13.9 C
Belluno
venerdì, Gennaio 22, 2021
Home Arte, Cultura, Spettacoli Appuntamenti Webinar per genitori e insegnanti: primo appuntamento il 30 novembre

Webinar per genitori e insegnanti: primo appuntamento il 30 novembre

Francesca De Biasi – psicologa

Tre incontri per genitori e insegnanti sull’impatto emotivo da covid su bambini e ragazzi organizzati dalla Psicologia Ospedaliera dell’Ulss Dolomiti.
La pandemia, soprattutto in questa seconda fase di semi lockdown, sta provocando alle famiglie preoccupazione e ansia per molteplici motivi di ordine sanitario, organizzativo, economico, educativo.

L’ansia che i propri figli possano contrarre un contagio a scuola, il timore di dover gestire da un giorno all’altro un isolamento fiduciario o una quarantena con le conseguenze organizzative che queste comportano, la paura di poter essere veicolo di malattia per i genitori anziani o di non arrivare a fine mese e molti altri timori, si aggiungono al disorientamento nella cura dei figli con sintomi simil influenzali: come, quando devo fare cosa?
Come tutti i cittadini poi, v’è l’ansia da nuovo DPCM, che porta alla ricerca continua di informazioni sui nuovi contagi, i vaccini , le notizie di positività tra famigliari, amici e conoscenti. Accanto a questi problemi del quotidiano c’è poi sempre la realtà interna di ogni persona e le sue modalità di affrontare gli eventi e di raccontarli ai propri figli – alunni. Molte sono le domande di insegnanti e genitori: parlare o no del covid? Come e in che contesto? Qual è nelle diverse fasce di età l’impatto della pandemia (dalle mascherine all’isolamento, dalla didattica a distanza all’impossibilità di salutare il proprio nonno in casa di riposo)? Quali sono i segni di un disagio psicologico nelle diverse età e come affrontarli? Come migliore le proprie capacità di gestire lo stress?

Questo e altri temi verranno sviluppati nei tre webinar che la uos di psicologia ospedaliera ha promosso per le date del 30 novembre, 2 e 3 dicembre dalle 18.00 alle 20.00 . Il servizio che nella primavera scorsa ha dato supporto ai malati in isolamento, ai sanitari e fornito indicazioni e suggerimenti alla popolazione, ha ritenuto opportuno affrontare questi temi offrendo a genitori ed insegnanti l’opportunità di formarsi ma anche di riflettere ed avere spunti pratici per la gestione emotiva della pandemia.

Ospite delle serate, introdotte e moderate dalla coordinatrice del servizio, dott.ssa Francesca De Biasi e dalla collaboratrice dott.ssa Chiara Forlin, la dott.ssa Stefania Sacchezin, esperta in psicologia dell’emergenza che nella primavera scorsa ha coordinato gli interventi di supporto psicologico COVID alla cittadinanza, alle scuole e alle aziende sanitarie nell’ATS di Bergamo e Milano e Insubria.

Per iscriversi ai webinar basta inviare una mail a:  covid19.bl.sospsicologico@aulss1.veneto.it è possibile iscriversi ai webinar.
Viste le numerose richieste arrivate, con la disponibilità di Azienda 0, è stata ampliata la possibilità di partecipazione fino ad un massimo di 250 persone per webinar e della registrazione dell’incontro.

 

Share
- Advertisment -

Popolari

Rete elettrica. Incontro Provincia-Terna-ministro D’Incà. Padrin: «Chiediamo a Terna di conoscere i piani relativi all’intero Bellunese»

La Provincia di Belluno ha incontrato oggi i vertici di Terna, per continuare a ragionare dei miglioramenti infrastrutturali che riguardano le reti elettriche del...

Grandi opere. Padrin: «Belluno assente ma lavoriamo affinché le Olimpiadi risolvano i nostri gap». Bond: «Ennesima dimenticanza del Bellunese»

«Non posso dire di non essere sorpreso. Ma sicuramente le strategie relative alle Olimpiadi, pur non rientrando espressamente nella lista grandi opere per il...

Belluno, record di cassa integrazione. Paglini (Cisl): “A un passo dal baratro, serve un piano territoriale per l’occupazione e il rilancio”

"Eravamo preoccupati prima di leggere i dati, ma i numeri sono numeri e non lasciano spazio a interpretazioni: Belluno è la provincia veneta che...

Recovery Fund e Piano di Ripresa. 210 miliardi della UE da spendere e rendicontare entro il 2026. L’Italia sarà in grado? Probabilmente no

Il 2020 anno nefasto causa pandemia. Risalire si può, con le risorse UE (Recovery Fund e Piano di Ripresa e Resilienza Next Generation EU),...
Share