13.9 C
Belluno
sabato, Dicembre 5, 2020
Home Meteo, natura, ambiente, animali Ecosistema Urbano 2020: Belluno sesta a livello nazionale

Ecosistema Urbano 2020: Belluno sesta a livello nazionale

Alberto Simiele, assessore

Belluno guadagna posizioni nella classifica di Ecosistema Urbano promossa da Legambiente e presentata oggi, piazzandosi al sesto posto nazionale, guadagnando così due posizioni rispetto all’ultima edizione e migliorando anche il risultato del 2018 (7° posto).

Con questo risultato, Belluno ottiene anche il miglior piazzamento in Veneto, seguendo nella classifica assoluta – nell’ordine – Trento, Mantova, Pordenone, Bolzano e Reggio Emilia.
A segnare questa crescita, nella categoria “Ambiente” c’è il netto balzo in avanti per quanto riguarda l’uso efficiente del suolo (dal 71esimo al 40esimo posto); lieve peggioramento nella categoria “Aria”, con l’incremento del numero di giornate di superamento dei limiti per l’ozono (22 contro i 7 della scorsa ricerca).
Netti progressi nella categoria “Acqua”, con 30 posizioni guadagnate per la dispersione idrica (da 59 a 29, dal 37,1% al 25,4%) e 7 per i consumi idrici domestici (18esimo posto contro il 25esimo del 2019, 124 litri d’acqua al giorno per abitante contro i 127,9 dello scorso anno).

Passi avanti importanti anche nell’area “Mobilità”, con significativi miglioramenti per quanto riguarda le piste ciclabili (15,1 mq per abitante, 24esimo posto, contro gli 8,3 e il 38esimo posto del 2019) e gli incidenti stradali (11esima posizione con 3,4 morti e feriti ogni mille abitanti; erano 3,5 e 14esimo posto nell’edizione precedente della ricerca).
Nel settore “Ambiente”, infine, Belluno entra nella top ten (nono posto) per quanto riguarda la raccolta differenziata, salita all’80%; nel 2019, il 78,8% aveva portato al decimo posto.

«Siamo soddisfatti per questo risultato: questi sono report importanti che sono anche uno stimolo per analizzare e migliorare le politiche e i comportamenti in campo ambientale. – commenta l’assessore alle politiche ambientali, Alberto Simiele – Possiamo rilevare come da anni Belluno sia fissa nella top ten assoluta e come si attesti quasi sempre in buone posizioni per ognuno dei 18 parametri analizzati. Questo è merito delle amministrazioni e dei cittadini: pensiamo alla cultura della raccolta differenziata, con un 80% bellunese rispetto al 58% della media nazionale, o allo sviluppo delle piste ciclabili. Con i lavori fatti quest’anno, miglioreremo ancora quest’ultimo risultato e personalmente porterò avanti il progetto della Bicipolitana proposto da FIAB Belluno. Allo stesso tempo, siamo la provincia veneta con il più alto tasso di auto ogni cento abitanti, ma dobbiamo tenere conto delle diverse situazioni geografiche e fisiche dei territori: questo ci può spingere a sviluppare ancora di più le piste ciclabili e un sistema di trasporto pubblico locale a chiamata. La pandemia ha cambiato e sta cambiando il nostro stile di vita: da questa analisi possiamo partire e ragionare per costruire un futuro diverso, facendoci trovare pronti all’utilizzo dei fondi europei e nazionali che potranno arrivare».

Share
- Advertisment -

Popolari

Maltempo. Ordinanza del prefetto: sabato scuole chiuse. Allarme codice rosso: evitare spostamenti se non strettamente necessari

Il territorio della provincia è interessato da precipitazioni estese e persistenti. Il Centro Funzionale Decentrato della Regione Veneto in data odierna ha emesso l’avviso di...

48 ore di maltempo, massima criticità da sabato pomeriggio a domenica. Quota neve 1200-1500 metri

Venezia, 4 dicembre 2020  -  Il Centro Funzionale Decentrato della Protezione Civile, alla luce delle previsioni meteo di ARPAV e dell’intensa ondata di maltempo in...

Il Tar del Veneto conferma la legittimità del calendario venatorio provinciale. De Bon: «Spiace che posizioni ideologiche abbiano fatto perdere tempo ai nostri uffici»

Con ordinanza n. 612/2020 pubblicata oggi (4 dicembre) la Sezione prima del Tar Veneto si è nuovamente pronunciata a favore delle decisioni della Provincia...

Nuovo Dpcm, attività turistiche in ginocchio. De Carlo: “Il Governo non vada in vacanza e programmi la ripartenza. L’area montana ha bisogno di sostegni...

"Non possiamo trovarci all'Epifania con albergatori e impiantisti che non sanno che fare l'indomani: il Governo non vada in vacanza, inizi ora a programmare...
Share