13.9 C
Belluno
mercoledì, Aprile 21, 2021
Home Cronaca/Politica La Regione si trattiene le risorse delle grandi derivazioni ad uso idroelettrico....

La Regione si trattiene le risorse delle grandi derivazioni ad uso idroelettrico. Depredata la Provincia di Belluno delle due grandi derivazioni del Piave e del Cordevole

Centrale idroelettrica di Soverzene

La proposta di legge regionale intitolata “Prime disposizioni in materia di grandi derivazioni ad uso idroelettrico” da oggi è legge. Dopo l’approvazione in sede redigente da parte della Commissione consiliare competente, avvenuta nelle scorse settimane, oggi il Consiglio Regionale ha votato a maggioranza (30 a favore, 12 astenuti e 2 contrari) il testo definitivo della normativa.

I titolari di grandi derivazioni idroelettriche avranno ora l’obbligo di fornire ogni anno a titolo gratuito alla Regione Veneto 220 kilowattora di energia elettrica per ogni kw di potenza nominale media di concessione. Diversi milioni di euro, quindi, che anziché andare direttamente alle province interessate, saranno gestiti dalla Regione che poi deciderà per la successiva ripartizione ai territori. Un provvedimento che accentra alla Regione la gestione finanziaria, in spregio alle autonomie locali, e che confinerà in subordine ancora una volta la provincia di Belluno, attraversata dalle due grandi derivazioni idroelettriche del Piave e del Cordevole e dunque geograficamente titolare del tributo.

La legge prevede la fornitura di energia, ma anche, su eventuale indicazione della giunta regionale, la possibilità di monetizzare il valore equivalente di tale energia.

Nell’individuazione delle tipologie di servizi pubblici – fa sapere la Regione – sarà data priorità ai servizi sanitari, assistenziali, scolastici, ambientali, di protezione civile, ma anche al trasporto pubblico locale, allo sport e ad attività ricreative.

Inoltre, in relazione alla specificità di ciascun territorio provinciale ai sensi dell’articolo 15 dello Statuto, l’individuazione delle tipologie di servizi pubblici e le categorie di utenti da finanziare con l’energia gratuita sarà decisa insieme alle province in relazione alla percentuale di energia attribuita al rispettivo territorio.

 

Share
- Advertisment -

Popolari

Nuovo Commissario per la gestione post Vaia. Scarzanella: «Soragni figura di rilievo, ora un ragionamento condiviso con le imprese»

Ugo Soragni è il nuovo Commissario delegato per l'emergenza legata alla tempesta Vaia. Già direttore dei Musei del ministero dei Beni Culturali, raccoglie il...

Avvicendamento alla Lega giovani: Paolo Luciani lascia, entra Marco Donno

Belluno, 20.4.2021 - Cambio al vertice della Lega Giovani della Provincia di Belluno. Il coordinamento provinciale giovanile leghista si aggiorna dopo quattro anni per...

Ulss Dolomiti. Monoclonali: 23 dosi somministrate

Continua, in Ulss Dolomiti, la terapia contro il covid attraverso l’uso dei monoclonali. I risultati sono soddisfacenti. Ad oggi sono state somministrate dalla UOC...

Da lunedì tutti a scuola, didattica in presenza al 100%. Cna Bus Fita Veneto: i bus ci sono. Scopel: didattica al 75% con capienza...

Marghera, 20 aprile 2021. Sono 350 in Veneto le imprese che si occupano di trasporto di persone su gomma, iscritte nell'Albo Regionale, per un...
Share