13.9 C
Belluno
venerdì, Maggio 7, 2021
Home Cronaca/Politica La Lega boccia l'emendamento del Pd sul contributo prima casa per chi...

La Lega boccia l’emendamento del Pd sul contributo prima casa per chi abita in montagna

Belluno, 20 dicembre 2020 Il consiglio regionale ha bocciato un emendamento alla finanziaria 2021 per il sostegno all’acquisto, al recupero e alla costruzione di abitazioni nei comuni montani. Il provvedimento avrebbe avuto un impatto minimo sul bilancio regionale, appena 4,5 milioni di euro, ma notevole per i nuclei famigliari con reddito inferiore a 75 mila euro che avrebbe potuto essere destinatari di contributi fino a 20 mila euro per la l’acquisto o la ristrutturazione della prima casa.

Monica Lotto

«Avevamo sollecitato da tempo questo provvedimento», spiega la segretaria provinciale del PD Monica Lotto, «sulla scorta di quanto fa l’Emilia Romagna – il cui impegno a dire il vero è di 30 milioni l’anno per la prima casa delle famiglie. Ma anche riprendendo il sostegno ai nuclei famigliari che la stessa regione Veneto prevedeva prima dell’avvento di Zaia».

L’emendamento è stato presentato dal gruppo consiliare del PD in Consiglio regionale con la relatrice di minoranza Vanessa Camani che ha ricordato l’urgenza di frenare il fenomeno dello spopolamento montano, un fenomeno «riconosciuto ed evidente già negli anni ’80 ma, forse, non compreso fino in fondo nelle sue proporzioni, che colpiscono più di tutte la Provincia di Belluno, unica provincia veneta interamente montana».

Se nel 1981 la popolazione bellunese superava i 220 mila abitanti, nel 2017 era sotto la soglia delle 206 mila unità con appena 24 mila 600 giovani sotto i 15 anni, cioè il 12 per cento.

«L’attenzione alla montagna per noi è fondamentale», ricorda il capogruppo del PD in Consiglio, Giacomo Possamai, «per ragioni storiche è sempre stato il centrosinistra a tutelare la montagna in Veneto e in questo momento in particolare perché per la seconda legislatura non abbiamo alcun consigliere bellunese dell’opposizione e quelli di maggioranza tengono la posizione della giunta, non certo quella dei bellunesi».

«Le aree montane e periferiche sono cruciali nella coesione territoriale dell’intera regione», conclude Lotto, «anche perché se sta bene la montagna sta meglio la pianura. Con questo provvedimento si poteva cominciare. Invece la maggioranza ha perso l’ennesima occasione per dimostrare un interesse verso il Bellunese».

Share
- Advertisment -

Popolari

Efficientamento energetico, dissesto idrogeologico e sicurezza stradale. Belluno, Zoppè e Limana assegnatari di 384.640 euro

Belluno, Zoppè di Cadore e Limana sono i tre comuni del Bellunese tra i primi assegnatari dei fondi del Bando per l'efficientamento energetico. Secondo...

Fondo per i comprensori sciistici. De Carlo: “Soddisfatti, ma il provvedimento è troppo sbilanciato verso il Trentino Alto Adige”

“Abbiamo cercato di migliorare il Fondo per la montagna previsto dal Decreto Sostegni, provando a riequilibrare la ripartizione delle risorse su tutte le regioni,...

Fitoche, un progetto per salvare la montagna veneta, gli allevamenti e le produzioni

Il presidente Floriano De Franceschi: "un'iniziativa trasversale, con partner i cinque caseifici veneti di montagna, gli allevamenti ed il mondo della ricerca universitaria" Vicenza, 7...

Nuovo punto vaccinale a Sedico con Luxottica

Belluno, 7 maggio 2021 – L’Ulss Dolomiti, Comune di Sedico e Luxottica hanno definito congiuntamente un percorso collaborativo per attivare un nuovo Centro vaccinale...
Share