13.9 C
Belluno
mercoledì, Ottobre 28, 2020
Home Lavoro, Economia, Turismo Fondo solidarietà bilaterale artigianato bloccato. Scarzanella: imprenditori senza assegno da maggio

Fondo solidarietà bilaterale artigianato bloccato. Scarzanella: imprenditori senza assegno da maggio

Claudia Scarzanella

«Il lockdown e la pandemia continuano a mettere in ginocchio il mondo dell’artigianato. La situazione comincia a farsi insostenibile». È quanto afferma la presidente di Confartigianato Belluno, Claudia Scarzanella. Il dato preoccupante, emerso negli ultimi giorni, è quello degli artigiani in attesa del Fsba (Fondo solidarietà bilaterale dell’artigianato), 35mila in Veneto secondo i rilievi di Ebav, l’ente bilaterale dell’artigianato.

«Si tratta di imprenditori che si trovano in condizioni difficili, senza liquidità, che cercano in tutti i modi di mandare avanti le loro imprese – sottolinea la presidente Scarzanella -. Artigiani che hanno ricevuto l’ultimo assegno a maggio, poi basta. Anche in provincia di Belluno abbiamo segnalazioni di situazioni simili, anche di imprese che hanno anticipato la cassa ai dipendenti, pur di continuare il lavoro. Bisogna intervenire al più presto per sbloccare gli ammortizzatori sociali, altrimenti si rischia di creare un buco profondo nel tessuto imprenditoriale del nostro territorio, anche con conseguenze pesanti a livello sociale».

«L’associazione ha seguito gratuitamente le pratiche di oltre 500 aziende che versano a Ebav proprio per sostenere le imprese – rileva il direttore di Confartigianato Belluno, Michele Basso -. Ebav ha fatto la sua parte utilizzando tutte le risorse. Ora però sono necessari nuovi fondi. Non si tratta di un capriccio, ma di una necessità: queste risorse infatti servono per pagare i lavoratori».

L’altro dato allarmante arriva dall’ultimo report della Cgia di Mestre, basato sulle previsioni dell’Istat. Entro la fine di quest’anno infatti circa 3,6 milioni di addetti rischiano di perdere il posto di lavoro proprio a causa del Covid. Sulla base di tali dati, l’Ufficio studi della Cgia segnala che una parte di questi esuberi verrà sicuramente “assorbita” dall’economia sommersa. Non saranno pochi, infatti, coloro che, dopo aver perso il posto in fabbrica o in ufficio, si rimboccheranno le maniche in qualsiasi modo, anche ricorrendo al lavoro in nero. In Veneto si stimano circa 206.400 lavoratori irregolari, vale a dire il 9,1% (per un valore aggiunto di quasi 6 miliardi di euro).

«I numeri previsti dalla Cgia sono allarmanti – prosegue Scarzanella -. Ma non sono certo figli del caso, semmai della situazione creata dalla pandemia, che sta mettendo a dura prova soprattutto gli artigiani. Se non viene pagata la cassa integrazione, le persone devono comunque vivere di qualcosa. E i dipendenti degli artigiani che lavorano nei servizi – dal sistema casa alla persona – potrebbero dover ricorrere al nero per sopravvivere. Certo, una situazione tutt’altro che auspicabile, ma se non cambiano le cose, se l’economia non riparte, non ci sono margini».

Confartigianato Belluno lancia un grido d’allarme forte e chiaro: «Servono misure concrete a favore delle piccole medie imprese, che al momento arrancano ma sono quelle che sostengono lo Stato in un momento difficile, pagando le tasse fino all’ultimo centesimo. Non chiediamo forme di assistenzialismo, bensì interventi di defiscalizzazione e sburocratizzazione, per agevolare il lavoro. Le nostre imprese non vogliono aiuti, ma essere messe nelle condizioni di poter continuare a lavorare e dare lavoro».

Share
- Advertisment -


Popolari

Ordinanza Alto Adige. Bond (FI): «Si prendono gioco dell’Italia. E al governo va bene così»

«Oltre al danno, la beffa: l'Alto Adige ci prende in giro. L'ultima sprezzante iniziativa è una pubblicità a pagamento su alcuni quotidiani nazionali». Così...

Case popolari, aperto il bando per il 2020. Domande entro il 4 dicembre

L’Azienda Territoriale per l'Edilizia Residenziale della Provincia di Belluno informa che è aperto il bando di concorso per l'assegnazione di alloggio di edilizia residenziale...

Covid-19 e il crollo dell’Occidente * di Aldo Constantini 

Perché l’oriente (Cina, Hong Kong, Taiwan, Vietnam, Singapore, Sud Korea, Giappone) riescono a controllare e gestire la pandemia di Covid-19 e l’occidente (Italia, Francia,...

Tre furti in appartamento. Due a Borgo Valbelluna e uno a Pedavena

Sono tre i furti in appartamento denunciati tra ieri e oggi: due sono avvenuti nel Comune di Borgo Valbelluna nel quartiere Salvo d'Acquisto dove...
Share