13.9 C
Belluno
lunedì, Agosto 15, 2022
Home Sanità Nuova Rianimazione e nuovo Gruppo operatorio all'ospedale di Feltre. Inaugurati i due...

Nuova Rianimazione e nuovo Gruppo operatorio all’ospedale di Feltre. Inaugurati i due nuovi reparti alla presenza del presidente Zaia

Portare il suo personale ringraziamento a tutto il personale dell’Ulss 1 Dolomiti per l’efficienza e l’impegno dimostrati durante l’emergenza Covid-19. Inaugurare due reparti di punta come la nuova Rianimazione e il nuovo Gruppo Operatorio. Rendere omaggio alla memoria del dottor Michele de Boni, amato e stimato gastroenterologo al cui appassionato lavoro si deve la qualifica dell’Ospedale di Feltre a Centro di Riferimento regionale per la gastroenterologia oncologica.

Sono questi i tre obbiettivi con i quali, oggi, il presidente della Regione del Veneto, Luca Zaia, è salito al Santa Maria del Prato di Feltre, per un’intensa ora tra incontri con medici e infermieri nella sala convegni, e un attento sopralluogo alle nuove strutture, “che portano – ha detto – questo ospedale nel top della rete ospedaliera regionale e che dimostrano tutta l’attenzione della Regione per la sanità di montagna”, preceduto dalla cerimonia di inaugurazione e dalla scopertura di una stele in memoria del dottor de Boni.

L’intera piastra dell’Ospedale è stata realizzata con un investimento complessivo di 40,8 milioni di euro. Per la nuova rianimazione sono stati spesi 3.601.000 euro, più 449 mila per le apparecchiatura. Il nuovo Gruppo Operatorio, composto da sette sale, è costato 6.163.000 euro, più 1.742 mila di apparecchiature.

“Anche quando qualche fenomeno ci accusava di trascurare la montagna – ha detto Zaia – noi non abbiamo mai mollato la presa, e questi sono i risultati: l’eccellenza, in questo caso di Feltre, cresce ancora. E non ci fermeremo, né nel bellunese, né in tutto il resto del Veneto, perché alle sole tecnologie di ultima generazione dedichiamo ogni anno, anche in questo particolarmente difficile, 70 milioni di euro”.

Il governatore ha voluto ancora una volta sfatare la diceria secondo la quale la Regione Veneto starebbe “svendendo” la sanità ai privati. “Insistono a dirlo – ha detto – certi premi Nobel che quel premio non l’hanno mai visto neanche in foto. E’ invece vero che il peso del privato è una delle percentuali più basse d’Italia e che, nell’emergenza Covid, solo il 5% dei letti necessari sono venuti dal privato. La gestione e la plancia di comando dell’emergenza, in Veneto, è stata tutta pubblica. Il privato, che è tutt’altro che da demonizzare, perché anzi è un buon partner e anche uno stimolo a far meglio in una competizione virtuosa con il pubblico, si è messo a disposizione per aiutare al bisogno. Due esempi? Il San Camillo di Treviso e Villa Salus di Mestre. Si sono offerti senza chiedere niente in cambio e sono divenuti due della rete dei Covid-Hospital che abbiamo creato in Veneto. Questo si chiama fare squadra”.

Zaia ha anche espresso la convinzione che le nuove dotazioni del Santa Maria del Prato saranno molto utili per rafforzare l’attrattività della struttura da fuori regione, che, nel 2019, ha registrato un attivo di 1.361.000 euro.

Il presidio di Feltre è anche riferimento extraregionale per l’assistenza ai residenti nella comunità di Valle del Primiero.

Massimo Bortoluzzi, consigliere provinciale

«Ringraziamo la Regione per questa opera, che costituisce un segno tangibile di interessamento al territorio e un elevato livello di attenzione alla montagna, dove la sanità rappresenta un servizio ancora più essenziale rispetto alla pianura». È quanto afferma il consigliere provinciale Massimo Bortoluzzi, che stamattina ha partecipato al taglio del nastro della nuova piastra chirurgica all’ospedale Santa Maria del Prato di Feltre, insieme al sindaco di Feltre e consigliere provinciale Paolo Perenzin.
«La montagna ha bisogno di strutture come questa, per garantire quel diritto alla sanità che altrimenti verrebbe meno in un territorio frastagliato e orograficamente complesso – prosegue il consigliere Bortoluzzi -. La costruzione della nuova piastra chirurgica, che arriva a completamento del nuovo pronto soccorso, dimostra come in squadra si ottengano grandi risultati; qui vediamo la coesione tra tutti i soggetti che hanno cofinanziato l’opera, Regione, Ulss, Provincia tramite il Fondo Comuni di confine, Stato e Fondazione Cariverona. Una coesione che abbiamo toccato con mano anche durante l’emergenza Covid, superata grazie alla professionalità dei medici e all’impegno degli infermieri, a cui va il nostro grazie».

 

Share
- Advertisment -

Popolari

Sentenza Tar Comelico. Le Associazioni ambientaliste Italia Nostra, Mountain Wilderness Italia e Lipu valutano l’appello al Consiglio di Stato

Le associazioni ambientaliste Italia Nostra, Mountain Wilderness Italia e Lipu sono stupite e amareggiate dalla sentenza del TAR Veneto n. 1280/2022 che ha annullato...

Soccorso in montagna

Belluno, 14 - 08 - 22 Nel pomeriggio il Soccorso alpino di Cortina è stato allertato per un ragazzo caduto con la bicicletta lungo...

Paracadutismo. Trofeo Città di Belluno, sventola il Tricolore grazie alla Scuola nazionale

Oltre 40 le formazioni in gara per l'evento proposto dall'Associazione paracadutismo Belluno e valido quale terzo appuntamento delle World Cup Series, la Coppa del...

Isacco Costa domina il Giro podistico di Falcade 2022

Quasi 500 i concorrenti in gara all'evento organizzato dallo Sci club Val Biois. Premio speciale dell'amministrazione comunale agli azzurri Lucia Dalmasso ed Elia Barp Falcade...
Share