13.9 C
Belluno
giovedì, Maggio 6, 2021
Home Cronaca/Politica Situazione Covid Veneto. Zaia: "Pressione sugli ospedali, non crisi. Mi appello al...

Situazione Covid Veneto. Zaia: “Pressione sugli ospedali, non crisi. Mi appello al senso di responsabilità dei cittadini”

Venezia, 9 novembre 2020  –  “La situazione negli ospedali è di pressione, ma non di crisi. Ciò che preoccupa è una evidente leggerezza con cui troppe persone stanno tarando i loro comportamenti rispetto alle necessità assolute di garantire il distanziamento sociale e l’uso costante della mascherina.

Dal punto di vista organizzativo abbiamo ancora un buon margine di posti letto sia in area non critica che nelle terapie intensive, ambito nel quale abbiamo il 17% di tasso di occupazione Covid. La situazione peraltro evolve di ora in ora e, come nella precedente ondata, non ci faremo trovare impreparati. Proprio oggi ho autorizzato l’allestimento da parte della Protezione Civile di strutture mobili riscaldate esterne agli ospedali per agevolare il triage e garantire assistenza a eventuali pazienti per i quali ci potesse essere un’attesa per il ricovero. In Veneto, comunque, garantiamo un letto a tutti”.

Lo ha detto il presidente della Regione, Luca Zaia, facendo oggi il punto della
situazione del Covid-19 in Veneto, affiancato, come sempre, dagli assessori Manuela
Lanzarin (Sanità) e Gianpaolo Bottacin (Protezione Civile).
Zaia ha quindi annunciato che da domani il Veneto caricherà a livello nazionale anche
i circa diecimila tamponi rapidi che vengono effettuati ogni giorno. “Fino ad oggi – ha
precisato – anche le positività riscontrate con i rapidi venivano conteggiate nell’ambito
del numero di quelli molecolari, alzando così in maniera impropria il tasso di
incidenza tra positività e tamponi. Mi risulta che farà così anche l’Emilia Romagna”.
Sul fronte degli eccessivi assembramenti verificatisi nel fine settimana, Zaia ha
annunciato per domani un incontro di coordinamento con i Sindaci, per concordare
“eventuali” misure.
In arrivo anche l’App, che si chiama “Zero Covid Veneto”, grazie alla quale le persone
in isolamento domiciliare, con o senza sintomi, potranno comunicare la loro
situazione ai sanitari, segnalare miglioramenti o peggioramenti, chiedere l’intervento
diretto a domicilio, aiutando il lavoro dei contact tracer che sono alle prese con migliaia di positivi da tracciare. “C’è un problema posto dal Garante della Privacy che
risolveremo con una legge in Consiglio regionale, dove domani si riunirà la
Commissione e venerdì il Consiglio per l’approvazione. Stiamo per attivare un grande
servizio per le migliaia di persone in isolamento e non mi pare una violazione della
privacy se loro, spontaneamente, ci dicono come stanno e se hanno bisogno di aiuto.
Niente a che fare e nessuna concorrenza con Immuni, perché la nostra ha tutt’altri
obbiettivi”.

 

Share
- Advertisment -

Popolari

Acc. Giorgetti fiducioso sull’erogazione delle banche, cerca un investitore privato. Saviane risponde al sindaco Cesa

Roma, 5 maggio 2021 - Il ministro dello Sviluppo Economico, Giancarlo Giorgetti, in risposta al Question Time oggi alla Camera, ha riferito di aver...

La Camera di Commercio di Treviso – Belluno al primo posto tra le 14 Camere di grandi dimensioni d’Italia per percentuale di diffusione del...

Pozza: invito le 78.585 imprese che ancora non si servono del cassetto digitale ad utilizzare questa piattaforma. Sono certo che da destinatari della digitalizzazione,...

Incidente sul lavoro a Cortina, uomo cade da una scala

Cortina d'Ampezzo, 5 maggio 2021 - Incidente sul lavorio questa mattina nel cantiere edile della Electra impianti elettrici in località Sompiei nel Comune di...

Unifarco, Comune di Borgo Valbelluna e Gruppo natura Lentiai firmano la convenzione per la tutela dei prati a narciso

Prevista la sistemazione della pozza d’alpeggio situata in Loc. Col d’Artent e un monitoraggio scientifico biennale con rilievi floristici pre e post interventi Belluno, 5...
Share