13.9 C
Belluno
sabato, Gennaio 16, 2021
Home Lavoro, Economia, Turismo Io Apro, la protesta dei ristoratori. Mirco Froncolati Ho.re.ca CNA: "Non...

Io Apro, la protesta dei ristoratori. Mirco Froncolati Ho.re.ca CNA: “Non credo sia adeguata. Seppur civile va fatta senza trasgredire le regole”

Marghera, 14 gennaio 2021 – La CNA Confederazione Nazionale dell’Artigianato e della Piccola e Media Impresa condivide il commento di Mirco Froncolati, portavoce regionale Ho.re.ca CNA, a proposito dell’iniziativa #IoApro nata sui social per convincere ristoratori ed esercenti a disobbedire ai decreti rialzando le serrande nella giornata di domani, venerdì 15 gennaio 2021.

«Capisco il senso di esasperazione, e da imprenditore del settore ne condivido in pieno le motivazioni, ma non credo che questa forma di protesta sia adeguata al momento che stiamo vivendo».

Così Mirco Froncolati, Portavoce regionale Ho.re.ca CNA e ristoratore dell’Alto Vicentino, a proposito di #IoApro, la protesta nata sui social che invita ristoratori e gestori di locali chiusi per decreto a disobbedire alle regole rialzando le serrande in barba ai divieti.

«Prima di tutto è una proposta nata dando voce alla pancia: non si tiene conto del rischio connesso alle sanzioni, per le quali si parla di un’eventuale tutela legale comune e gratuita, di cui però non sono fornite indicazioni precise. Sanzioni, peraltro, che potrebbero essere estese anche ai clienti, mettendoli come minimo in difficoltà o in imbarazzo qualora per recarsi al bar o al ristorante siano tentati di uscire dai Comuni di residenza, o se venisse accertato che all’interno del locale aperto si ravvisano gli estremi di un assembramento.

La protesta, se civile e non violenta è più che legittima, ma va fatta senza trasgredire le regole e facendo valere la propria voce con azioni condivise e legali. Inoltre, riaprire senza clienti non servirebbe comunque a niente: potremo riaprire solo quando scenderanno i contagi, tanto da permettere alla popolazione di tornare a circolare liberamente nel territorio.

Per questo dobbiamo augurarci che entri il prima possibile a regime il piano vaccinazioni, magari coinvolgendo presto le categorie produttive che lavorano a contatto con il pubblico. Nel frattempo ciò che dobbiamo richiedere con forza è che quanto ci è stato assegnato dai diversi decreti venga erogato subito, ma che soprattutto siano messi in campo strumenti di ampio respiro per le categorie più penalizzate.

La “mancia” non ci basta: servono misure strutturali, sia di tipo fiscale che contributivo, per progettare una ripartenza che non sarà facile nemmeno una volta fuori dalle zone rosse o arancioni».

 

Share
- Advertisment -

Popolari

Petizione al sindaco di Belluno: no alla strada a scorrimento veloce vicino a scuole e case

"Oggi abbiamo consegnato al Sindaco della nostra città 552 firme di cittadini che chiedono all’Amministrazione Comunale di lasciar decadere una volta per tutte il...

Vertice Provincia-Enel. Padrin: «Abbiamo parlato di fasce di rispetto, presidi territoriali e investimenti futuri. Grazie al ministro D’Incà per aver fatto da tramite»

A seguito dell'incontro a Roma di metà dicembre, la Provincia di Belluno ha tenuto venerdì scorso in videoconferenza una riunione con i vertici di...

Calalzo di Cadore, piano di sviluppo per l’area di Lagole. De Carlo: “Reperire risorse per la gestione e un concorso di idee per sostenere...

Il Comune di Calalzo di Cadore punta ancora forte sull'area di Lagole: "Stiamo lavorando a un progetto che ne migliori la fruibilità e ci...

Video del Soccorso alpino e Cai: “Scegliete un’altra montagna, meno rischiosa ma non meno coinvolgente”

Milano, 16 gennaio 2020  "Scegliete un'altra montagna: meno rischiosa, ma non meno coinvolgente". Il Corpo Nazionale Soccorso Alpino e Speleologico e il Club alpino italiano...
Share