13.9 C
Belluno
venerdì, Maggio 7, 2021
Home Prima Pagina Spopolamento della montagna, ecco le cause principali

Spopolamento della montagna, ecco le cause principali

La montagna si spopola. E’ questo il grido sconsolato degli studiosi dinanzi al complesso problema del calo demografico che colpisce le nostre vallate. Le statistiche fanno salire a 230mila unità la diminuzione della popolazione avvenuta fra gli opposti versanti delle Alpi nel volgere di quest’ultimo trentennio. Una cifra elevata, tale da turbare i sonni dei nostri legislatori, e non solo di questi. Il fenomeno dello spopolamento montano è diffuso un po’ ovunque e colpisce non solo le nostre regioni orografiche, ma anche le Dinariche, i Tatra, i Carpazi, e i Pirenei, come assicura il Consiglio Nazionale delle Ricerche. Senonché per l’Italia esso rivela un carattere di indilazionabile attualità, poiché interessa un buon terzo della sua superficie. Limiterò le mie modeste osservazioni a pochi brevi cenni, lasciando a chi ha le competenze la trattazione analitica del problema che ha riflessi nazionali, sociali, economici, psicologici. Le cause determinati della riduzione delle genti di montagna sono perlopiù note a tutti poiché vi è una vasta letteratura sul tema. Accennerò alle principali cause, ossia denatalità ed emigrazione.   Per ancorare l’alpigiano alla montagna è necessario assicurargli un maggiore tenore di vita. Occorre aprire nelle singole vallate nuove strade, scuole, circoli ricreativi. Incrementare le piccole attività locali, l’artigianato, il turismo, il patrimonio zootecnico e silvestre, senza togliere nulla dell’esistente, né un Municipio, una segheria, un mulino. Tanto meglio se la fiscalità potrà rivedere a vantaggio del montanaro il pesante fardello tributario che lo opprime. Attuando sia pur per gradi siffatte provvidenza egli  non sentirà più lo stimolo all’evasione.

Questo scriveva pressappoco A. Arban su Il Gazzettino del 5 novembre del 1948 reperibile nell’Archivio on line della Biblioteca Civica di Belluno.  Parole che a distanza di 72 anni, sono ancora attuali. Ho eliminato solo qualche parte, come la mortalità infantile, che oggi, fortunatamente, non rappresenta più una minaccia.

Share
- Advertisment -

Popolari

Efficientamento energetico, dissesto idrogeologico e sicurezza stradale. Belluno, Zoppè e Limana assegnatari di 384.640 euro

Belluno, Zoppè di Cadore e Limana sono i tre comuni del Bellunese tra i primi assegnatari dei fondi del Bando per l'efficientamento energetico. Secondo...

Fondo per i comprensori sciistici. De Carlo: “Soddisfatti, ma il provvedimento è troppo sbilanciato verso il Trentino Alto Adige”

“Abbiamo cercato di migliorare il Fondo per la montagna previsto dal Decreto Sostegni, provando a riequilibrare la ripartizione delle risorse su tutte le regioni,...

Fitoche, un progetto per salvare la montagna veneta, gli allevamenti e le produzioni

Il presidente Floriano De Franceschi: "un'iniziativa trasversale, con partner i cinque caseifici veneti di montagna, gli allevamenti ed il mondo della ricerca universitaria" Vicenza, 7...

Nuovo punto vaccinale a Sedico con Luxottica

Belluno, 7 maggio 2021 – L’Ulss Dolomiti, Comune di Sedico e Luxottica hanno definito congiuntamente un percorso collaborativo per attivare un nuovo Centro vaccinale...
Share