13.9 C
Belluno
venerdì, Settembre 24, 2021
Home Cronaca/Politica Manifestazione per il tpl, Padrin: «Stiamo lavorando per la ripartenza, ma servono...

Manifestazione per il tpl, Padrin: «Stiamo lavorando per la ripartenza, ma servono misure straordinarie da parte dello Stato»

«Il trasporto pubblico locale è un servizio irrinunciabile per il nostro territorio e un sistema di rete che va dagli utenti fino al vertice delle aziende che effettuano le corse con bus e corriere. Il lockdown ha fatto saltare alcune connessioni di questa rete e adesso spetta a tutti noi, con l’aiuto del Governo e della Regione, rimettere insieme i pezzi e garantire la ripartenza». È il contributo del presidente della Provincia di Belluno, Roberto Padrin, portato all’incontro con il Prefetto, a margine della manifestazione a favore del tpl organizzata insieme ai consumatori, ai lavoratori di Dolomitibus e ai sindacati.

La delegazione di sindaci, amministratori, sindacati e Rsu ha consegnato al Prefetto un documento unitario, sottoscritto da tutti i portatori di interesse del territorio bellunese, in cui si chiedono al Governo stanziamenti di risorse aggiuntive per il sistema di trasporto pubblico. Perché il combinato disposto del lockdown e delle misure anti-Covid ha portato prima alla riduzione al minimo dei collegamenti autobus e poi, nel momento della riapertura parziale, al crollo degli utenti. «Uno shock pazzesco per il trasporto pubblico, che si ripercuote sulle casse dell’azienda Dolomitibus e che ci vede costretti a chiedere risorse in più allo Stato per far fronte a una situazione altrimenti ingestibile – sottolinea il presidente Padrin -. L’emergenza del momento va risolta con misure altrettanto emergenziali, perché la tenuta del sistema non può essere messa in discussione, come non può essere messo a rischio il servizio pubblico, che in una provincia montana e fatta di piccoli borghi e frazioni come la nostra significa diritto alla mobilità, al lavoro, all’istruzione e anche sviluppo turistico».

«In queste settimane abbiamo lavorato per la riattivazione parziale e progressiva di diversi collegamenti e da inizio luglio partirà il calendario estivo di Dolomitibus. In questo modo arriveremo più o meno al 60% del servizio erogato normalmente – continua il presidente Padrin -. Sappiamo che ancora non è sufficiente e proprio per questo avvieremo nuovi confronti con l’azienda, anche per preparare al meglio il ritorno a scuola a settembre, nelle modalità che verranno indicate dal ministero».

Share
- Advertisment -




Popolari

Infortuni sul lavoro in Veneto legati al covid: Verona la più colpita. Da inizio pandemia più di 14mila lavoratrici contagiate dal virus

I dati statistici dell'Osservatorio Sicurezza sul Lavoro Vega Engineering di Mestre: il rischio di mortalità in Veneto continua ad essere tra i più bassi...

Recuperato nella notte un escursionista in Civetta

Val di Zoldo (BL), 24 - 09 - 21 Ieri sera attorno alle 20.30 la Centrale del 118 ha allertato il Soccorso alpino della...

Domenica a Casale sul Sile la Festa per la Terra del coordinamento No maxi polo

Domenica 26 settembre 2021, al Parco delle Vecchie Pioppe di Casale sul Sile, si terrà la Festa per la Terra organizzata dal Coordinamento No...

Sabato il via al Giro del Veneto in 20 panini. La grande novità della 17ma edizione di Caseus Veneti

20 concorrenti provenienti da luoghi ed esperienze diversi, accomunati dalla grande professionalità, si sfideranno sabato 25 settembre per eleggere il panino più buono del...
Share