13.9 C
Belluno
mercoledì, Novembre 25, 2020
Home Prima Pagina Scuole superiori, didattica digitale per il 75% degli studenti. Ordinanza regionale in...

Scuole superiori, didattica digitale per il 75% degli studenti. Ordinanza regionale in vigore dal 28 ottobre

Il presidente della Regione del Veneto Luca Zaia ha firmato la seguente ordinanza in ossequio al Dpcm del 25 ottobre che non lascia margini alle Regioni se non quello di applicare la didattica digitale per almeno il 75% degli studenti delle scuole superiori. Il provvedimento regionale si applica da mercoledì 28 ottobre 2020. Ecco di seguito il testo integrale.

A) Attività scolastica. Formazione professionale
1. Per le ragioni di ordine sanitario di cui in premessa, a decorrere dal 28 ottobre e fino
al 24 novembre 2020 gli Istituti di istruzione secondaria di secondo grado, statali e
paritari, adottano la didattica digitale integrata complementare alla didattica in
presenza per gli studenti dei percorsi di studio e per gli iscritti ai percorsi di secondo
livello dell’istruzione degli adulti, con criteri di rotazione fra le classi o fra gli
studenti all’interno delle classi. In ogni caso deve essere assicurato il ricorso alla
didattica digitale integrata per non meno del 75% degli studenti.
2. Per gli istituti di cui al punto precedente, è raccomandata l’applicazione dell’attività
didattica in presenza prioritariamente nelle classi prime.
3. Le modalità concrete di attuazione delle misure di cui al punto 1) e della
raccomandazione di cui al punto 2) sono definite dalle Istituzioni scolastiche,
facendo ricorso alla flessibilità organizzativa di cui agli articoli 4 e 5 del D.P.R. n.
275/1999 e nel rispetto delle linee guida per la didattica digitale integrata adottate
con decreto del Ministro dell’Istruzione n. 89 del 7 agosto 2020 e successive
modifiche.
4. E’, comunque, sempre garantita la didattica in presenza agli alunni con disabilità
certificata, mentre sono favoriti i percorsi di istruzione domiciliare per gli alunni
con patologie gravi o immunodepressi (cd. alunni “fragili”), secondo quanto
previsto dall’ordinanza del Ministro dell’Istruzione n. 134 del 9 ottobre 2020 e
successive modifiche.
5. A decorrere dal 28 ottobre e fino al 24 novembre 2020 le Scuole di istruzione e
formazione professionale (IeFP) sono invitate ad adottare la didattica digitale
integrata complementare alla didattica in presenza per gli studenti di tutti gli
indirizzi di studio, con criteri di rotazione fra le classi o fra gli studenti all’interno
delle classi, ove possibile e compatibilmente con le esigenze di attività di
laboratorio e pratiche e con priorità per le classi prime. Si suggerisce il ricorso alla
didattica digitale integrata per il 75% degli studenti e si invita a riservare la quota
parte di didattica in presenza alle attività laboratoriali che risultano difficilmente
compatibili con la didattica digitale integrata complementare.
B) Mense per lavoratori
In attuazione della lett. ee) dell’art. 1, comma 9, del DPCM 24.10.2020, per i
lavoratori in trasferta per più giorni è consentita l’effettuazione, previo apposito
contratto, di attività di mensa per addetti di una o più imprese in trasferta presso
esercizi autorizzati all’attività di somministrazione, senza limite di orario. Possono
essere ammessi solo i lavoratori nominativamente indicati dal rispettivo datore di
lavoro e nel rispetto dell’orario predeterminato, suddiviso in turni, ove non ospitati
in strutture alberghiere con ristorante. Devono essere rispettate le linee guida di cui
Mod. B – copia Opgr n. 145 del 26 ottobre 2020 pag. 5 di 5
alla scheda sulla ristorazione dell’allegato 9 del DPCM 24.10.2020 e successive
modifiche.
L’esercente dà comunicazione preventiva del servizio al comune.
C) Disposizioni finali
Fatto salvo il diverso termine fissato nella lettera A), la presente ordinanza ha effetto
dalla pubblicazione sul Bollettino Ufficiale della Regione fino al 24 novembre 2020.
Le disposizioni potranno essere modificate e revocate integralmente a fronte di
mutamenti epidemiologici e normativi.
Rimane efficace, per quanto non modificato dal presente provvedimento e dal DPCM
24.10.2020, l’ordinanza n. 141 del 17.10.2020.
Per quanto non regolato dalla presente ordinanza e dall’ordinanza richiamata, valgono
le disposizioni di legge e dei Decreti del Presidente del Consiglio attuativi del decretolegge 25 marzo 2020, n. 19 e del decreto-legge 16 maggio 2020, n. 33.
Le disposizioni attuative e specificative delle previsioni della presente ordinanza
adottate dalle strutture regionali sono efficaci dalla pubblicazione sul sito internet della
Regione.
La violazione delle presenti disposizioni comporta l’applicazione delle sanzioni di cui
all’art. 4 del decreto legge 25 marzo 2020, n. 19 e dall’art. 2 del decreto legge 16
maggio 2020, n. 33, oltre a quelle previste dalle ordinanze prorogate.
L’accertamento delle violazioni, con possibile applicazione delle misure cautelari,
compete agli organi di polizia di cui all’art. 13 della legge n. 689/81; le sanzioni
pecuniarie sono destinate all’ente di appartenenza dell’organo accertatore;
l’applicazione delle sanzioni pecuniarie e accessorie compete, per quanto riguarda la
violazione delle ordinanze regionali, ai comuni ai sensi della l.r. 10/77.

Share
- Advertisment -

Popolari

Appropriazione indebita aggravata e continuata. Denunciato dipendente della Mares Ortofrutta di Sedico

I carabinieri di Sedico, a conclusione delle indagini, hanno denunciato in stato di libertà per appropriazione indebita aggravata e continuata uno dei dipendenti dell'esercizio...

Sabato a Belluno riaprono tutti i mercati

Belluno, 25 novembre 2020 - Il sindaco di Belluno, Jacopo Massaro, ha firmato oggi l'ordinanza che consentirà nella giornata di sabato la riapertura di...

Impianti sciistici. Carraro (Confindustria Veneto) e Berton (Confindustria Belluno): la salute pubblica non si discute, ma non può esserci concorrenza sleale

«Fin dall'inizio della pandemia abbiamo detto che la salute pubblica viene prima di tutto. Lo confermiamo anche in questa occasione. Ma non va dimenticato...

Incendio di un’abitazione a Umin. Attivate le misure di sostegno al nucleo familiare. Aperta una sottoscrizione

A seguito dell’incendio che ha gravemente danneggiato nel tardo pomeriggio di martedì 24 novembre un’abitazione situata nella frazione di Umin, l’Amministrazione ha prontamente attivato...
Share