13.9 C
Belluno
martedì, Maggio 11, 2021
Home Arte, Cultura, Spettacoli Appuntamenti Lago Film Fest 2020. Incanto e stupore a Revine Lago: gli abitanti...

Lago Film Fest 2020. Incanto e stupore a Revine Lago: gli abitanti del borgo aprono le finestre delle loro case per ospitare le video installazioni

Revine Lago, 28 luglio 2020  –  Continuano i sold out del Lago Film Fest il festival di cinema indipendente che conquista il suo primo weekend di proiezioni che, nonostante tutte le restrizioni imposte dal caso Covid-19, riscuote un enorme successo di pubblico coronando ogni serata con un tutto esaurito, dimostrando ancora una volta che la curiosità e
l’interesse nei confronti della cultura e, in questo caso, del cinema sono difficili da
arrestare.

Oltre al grande afflusso di audience adulta alle proiezioni in concorso nelle
diverse categorie (Internazionali, Nazionali, Nuovi segni e Regione del Veneto),
risulta estremamente apprezzata anche l’arena Unicef dedicata a bambini e ragazzi
con corti selezionati appositamente in base alle fasce d’età.
Lago Film Fest in questa 16ma edizione così speciale, intima ed essenziale, prende
inoltre l’importante decisione di non calare il sipario su quei luoghi che sono stati il
palcoscenico delle rassegne precedenti, scegliendo di non spegnere quelle luci
soffuse che hanno sempre caratterizzato le viuzze del borgo con un’atmosfera
sospesa tra realtà e favola. Lago Film Fest 2020 sarà quindi arricchito da un‘esperienza
sensazionale che si è scelto di chiamare “Festival Diffuso”, che vedrà disseminate
nel paese una serie di installazioni artistiche che vanno a mimetizzarsi nel paesaggio
urbano e di cui gli spettatori potranno fruire tramite un percorso che si fa ponte tra il
festival che c’è stato, che c’è e che ci sarà.

“Non volevamo arrenderci all’idea di un borgo spento dopo 16 anni di festival – commenta Carlo Migotto, direttore artistico del festival con Viviana Carlet e Morena Faverin  –  abbiamo quindi raccolto l’invito di molti abitanti del paese che ci hanno messo a disposizione finestre e facciate delle case. Per la prima volta dopo quindici
anni il borgo di Lago non sarà “luogo di assembramento”. Vicoli e i cortili non ospiteranno performance, concerti o proiezioni. Tutto accadrà in riva al lago.
Nonostante ciò, abbiamo deciso di continuare a fare quello che abbiamo sempre
fatto: reinventare il paesaggio e trasformarlo in luogo di fruizione artistica. Il pubblico
del festival sarà invitato a visitare il borgo di Lago e scoprire una serie di interventi
artistici nascosti nel paesaggio urbano. Ne è venuto fuori un progetto incredibile che
sta incantando il pubblico tutte le sere.

Lago Film Fest 2020 si va a reinventare inoltre anche dal punto di vista della giuria, rendendo spettatori grandi e piccini protagonisti fondamentali del festival, regalando loro
l’occasione di mettersi in gioco in qualità di giudici, decretando così i film vincitori
dell’evento. Per chi fosse poi impossibilitato nel seguire le proiezioni fisicamente è
fornita l’occasione di acquistare un virtual pass, di cui sono già trecento gli attuali
fruitori, che permette di partecipare in tempo reale al festival.

Date le numerose adesioni alle dieci serate totali che vanno a costituire LFF2020,
che si concluderanno definitivamente il 3 di Agosto, è caldamente consigliato di
assicurarsi un posto a sedere sotto le stelle della magnifica location del festival che
quest’anno sarà concentrata nell’area archeologica Livelet, in località Lago. Tramite
la piattaforma online dedicata all’evento, www.lff2020.com, è infatti possibile
garantire la prenotazione della propria seduta e – in caso di pioggia – è assicurata la
possibilità di guardare i film in streaming, avendo così l’occasione di godere
dell’esperienza in tutta sicurezza e comodità.

Un grande successo dunque per l’appena inaugurata edizione di Lago Film Fest e
per la sua opera di resistenza culturale che vede nascere sulla riva del lago di
Revine-Lago quella che è la sala cinematografica all’aperto più suggestiva d’Italia,
proiettando i cortometraggi nati dal genio di registi emergenti e non su uno schermo
king-size di 80 metri quadri.
LFF infatti sorprende ed incanta lo spettatore ogni edizione più della precedente,
regalando sensazioni indimenticabili che resteranno indelebili nella memoria,
superando ogni ostacolo e crescendo giorno dopo giorno”.

Share
- Advertisment -

Popolari

Assunti sei nuovi psicologi, un medico specialista e tre fisioterapisti

Belluno, 10 maggio 2021 - Continua il rafforzamento dell’Ulss Dolomiti con l’assunzione di diverse figure sanitarie che andranno a potenziare i servizi territoriali e...

Feltre, Collezione Nasci-Franzoia: alla Galleria Rizzarda apertura con il botto

Dopo le oltre 130 persone che hanno potuto visitare la nuova collezione di vetri d’arte veneziani Nasci-Franzoia in concomitanza con la vernice per la...

Via ai lavori sui torrenti Veses e Caorame

Stanziati 250mila euro dalla Regione per i lavori di messa in sicurezza di alcuni tratti del torrente Veses nelle località Altanon e Sartena in...

Promossi tre ufficiali dei carabinieri del comando di Belluno

Tre promozioni al Comando provinciale dei carabinieri di Belluno. Da qualche giorno é stato promosso al grado di capitano Giorgio Bergamo (al centro nella...
Share