13.9 C
Belluno
martedì, Ottobre 20, 2020
Home Cronaca/Politica Oltre 11 milioni in due anni per ripristinare i Serrai di...

Oltre 11 milioni in due anni per ripristinare i Serrai di Sottoguda distrutti dalla tempesta Vaia

Venezia, 29 luglio 2020  –  È stata pubblicata oggi nella Gazzetta Ufficiale dell’Unione Europea la gara per l’affidamento dei lavori di ripristino e messa in sicurezza dei Serrai di Sottoguda in Comune di Rocca Pietore (BL), violentemente colpiti e profondamente danneggiati dalla furia della tempesta Vaia abbattutasi sulle montagne venete nell’autunno di due anni fa. La gara prevede lavori per un importo complessivo di 9,1 milioni di euro.

“In due anni abbiamo investito oltre 11 milioni per mettere in sicurezza e ridare splendore ai Serrai di Sottoguda – spiega il presidente della Regione Zaia nel suo ruolo di commissario delegato per l’emergenza maltempo dell’autunno 2018 – ricordo, infatti, che lo scorso anno sono stati avviati interventi di rimozione rocce pericolanti e formazione di pista di servizio per 2 milioni di euro, oggi in fase di completamento”.

“I cantieri sono aperti e visibili a tutti – commenta ancora Zaiao – quello dei Serrai è un cantiere simbolo degli oltre 1.000 avviati lo scorso anno per ridare splendore alla nostra montagna ferita da Vaia. Riportare i Serrai alla loro bellezza e renderli fruibili è un impegno che ci siamo presi e che stiamo portando avanti con il massimo impegno con il coinvolgimento di tutti i Soggetti Attuatori, molti dei quali sono i Comuni. Come ho avuto modo di dire più volte, Vaia ha devastato i nostri boschi, ma noi stiamo riportando il territorio ad essere più sicuro e ancora più bello di prima”.

I Serrai di Sottoguda sono uno dei luoghi più emblematici del paesaggio dolomitico, costituiti da una profonda forra, lunga poco più di 2 km e larga da 5 a 20 metri, scavata nella roccia calcarea dall’erosione dei ghiacciai e dalle acque del torrente Pettorina che scorre in uno scenario imponente tra pareti verticali alte oltre sessanta metri.
A seguito della tempesta VAIA che nell’autunno 2018 ha devastato l’intera forra, il Commissario ha stanziato, su due annualità 11.100.000 euro per il ripristino di questo sito di straordinaria valenza naturalistica e di grande richiamo turistico.
Dei fondi stanziati, 2.000.000 di euro sono già stati spesi nel 2019. Di questa cifra 1.500.000 euro sono stati destinati alla realizzazione di un primo lotto di lavori emergenziali, quali la messa in sicurezza delle pareti rocciose della forra e la ricostituzione di una adeguata viabilità di accesso, e 500.000 euro per la progettazione degli ulteriori interventi atti a conseguire la completa riqualifica del sito, da intendersi non come mera ricostruzione di una infrastruttura di visita secondo criteri di sostenibilità ma piuttosto come sapiente ricomposizione di “un’opera d’arte naturale”.
Gli ulteriori 9.100.000 di euro sono riservati alla realizzazione degli interventi di riqualificazione risultati prioritari e comprendenti:
– il rifacimento del percorso di base lungo il canyon naturale per circa 1,6 km, comprensivo di quattro attraversamenti del torrente Pettorina su passerelle poste a quota di sicurezza idraulica rispetto alle piene di progetto e di tombotti per il superamento degli affluenti laterali sì da ridare fruibilità turistica all’area;
– la realizzazione di opere di protezione fluviale lungo il corso del Pettorina quali pulizie, rinforzi d’alveo e difese spondali sì da aumentare la resilienza delle strutture e la sicurezza idraulica degli abitati a valle;
– la stabilizzazione dei versanti mediante disgaggi, chiodature e attivazione di sistemi di monitoraggio;
– la realizzazione dei sottoservizi a rete necessari ad una completa infrastrutturazione dell’area, alloggiati in una apposita dorsale al di sotto del percorso di base e comprensivi di acquedotto, fognatura ed illuminazione.

L’appalto di tali opere, al netto dell’IVA e delle spese tecniche, assomma a circa 6,8 milioni di euro ed è stato pubblicato oggi nella Gazzetta Ufficiale dell’Unione Europea.

Share
- Advertisment -


Popolari

Confcooperative Belluno e Treviso: i prodotti delle coop agroalimentari aiutano le famiglie bellunesi in difficoltà

L’associazione di categoria ha sposato il progetto “La povertà a casa nostra”, promosso da Insieme si può, in occasione di Scoop!: durante la festa...

Treviso nega il patrocinio al convegno di Crisanti. Zanoni: “Nello Zaiastan è vietato criticare il Doge”

Treviso, 20 ottobre 2020   "È vergognoso che la Giunta di Treviso ritiri il patrocinio a un convegno dell'Ateneo di Treviso sulla pandemia perché la...

Olimpiadi invernali 2026. Fondazione Milano Cortina, Confindustria Lombardia e Confindustria Veneto siglano due protocolli d’intesa

Con Assolombarda, Confindustria Lecco e Sondrio e Confindustria Belluno Dolomiti, coinvolte le eccellenze dei territori che ospiteranno gli eventi sportivi. Fare sinergia e attivare...

La Lega perde un consigliere in consiglio comunale di Belluno, Andrea Stella va con Fratelli d’Italia

Andrea Stella, figura di spicco della Lega di Belluno nella quale milita dal 2007 e all'interno della quale ha ricoperto vari ruoli, lascia il...
Share