13.9 C
Belluno
mercoledì, Marzo 3, 2021
Home Cronaca/Politica La Lega boccia l'emendamento del Pd sul contributo prima casa per chi...

La Lega boccia l’emendamento del Pd sul contributo prima casa per chi abita in montagna

Belluno, 20 dicembre 2020 Il consiglio regionale ha bocciato un emendamento alla finanziaria 2021 per il sostegno all’acquisto, al recupero e alla costruzione di abitazioni nei comuni montani. Il provvedimento avrebbe avuto un impatto minimo sul bilancio regionale, appena 4,5 milioni di euro, ma notevole per i nuclei famigliari con reddito inferiore a 75 mila euro che avrebbe potuto essere destinatari di contributi fino a 20 mila euro per la l’acquisto o la ristrutturazione della prima casa.

Monica Lotto

«Avevamo sollecitato da tempo questo provvedimento», spiega la segretaria provinciale del PD Monica Lotto, «sulla scorta di quanto fa l’Emilia Romagna – il cui impegno a dire il vero è di 30 milioni l’anno per la prima casa delle famiglie. Ma anche riprendendo il sostegno ai nuclei famigliari che la stessa regione Veneto prevedeva prima dell’avvento di Zaia».

L’emendamento è stato presentato dal gruppo consiliare del PD in Consiglio regionale con la relatrice di minoranza Vanessa Camani che ha ricordato l’urgenza di frenare il fenomeno dello spopolamento montano, un fenomeno «riconosciuto ed evidente già negli anni ’80 ma, forse, non compreso fino in fondo nelle sue proporzioni, che colpiscono più di tutte la Provincia di Belluno, unica provincia veneta interamente montana».

Se nel 1981 la popolazione bellunese superava i 220 mila abitanti, nel 2017 era sotto la soglia delle 206 mila unità con appena 24 mila 600 giovani sotto i 15 anni, cioè il 12 per cento.

«L’attenzione alla montagna per noi è fondamentale», ricorda il capogruppo del PD in Consiglio, Giacomo Possamai, «per ragioni storiche è sempre stato il centrosinistra a tutelare la montagna in Veneto e in questo momento in particolare perché per la seconda legislatura non abbiamo alcun consigliere bellunese dell’opposizione e quelli di maggioranza tengono la posizione della giunta, non certo quella dei bellunesi».

«Le aree montane e periferiche sono cruciali nella coesione territoriale dell’intera regione», conclude Lotto, «anche perché se sta bene la montagna sta meglio la pianura. Con questo provvedimento si poteva cominciare. Invece la maggioranza ha perso l’ennesima occasione per dimostrare un interesse verso il Bellunese».

Share
- Advertisment -

Popolari

Covid e sport. Tornano gli incontri online con meditazione yoga in remoto

Torna sabato 6 marzo la rassegna “Conviviamo consapevolmente con il Covid”, avviata dall'amministrazione Massaro già a fine 2020: dopo gli incontri teorici dello scorso...

Daniele Xausa è il nuovo presidente dell’associazione Dolomiti Uomo

Nuovo direttivo per l’associazione “Dolomiti Uomo”: presidente è Daniele Xausa, affiancato alla vicepresidenza da Silvano Tormen. Ennio Colferai è segretario, Sandro Sommariva segretario-tesoriere; a...

Feltre, guasto alla rete internet, la farmacia non può vendere farmaci per 24 ore

Farmacia senza internet per ventiquattro ore. È accaduto lunedì alla Farmacia Pez Nadia e Roberto Snc di via Belluno a Feltre e solo ieri,...

Canto moderno. Da giovedì la Scuola “Miari” di Belluno inaugura il nuovo corso tenuto dalla docente Valentina Frezza

A partire da giovedì 4 marzo 2021 la Scuola Comunale di Musica "Antonio Miari" di Belluno, gestita dal Conservatorio "Agostino Steffani" di Castelfranco Veneto...
Share