenza anche per i nostri operatori economici. Noi siamo impegnati a fare tutto quanto è nelle nostre possibilità per essere loro di supporto”.

Per ogni ulteriore chiarimento è possibile chiamare l’Ufficio Area Gestione del Territorio del Comune di Alpago al numero di telefono 3336121932.

Share
- Advertisment -

Popolari

Efficientamento energetico, dissesto idrogeologico e sicurezza stradale. Belluno, Zoppè e Limana assegnatari di 384.640 euro

Belluno, Zoppè di Cadore e Limana sono i tre comuni del Bellunese tra i primi assegnatari dei fondi del Bando per l'efficientamento energetico. Secondo...

Fondo per i comprensori sciistici. De Carlo: “Soddisfatti, ma il provvedimento è troppo sbilanciato verso il Trentino Alto Adige”

“Abbiamo cercato di migliorare il Fondo per la montagna previsto dal Decreto Sostegni, provando a riequilibrare la ripartizione delle risorse su tutte le regioni,...

Fitoche, un progetto per salvare la montagna veneta, gli allevamenti e le produzioni

Il presidente Floriano De Franceschi: "un'iniziativa trasversale, con partner i cinque caseifici veneti di montagna, gli allevamenti ed il mondo della ricerca universitaria" Vicenza, 7...

Nuovo punto vaccinale a Sedico con Luxottica

Belluno, 7 maggio 2021 – L’Ulss Dolomiti, Comune di Sedico e Luxottica hanno definito congiuntamente un percorso collaborativo per attivare un nuovo Centro vaccinale...
Share