13.9 C
Belluno
sabato, Settembre 19, 2020
Home Cronaca/Politica Operatività di strada e di comunità. Il consigliere Addamiano chiede notizie del...

Operatività di strada e di comunità. Il consigliere Addamiano chiede notizie del progetto alla II^ Commissione

Raffaele Addamiano

Nell’ottobre del 2018 il Comune di Belluno aveva avviato un progetto denominato “Una Comunità a sostegno della famiglia” – “L’Operatività di strada e di comunità” della durata triennale, con scadenza agosto 2021.

A chiedere conto dell’iniziativa e dei risultati effettivamente conseguiti, è il consigliere comunale di opposizione Raffaele Addamiano (Lista Obiettivo Belluno – Fratelli d’Italia), attraverso la richiesta di convocazione della III^ Commissione Consiliare Permanente.

“Credo sia opportuno conoscere finalmente nella sede istituzionale deputata tutti gli aspetti concernenti in concreto e nello specifico – scrive Addamiano –  la iniziativa de qua, poiché trattasi, senza retorica, di incidere sulla formazione individuale delle future generazioni di bellunesi e, quindi, di capire come si articolino le politiche giovanili del Comune Capoluogo, necessariamente scevre di condizionamenti ideologici, diretti o indiretti”.

Il progetto Operatività di strada, attività per le classi, secondo il programma, sarebbe stato svolto sul territorio del Comune di Belluno da operatori con specifica formazione, attraverso percorsi formativi nelle scuole secondarie di primo grado. Con attività laboratoriale su tematiche concordate con gli insegnanti in base alle caratteristiche, esigenze e problematiche delle singole classi, quali ad esempio quelli relativi all’identità personale, alle dinamiche di gruppo, all’autostima, alla comunicazione interpersonale, all’educazione alla cittadinanza, alla gestione dei conflitti ed alla comunicazione multimediale (uso cellulari ultima generazione, social network, all’affettività-sessualità, ecc). Con l’obiettivo di sostenere i ragazzi nell’affrontare situazioni educative chiave in preadolescenza; valorizzare spazi e momenti di crescita personale, di gruppo e di comunità, attraverso percorsi di cittadinanza e di partecipazione; individuare e agganciare l’adolescente a rischio o deviante, contrastandone la condizione di disagio.

Il progetto Operatività di strada rivolta ai ragazzi è rivolto agli adolescenti presenti sul territorio del Comune di Belluno in aggregazioni spontanee. Consiste in uscite settimanali in modo stabile nei luoghi formali ed informali del territorio comunale, per fungere da presenza educativa di riferimento per i giovani del territorio, per l’ascolto dei loro bisogni e delle loro difficoltà, per facilitare l’attivazione delle risorse del territorio in risposta ai bisogni emersi. Lo scopo è: aggancio dei leader dei gruppi giovanili; aggancio con gruppi/compagnie; creazione di una relazione di reciprocità; raccolta dei bisogni dei giovani; co-costruzione di spazi di sostegno alla crescita, in particolare con gruppi a rischio; facilitazione rispetto alla relazione con il mondo adulto presente nel territorio; facilitazione rispetto al reperimento di informazioni e all’accesso ai servizi pubblici; creazione di un “tavolo di condivisione e/o co-progettazione-cogestione-attivazione” con soggetti/istituzioni leader nel territorio.

Share
- Advertisment -



Popolari

Gli appuntamenti di settembre e ottobre all’Insolita storia

Proseguono gli appuntamenti culturali al bar Insolita Storia di Belluno. Dopo il successo di giovedì 17 settembre con la presentazione del libro "sette giorni...

Auto e moto d’epoca. Il più importante mercato europeo dal 22 al 25 ottobre alla Fiera di Padova

Torna la rassegna Auto e moto d'epoca alla Fiera di Padova dal 22 al 25 ottobre 2020 L'edizione di quest'anno inizia all’insegna dell’emozione con due...

L’Ugo nel pagliaio. Venerdì alla Libreria Tarantola la presentazione del libro di Rapezzi

Riprendono gli incontri alla Libreria Tarantola di Belluno. Venerdì 25 settembre con inizio alle 18.30 si terrà la presentazione dell’ultimo libro di Ugo Rapezzi....

Contributi regionali per 6 milioni e mezzo per la valorizzazione delle destinazioni turistiche i

Venezia, 18 settembre 2020   “Le conseguenze del lungo periodo di lockdown ci hanno imposto la necessità di un rilancio complessivo e immediato dell’economia veneta...
Share