13.9 C
Belluno
domenica, Maggio 9, 2021
Home Cronaca/Politica Ripresa della scuola e trasporto scolastico. De Carlo: "Governo dia certezza di...

Ripresa della scuola e trasporto scolastico. De Carlo: “Governo dia certezza di risorse e coperture, altrimenti i piani sono inattuabili”

“Come possono Regioni e aziende di trasporto garantire i nuovi piani per il trasporto scolastico se devono agire a saldo invariato? Il Governo faccia chiarezza e assicuri risorse e coperture, altrimenti a gennaio meno della metà degli studenti potrà tornare in classe”.

A meno di un mese dall’annunciato ritorno in classe – seppur contingentato – degli studenti delle scuole superiori, il senatore e coordinatore veneto di Fratelli d’Italia Luca De Carlo denuncia l’ennesima falla nel sistema.

Il 7 gennaio è infatti previsto il ritorno a scuola in presenza per il 75% dei ragazzi che frequentano le scuole superiori, mentre i mezzi pubblici del trasporto scolastico potranno essere utilizzati solo al 50% della loro capienza: “La Regione Veneto ha svolto perfettamente il suo compito, realizzando un piano per i trasporti dal valore di 31 milioni di euro”, spiega De Carlo. “Ma se il Governo dice che il servizio va garantito a saldi invariati, quale sarà la regione o l’azienda che accetterà di accollarsi le spese? In questo modo, i piani regionali non potranno mai essere attuati”.

Sono 213mila gli studenti delle scuole superiori in Veneto, 160mila quelli che il giorno dopo l’Epifania dovrebbero tornare sui banchi di scuola: “Se si prosegue insistendo con i costi invariati, solo il 50% di loro potrà farlo”, sottolinea De Carlo.
C’è poi anche una questione tecnica: da tempo, Fratelli d’Italia chiede che vengano firmate convenzioni con aziende private di trasporto, compresi i NCC e i taxi, per garantire il servizio.

“Le aziende di trasporto pubblico devono cercare subito mezzi e personale per soddisfare il nuovo piano e praticamente raddoppiare il loro servizio; queste realtà permetterebbero di affrontare l’emergenza. Pensiamo a situazioni come quella bellunese, dove i 5mila studenti dovrebbero essere gestiti con un doppio turno, in una situazione geomorfologica e infrastrutturale già problematica anche senza aggiungerci i recenti danni del maltempo; serve una soluzione al più presto”, continua il senatore.

“È ora di finirla con lo scaricabarile, una volta con i comuni, una volta con le regioni, ora anche con le aziende di trasporto pubblico”, conclude De Carlo. “Il Governo si prenda le responsabilità delle sue decisioni: dia subito le risorse ai territori per gestire il servizio scolastico, oppure si rassegni al fallimento delle sua azioni e all’inattuabilità dei piani richiesti alle regioni, che prontamente e diligentemente hanno già risposto. Come ho già fatto per il settore turistico, chiedo all’esecutivo di dare un segnale della sua capacità di programmazione, se ne è in grado: in caso contrario, decine di migliaia di studenti resteranno appiedati per colpa dell’indolenza di questo governo”.

Share
- Advertisment -

Popolari

Cinema Italia, tutto quello che c’è da sapere sullo storico cinema di Belluno. Martedì con il Fai Giovani su piattaforma Zoom

Il gruppo Fai Giovani di Belluno ha organizzato una conversazione on line dedicata allo storico cinema Italia di Belluno. Il gestore Manuele Sangalli porterà...

Il Lions Club Belluno dona 18 Pc alle scuole di Borgo Valbelluna

Il Lions Club Belluno, dopo l’apprezzato intervento per le scuole primaria e secondaria di Limana, ha voluto donare alle scuole di Borgo Valbelluna diciotto...

Si può battere sul tempo l’infezione da Sars Cov 2 grazie agli antivirali e ad una nuova organizzazione del territorio

È ormai acclarato che l’opportunità terapeutica dell’utilizzo degli antivirali contro l’infezione da Sar-Cov2 è tanto più efficace quanto prima si utilizzano tali rimedi fin...

No paura Day 3. Domenica alle 16 in piazza Martiri a Belluno

Belluno, 9 maggio 2021 – Oggi pomeriggio alle ore 4 in piazza dei Martiri a Belluno si terrà il terzo appuntamento “No paura day”,...
Share