13.9 C
Belluno
venerdì, Gennaio 22, 2021
Home Prima Pagina Elezioni per il quadriennio 2021- 2024 dell'Ordine dei Medici e Odontoiatri. La...

Elezioni per il quadriennio 2021- 2024 dell’Ordine dei Medici e Odontoiatri. La lista “Facciamo Ordine” presenta la sua squadra

Ci saranno i riflettori puntati quest’anno per il rinnovo delle cariche del quadriennio 2021-2024 dell’Ordine dei Medici e degli Odontoiatri della provincia di Belluno, che si terranno nella sede dell’Ordine nei giorni di sabato 28-domenica 29 – lunedì 30/11/2020. Non si è ancora spento, infatti, l’eco delle indagini seguite alle scorse elezioni e della conclusione della perizia disposta dalla Procura della Repubblica di Belluno, che ha attestato la presenza di schede evidentemente manomesse, in numero tale da determinare la maggioranza in consiglio direttivo.

Per questa ragione, La lista “Facciamo Ordine” propone un cambio di passo, per lasciarsi alle spalle il passato, assumendo come obbligo morale e professionale prioritario le tutela della salute dei cittadini e la piena difesa della sanità pubblica provinciale, depauperata e depotenziata mai come negli ultimi anni.

L’Ordine dei Medici e degli Odontoiatri di Belluno – fanno sapere i medici promotori della lista – ha il diritto di ritrovare il ruolo e l’autorevolezza perduti dopo un triennio contraddistinto da scarsità di iniziative, distacco dagli iscritti, assenza di confronto con le istituzioni che governano la sanità.

L’Ordine  – prosegue la nota – deve rappresentare un osservatorio critico e costruttivo delle scelte politiche sanitarie locali, senza vincoli e in piena autonomia, e si deve proporre per istituire tavoli di lavoro permanenti con la Direzione strategica dell’Ulss provinciale e con gli Enti locali.
La quota d‘iscrizione all’Ordine deve essere giustificata dai servizi erogati e non pagata per obbligo e con disaffezione. Per questo ci proponiamo di cambiare lo stile dei rapporti fra colleghi: con contatti frequenti, gruppi di lavoro, audit ospedale-territorio, promuovendo la discussione di casi clinici con gli odierni mezzi telematici, fornendo la mediazione fra medici del territorio e ospedalieri, avvicinando l’Ordine ai colleghi della nostra vasta provincia e aumentando le occasioni di confronto con gli Ordini di altri professionisti sanitari.
L’Ordine deve essere il punto primario di confronto e di soluzione dei nostri problemi professionali, rappresentando il riferimento per colleghi e cittadini nella riflessione su questioni deontologiche e bioetiche e deve fare sentire la sua voce sulla stampa e attraverso i corretti rapporti istituzionali.

Della lista “Facciamo Ordine”, fanno parte i medici Germanà, Mazzon, Padoin, componenti del Consiglio Direttivo uscente, e i medici Cavagna e Ghanem, presenti nella lista che nelle scorse elezioni venne penalizzata.
Ad essi si aggiungono professionisti di assoluto riferimento per le loro competenze e la loro grande conoscenza della realtà sanitaria provinciale: la dottoressa Laura Renon, chirurga senologa già insignita del premio San Martino 2018; la dottoressa Eliana Modolo, microbiologa della Ulss 1 e apprezzata consulente per colleghi e cittadini nella attuale situazione di pandemia; il dottor Petros Giovanis, oncologo con solida esperienza professionale sia a Belluno che a Feltre; il dottor Stefano Capelli, già direttore del Dipartimento di Medicina Trasfusionale della Ulss 1 Dolomiti.
Alla lista “Facciamo Ordine” per l’elezione del Consiglio Direttivo, è associata la lista “Contiamo” per il Collegio dei Revisori, che comprende la dottoressa Monari e il dottor Stoduto, revisori uscenti, e il dottor Giovanni Tarroni.

Share
- Advertisment -

Popolari

Rete elettrica. Incontro Provincia-Terna-ministro D’Incà. Padrin: «Chiediamo a Terna di conoscere i piani relativi all’intero Bellunese»

La Provincia di Belluno ha incontrato oggi i vertici di Terna, per continuare a ragionare dei miglioramenti infrastrutturali che riguardano le reti elettriche del...

Grandi opere. Padrin: «Belluno assente ma lavoriamo affinché le Olimpiadi risolvano i nostri gap». Bond: «Ennesima dimenticanza del Bellunese»

«Non posso dire di non essere sorpreso. Ma sicuramente le strategie relative alle Olimpiadi, pur non rientrando espressamente nella lista grandi opere per il...

Belluno, record di cassa integrazione. Paglini (Cisl): “A un passo dal baratro, serve un piano territoriale per l’occupazione e il rilancio”

"Eravamo preoccupati prima di leggere i dati, ma i numeri sono numeri e non lasciano spazio a interpretazioni: Belluno è la provincia veneta che...

Recovery Fund e Piano di Ripresa. 210 miliardi della UE da spendere e rendicontare entro il 2026. L’Italia sarà in grado? Probabilmente no

Il 2020 anno nefasto causa pandemia. Risalire si può, con le risorse UE (Recovery Fund e Piano di Ripresa e Resilienza Next Generation EU),...
Share