13.9 C
Belluno
martedì, Aprile 20, 2021
Home Cronaca/Politica Rotatorie di Levego e Sagrogna. Comitato: "La misura è colma"

Rotatorie di Levego e Sagrogna. Comitato: “La misura è colma”

Incrocio che dalla Sp1 porta a Levego Alta

Belluno, 4 marzo 2021 – “Siamo stufi di aspettare, dopo due anni in cui abbiamo solamente sentito delle promesse e nulla dal punto di vista concreto. Nessuna vera risposta sul problema di sicurezza legato alle rotatorie, mentre sono stati installati con grandissima velocità i due autovelox prima e dopo l’abitato. La misura è davvero colma e non escludiamo quindi delle azioni di protesta”.

Così il comitato cittadini di Levego e Sagrogna, che di seguito fa la cronistoria della vicenda.

“A ottobre 2019 i cittadini di Levego e Sagrogna hanno sottoscritto una petizione con oltre 150 firmatari (praticamente uno per famiglia) per la messa in sicurezza dei due accessi verso Levego Alta e Sagrogna. A seguito di questo, alcuni rappresentanti di questa petizione erano andati in consiglio comunale dove tutti, opposizione e giunta, hanno convenuto sulla necessità di sistemare la Sp1, soprattutto sul pericoloso ed osceno incrocio, ormai provvisorio da una ventina di anni di Levego.
Abbiamo da lì assistito ad un continuo rimbalzo di responsabilità tra comune e provincia, fino a vedere addirittura sbucare una mezza rotonda di dubbia utilità nella zona artigianale “fantasma” di Levego.
La provincia ha in seguito chiarito che, entro i confini frazionali, la parola spetta al Sindaco Massaro, ma ha ribadito la sua disponibilità a collaborare all’intervento che loro stessi giudicavano necessario.
Si è arrivati ad una ipotesi di sfruttare la rotonda “fantasma”, ma ormai costruita perché finanziata da privati, sistemando l’incrocio di Levego con l’obbligo di svolta a destra e la realizzazione di una corsia di decelerazione per chi, arrivando da Ponte nelle Alpi, svolta a sinistra verso Levego Alta.
A febbraio 2020 era allo studio la fattibilità di questo intervento, insieme alla realizzazione più semplice della rotonda di Sagrogna, da cui escono moltissimi mezzi dalla zona industriale.
Poi, a marzo 2020 il Covid 19 ha paralizzato la situazione che, tra l’altro vede ancora chiuso il ponte adiacente sulla strada per Castion.
Poi i lavori sono ripresi ovunque. Fortogna sta per avere la sua rotonda, allora nemmeno accennata, mentre quella del Lidl in via Vittorio Veneto, fatta da privati, è già terminata, in una zona dalla viabilità ben più critica di quella di Levego, più difficile e scomoda da realizzare, oltreché vicinissima alle due di via Medaglie d’Oro e Nogarè, una vicinanza che ci dicevano non essere gradita a Veneto Strade.

Ma a Levego tutto tace e si susseguono sempre scuse.
I cittadini si chiedono se serve manifestare in maniera più rumorosa, con mezzi che diano fastidio alle istituzioni, per essere considerati.
E si chiedono – conclude la nota del Comitato dei cittadini di Levego e Sagrogna – se l’autovelox messo a inizio frazione, che castiga i residenti a 5 km all’ora sopra il limite, sia prevenzione o l’ennesima offesa alla trascurata frazione”!

 

Share
- Advertisment -

Popolari

Lavoratori artigiani: se la cassa integrazione è pagata dal Fondo FSBA tramite Ebav, va scaricato il CU per fare la dichiarazione dei redditi

Cassa integrazione pagata dal Fondo FSBA tramite Ebav, i lavoratori e le lavoratrici si attrezzino per scaricare la Certificazione Unica necessaria per presentare la...

Dubbi sulle Olimpiadi invernali Milano-Cortina 2026

Dopo le fanfare bipartisan che a Milano e Cortina hanno salutato la vittoria, per abbandono delle città concorrenti, per le Olimpiadi invernali del 2026,...

A marzo i consumi elettrici ritornano ai livelli pre-covid. Terna: Fabbisogno mensile in crescita: +2,5% sul 2019 e +15% rispetto al 2020

Roma, 20 aprile 2021 – A marzo, secondo i dati di Terna, la società che gestisce la rete elettrica nazionale ad alta e altissima...

Cultura del cibo e del vino. Ais Veneto partner di Ca’ Foscari nel master

Ventuno studenti affronteranno gli scenari del food and wine dopo la pandemia. Obiettivo: far diventare la guida Vinetia uno strumento turistico L'Associazione Italiana Sommelier Veneto...
Share