13.9 C
Belluno
domenica, Giugno 20, 2021
Home Cronaca/Politica Chiusura impianti sciistici. Osnato: "Un colpo mortale ai nostri imprenditori". Tabacchi: "Così...

Chiusura impianti sciistici. Osnato: “Un colpo mortale ai nostri imprenditori”. Tabacchi: “Così si decreta la morte di migliaia di piccole imprese montane”

Filippo Osnato

“Quale portavoce provinciale di Fdi – spiega Filippo Osnato – trovo intollerabile quanto accaduto rispetto all’improvviso, quanto improvvido, cambio di indicazione da parte del Ministro Speranza e degli esperti del C.T.S. sull’apertura degli impianti e della stagione sciistica. Non tanto per il fatto in assoluto, che è comunque di assoluta gravità ed ha molteplici aspetti criticabili, ma per le modalità, che risultano inaccettabili nei tempi e che paiono non tenere in alcun conto le sofferenze economiche ed i sacrifici fatti dagli operatori degli impianti di risalita e del settore turistico. La nostra Provincia vive di turismo, in particolare di quello invernale; quanto successo in queste ore decreta, senza se e senza ma, l’assestamento di un colpo mortale ai nostri imprenditori del comparto”.

Valerio Tabacchi

“Se cambi l’allenatore ma i giocatori restano i medesimi, difficilmente i risultati della squadra migliorano – sentenzia Valerio Tabacchi neo responsabile Dipartimento Turismo Fdi Regione Veneto. Purtroppo il duo Speranza-Ricciardi ha già dimostrato in passato di non aver alcun rispetto per il settore turistico. Mille sciatori in un comprensorio con quaranta o più chilometri di piste mentre praticano attività motoria all’aperto muniti di mascherina non possono rappresentare un rischio maggiore di milleseicento clienti stipati al chiuso tra gli scaffali e gli arredi di uno showroom di settemila metri quadrati. Così si decreta la morte di migliaia di piccole imprese montane mentre si consente alle multinazionali di macinare profitti”.

Come ha ricordato Giorgia Meloni: “Chi sostiene che lo sci è un’attività sacrificabile ignora che il turismo invernale è un asset economico insostituibile e non si rende conto che per tanti territori è l’unica fonte di ricchezza e occupazione. Chi vive e lavora in montagna merita rispetto, va sostenuto nell’accesso ai servizi e chiede che lo Stato sia un alleato…Fratelli d’Italia è l’unico partito ad aver celebrato più volte gli Stati Generali della Montagna e ad aver difeso in Parlamento le istanze di tutti quei cittadini che chiedono di poter continuare a vivere e lavorare dove sono nati e cresciuti: lo dimostra la mozione approvata alla Camera ormai un anno fa, rimasta lettera morta per colpa della sinistra e della maggioranza. La montagna è un pezzo dell’identità italiana e non può essere umiliata in questo modo”.

 

 

Share
- Advertisment -

Popolari

Temporali, vento e grandine da domenica pomeriggio

Venezia, 19 giugno 2021 - Il bollettino emesso dal Centro funzionale decentrato della Protezione Civile del Veneto annuncia, per le prossime ore, tempo instabile in...

Tolti 4,6 miliardi per infrastrutture alle zone deboli. De Menech: «Tentativo di sottrarre risorse alla montagna. Non passerà in Parlamento»

«C'è un tentativo di sottrarre risorse alla montagna, alle aree interne e al sud. Grave il colpo di mano che ha tolto dal decreto...

Pubblicato dalla Regione l’elenco dei maestri artigiani: per Confartigianato Belluno c’è Antonio Da Ronch, restauratore

Antonio Da Ronch, titolare della Adr Restauri di Feltre, è il primo associato di Confartigianato Belluno a essere insignito della qualifica di maestro artigiano...

Malore mortale sotto il Rifugio 7mo Alpini

Belluno, 18 - 06 - 21 - Attorno alle 13.20 il Soccorso alpino di Belluno è stato allertato a seguito della chiamata della gestrice...
Share