13.9 C
Belluno
giovedì, Maggio 13, 2021
Home Cronaca/Politica Predazioni del lupo. De Carlo: "Basta riempirsi la bocca con l'ecosostenibilità se...

Predazioni del lupo. De Carlo: “Basta riempirsi la bocca con l’ecosostenibilità se poi si lasciano soli gli allevatori”

“Basta riempirsi la bocca con l’ecosostenibilità, se poi si lasciano soli gli allevatori. Io sto dalla parte di chi lavora: perdere il proprio bestiame per gli attacchi del lupo è un dramma che ha già portato molte aziende a chiudere. Vogliamo intervenire o aspettiamo che chiudano tutte?”.

Il coordinatore veneto di Fratelli d’Italia, Luca De Carlo, chiede nuovamente interventi a difesa degli imprenditori agricoli colpiti dalle predazioni degli animali selvatici, dopo i recenti fatti avvenuti in Nevegal e a Borgo Valbelluna, nel Bellunese, e a Segusino, nel Trevigiano.

“Al mondo dell’agricoltura chiediamo la tutela della biodiversità e deleghiamo a loro la cura del territorio e il presidio di aree altrimenti destinate all’abbandono; gli imprenditori vengono sottoposti a norme complicate, gli si chiede di evolversi e ampliare la loro attività nei settori del turismo e dell’accoglienza. Loro tutto questo lo fanno perché amano il proprio lavoro e la propria terra”, sottolinea De Carlo. “Quando però c’è da prendere delle decisioni a loro sostegno, che magari possono infastidire i soliti ambientalisti da salotto, ecco che improvvisamente ci si dimentica di loro e dei loro problemi. C’è chi, come Marco Vuerich in Nevegal, ogni anno cerca di proporre una novità per attirare turisti e curare e sviluppare l’area, ma a persone come lui – e ce ne sono tante – non arriva nessun supporto. Quanto ancora possono durare le aziende, abbandonate così a loro stesse? Vogliamo difendere chi lavora anche per la sicurezza del nostro territorio o preferiamo l’abbandono della terra per stare tutti a casa a poltrire col reddito di cittadinanza?”.

De Carlo ricorda la sua attività in parlamento quando, prima in Commissione Agricoltura e poi alla Camera dei Deputati, ha presentato precise interrogazioni al Ministro dell’Ambiente chiedendo azioni concrete: “Io non sono per l’abbattimento a prescindere del lupo, ma voglio difendere il lavoro dei nostri agricoltori e allevatori. Lo ripeto: probabilmente per qualcuno gli animali della fattoria esistono solo nei libri e nei cartoni animati, e sono sicuro che se i lupi anziché pecore o asini assalissero i gattini ci sarebbe una rivolta popolare e si interverrebbe subito. Da troppi anni chiediamo inutilmente che si faccia qualcosa; tutti parlano di contrastare lo spopolamento, ma la risposta è l’abbandono degli allevatori alla loro disperazione e rassegnazione, che non può che portare a una fuga dalle terre consegnate al lupo da questa politica sorda”.

Share
- Advertisment -

Popolari

Zero pazienti in terapia intensiva all’Ulss Dolomiti. Disattivata anche la geriatria covid al San Martino. Vaccini, superati i 100mila

Belluno, 12 maggio 2021 - Al momento non ci sono pazienti covid positivi in Terapia Intensiva in Ulss Dolomiti. Rimangono comunque disponibili, in caso di...

Feltre. Prorogate al 31 luglio le aperture festive per acconciatori, estetisti, tatuaggio e piercing

Il sindaco di Feltre Paolo Perenzin ha firmato l'ordinanza che autorizza l'apertura in deroga nelle giornate festive per le attività di acconciatore, estetista, tatuaggio...

Riaperture in attesa del nuovo Decreto. Lunedì 17 maggio prevista la Cabina di regia tra le forze di maggioranza

In Veneto, solo per la filiera matrimoni, un indotto da 450 milioni fermo al palo da oltre un anno Froncolati, Portavoce Ho.Re.Ca. CNA Veneto: «In...

Il 90% di bellunesi vota a favore delle energie rinnovabili

Belluno 12 maggio 2021 - Nove bellunesi su dieci ritengono importante che la propria casa venga alimentata da energie rinnovabili e oltre otto su...
Share